un effimero antidoto

Una volta mi capitò di raccontare sul web di quella mia studentessa diciannovenne che si accorse che avevo fatto a pezzi (letteralmente: a pezzi, cioè a fascicoli) il mio libro di storia letteraria, per portarlo più comodamente a scuola, e se ne dichiarò scandalizzata. E lei, che per sua stessa ammissione non aveva mai letto un libro da quando la conoscevo, cioè da tre anni pieni, mi disse «I libri sono sacri!», con l’aria compunta e l’espressione grave e un po’ scandalizzata di quelli che hanno ovviamente ragione.

 

Ecco, penso a lei ogni volta che sento parlare dei libri come se fossero pozioni magiche; ma penso a lei (povera ragazza, a ben vedere, così troppo spesso dei miei pensieri…) anche nei casi di segno contrario, quando finalmente trovo qualcuno che guarda  ai libri non come a «oggetti sacri» ma come a semplici possibilità, spesso inutili, troppo spesso inservibili, quasi sempre superflui, a volte (ma così poche volte) prodigiosamente eloquenti: un raro, rarissimo, effimero antidoto contro la solitudine.

 

E dunque anche oggi ho pensato a quella studentessa, che ormai avrà trent’anni e chissà se avrà mai letto un libro nel frattempo; e chissà a quali altri (effimeri anch’essi) antidoti contro la solitudine si sarà invece affidata. L’ho fatto grazie all’intervista di Alessandro Piperno, a tratti irritante come Piperno sa essere, a tratti invece illuminante, come per esempio in questa risposta:

 

Quand’è che un libero lettore abbandona un libro?

«Credo molto nella prova del cucchiaino. Come il gelato: non è che ne devi mangiare una coppa intera per capire se ti va. Apro un libro, guardo l’incipit, il giro di frasi, l’atmosfera. Ci metto due minuti, forse anche meno, a capire se mi interessa».

 

O in questa:

 

«… I miti non vanno incontrati. Se venisse a Mantova Tolstoj, non andrei a vederlo: non mi interessa il profilo umano, mi interessano i libri».

 

E poi anche grazie al solito brillante pezzo di Guido Vitiello, bibliopatologo di tutti noi, che oggi parla della necessità di buttare via i libri, sbarazzarsene, magari farne un definitivo falò e non pensarci su. E scrive così:

 

Tutto si butta: vestiti logori, avanzi di cibi, pile di vecchie riviste, lampadine fulminate, oggetti che ingombrano senza dare nessun beneficio. Ora, in base a quale criterio dovremmo buttare la tarantola vibrante a pile da massaggio che ci hanno venduto al tavolo del ristorante e conservare, invece, uno dei centododici libri di Giampaolo Pansa che hanno la parola ‘vinti’ nel titolo, e che ingombrano molto di più? Per quale ipotetico inverno, formichine, stipiamo cose che non ci serviranno mai? E che se proprio dovessero servirci – ma non ci serviranno, fidatevi – le biblioteche stan lì apposta? “Fanne uno scatolone e mettili in soffitta”, dirà qualcuno. Ma siamo sinceri: chi è mai andato davvero in soffitta a recuperare un libro? La soffitta è come il ‘periodo di riflessione’ quando un amore finisce: una vigliaccheria.

 

I libri sono oggetti, in fondo, come tutti gli altri oggetti. A volte, ma rarissime ed effimere volte, sono invece un incontro; e queste rare volte sono il motivo per cui non li facciamo a pezzi. Non sempre, almeno.

Tags: , ,

Davide P.
La mia pagina Facebook: https://it-it.facebook.com/davide.loscorfano

2 Responses to “un effimero antidoto” Subscribe

  1. Stefania S 9 settembre, 2017 at 12:47 pm #

    I libri, quelli che hanno magari lasciato un piccolo segno, si tengono così come si fa con le fotografie, che altro non dicono che una volta eri più bello – i libri dicono più saggio -di quanto tu non sia ora. Ti dicono cosa tu sei stato, si è anche ciò che si legge, no? Mi scusi, prof, ma lei non lascia sul tavolino in salotto i libri, perché parlino di lei, stupendo il malcapitato ospite?

    • Davide P. 9 settembre, 2017 at 1:25 pm #
      Davide P.

      Ecco, sarà proprio questo il punto, gentile Stefania. Che ogni tanto sono un po’ stanco di questo parlare di me che fanno i libri. Vorrei farli un po’ tacere, ma non posso… 😉

Leave a Reply

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

la chiave che non abbiamo buttato

“In carcere si aspetta sempre qualcosa, il medico, l’agente, l’educatore, il volontario, il pasto, la messa, una lettera. Nella mia […]

Commento allo studio COMPASS

A cura di Maurizio Del Pinto (altro…)

Studio CANTOS: nuove prospettive per il trattamento delle malattie cardiovascolari

A cura di Antonella Potenza (altro…)

Studio COMPASS: efficacia dell’associazione rivaroxaban ed aspirina nei pazienti con vasculopatia aterosclerotica stabile

A cura di Antonella Potenza (altro…)

Idarucizumab: Risultati finali dello studio RE-VERSE AD

A cura di Antonella Potenza (altro…)