una sfiducia

Vorrei dire chiaramente, oggi che ne è la (f)utilissima giornata mondiale, che la poesia fa male; crea disagio, mette in difficoltà, complica il vostro rapporto con il mondo, la poesia non aiuta e non spinge, la poesia piuttosto rallenta e vi costringe a una bellezza difficile, che è quasi solo sofferenza, la poesia non fa compagnia, tutt’altro: la poesia vi rende soli, la poesia vi isola, genera solitudine, crea silenzio intorno a voi, incomprensioni, le parole delle poesia risuonano nel vuoto del vostro esserci; la poesia finisce per mutare il reale, deformarlo (e deformare anche voi, che la leggete), la poesia peggiora le vostre vite, non credete a chi vi dice il contrario, la poesia vi ammala e non vi guarisce, la poesia è un veleno forse terribile, forse però nemmeno tale: è semplicemente un retrogusto amaro che vi illude di essere un veleno e invece nemmeno quello; la poesia è solo malattia, magari venerea, disturbo della vista, acufene, herpes cronico, nemmeno mortale, soltanto fastidiosa e imbarazzante, la poesia è l’attrito con il mondo, è sfiducia.

 

Vorrei dirvi tutto questo e anche di più, ma non lo dirò, perché ci sono troppe voci oggi che dicono che la poesia non è affatto morta, anzi è viva, addirittura vivissima: che è una di quelle cose che dei vivi non si dicono proprio mai, al limite dei moribondi, più spesso dei dispersi. Per cui non dirò niente e farò finta di credere alla vitalità della poesia, alla sua utilità, al suo candore, alla bellezza e purezza della poesia, alla sua sana e robusta costituzione, al fatto che la poesia non muore mai e che i libri di poesia vendono tanto, tantissimo, ma proprio proprio tantissimo, e così anche le riviste, che gioia le riviste di poesia, che ricchezza…

 

E se non è vero, pazienza; e se vi pare assurdo, meglio per voi. Sarà che la poesia è un veleno che agisce lento e in profondità e mi ha in questi anni molto appannato, tanto che non capisco più. Perché la poesia è incomprensione, è attrito, è soprattutto sfiducia: la mia, che vale pochissimo, quella di altri, che valeva assai di più.

Tags:

Davide P.
La mia pagina Facebook: https://it-it.facebook.com/davide.loscorfano

No comments yet.

Leave a Reply

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

la chiave che non abbiamo buttato

“In carcere si aspetta sempre qualcosa, il medico, l’agente, l’educatore, il volontario, il pasto, la messa, una lettera. Nella mia […]

Commento allo studio COMPASS

A cura di Maurizio Del Pinto (altro…)

Studio CANTOS: nuove prospettive per il trattamento delle malattie cardiovascolari

A cura di Antonella Potenza (altro…)

Studio COMPASS: efficacia dell’associazione rivaroxaban ed aspirina nei pazienti con vasculopatia aterosclerotica stabile

A cura di Antonella Potenza (altro…)

Idarucizumab: Risultati finali dello studio RE-VERSE AD

A cura di Antonella Potenza (altro…)