A cura di Antonella Potenza

Leon MB, Smith CR, Mack MJ, et al. Transcatheter or Surgical Aortic-Valve Replacement in Intermediate-Risk Patients. This article was published on April 2, 2016, at NEJM.org.

Precedenti studi hanno dimostrato una sopravvivenza simile tra il trattamento di sostituzione valvolare aortica transcatetere (TAVI) e intervento chirurgico nei pazienti con stenosi aortica ad alto rischio.

Sono stati recentemente presentati a Chicago durante il congresso ACC 2016 i dati del trial PARTNER 2 (Placement of Aortic Transcatheter Valves) sulla sostituzione valvolare aortica percutanea (TAVI) vs quella chirurgica (AVR) nei pazienti con rischio cardiovascolare intermedio a un follow-up medio di 2 anni. L’endpoint primario era la mortalità per tutte le cause o ictus invalidante a 2 anni.

Sono stati arruolati 2032 pazienti (1011 sottoposti a TAVI con device balloon-expandable Sapien XT valve vs 1021 pazienti trattati con chirurgia tradizionale), età media 81 anni, con rischio cardiovascolare intermedio (definito sulla base dello score della Society of Thoracic Surgeons). Lo score STS medio era del 5.8%, e l’81.3% della popolazione aveva uno score tra 4% e 8%. Prima della randomizzazione, i pazienti sono stati suddivisi in 2 coorti sulla base dei dati clinici e di imaging: il 76.3% è stato assegnato alla coorte approccio-transfemorale e il 23.7% alla coorte approccio trans-toracico.

A 2 anni non è emersa nessuna differenza statisticamente significativa in termini di endpoint primario tra i 2 gruppi (19.3% nel gruppo TAVI vs 21.1% nel gruppo chirurgia, HR=0.89, p=0.25); pertanto la TAVI risulta non inferiore rispetto alla chirurgia all’analisi intention-to-treat (P=0.001) e all’analisi as-treated (P<0.001). Tra i pazienti sottoposti a TAVI con approccio transfemorale, l’incidenza combinata di morte e ictus invalidante era inferiore rispetto alla chirurgia (16.8% per la TAVI rispetto al 20.4% per la chirurgia, p=0.05), mentre nella coorte con approccio trans-toracico i risultati erano simili tra i 2 gruppi.

A 30 giorni, le complicanze vascolari maggiori sono più frequenti nel gruppo TAVI rispetto alla chirurgia (7.9% vs 5.0%, p=0.008); tuttavia altre complicanze sono meno frequenti nel gruppo TAVI rispetto alla chirurgia, inclusi i sanguinamenti maggiori (10.4% vs 43.4%, p<0.001), l’insufficienza renale (1.3% vs 3.1%, p=0.006) e l’insorgenza di FA di nuovo riscontro (9.1% vs 26.4%, p<0.001). Al contrario, la frequenza e la severità del rigurgito paravalvolare è maggiore dopo TAVI rispetto alla chirurgia. Pertanto, nei pazienti con stenosi aortica severa sintomatica, le due strategie di trattamento risultano simili nel ridurre la mortalità e il rischio di stroke e si associano anche a una riduzione simile dei sintomi cardiaci.

POTENZA Trattamento della stenosi aortica severa F1

[Scarica in PDF]

Antonella Potenza
Dirigente Medico I livello. Cardiologia Interventistica IRCCS-ASMN Reggio Emilia

due libri magari sorprendenti

Anzitutto una rapida (ma essenziale) nota, stamattina, per segnalarvi l’imperdibile post in cui si descrive un epistolario di natura religiosa […]

Alirocumab efficace nei pazienti diabetici: i risultati dei trial ODYSSEY DM-Insulin e DM-Dyslipidemia

A cura di Ivana Pariggiano (altro…)

spogliarsi delle vesti

C’è una risposta molto interessante, entro un’intervista altrettanto interessante, che ho letto ieri sul web: l’ha data Antonio Di Grado, […]

sonnambulismi letterari

… attraversiamo la vita reagendo alle situazioni che ci sono familiari attenendoci sempre allo stesso copione: diciamo “bene” quando ci […]

Procedura “valve-in-valve” per la correzione transcatetere delle bioprotesi aortiche degenerate

A cura di Antonella Potenza (altro…)