6 Luglio, 2019

a riveder le stelle

Se aveste voglia di dedicarvi, nelle prossime settimane, a un’occupazione interessante, c’è un libro di cui potreste occuparvi, cioè provare a leggere, secondo me. È un libro con un titolo leopardiano (anzi, a proposito, questo è l’anno dell’Infinito, …

28 Aprile, 2019

«nulla è sicuro, ma scrivi»

La prima confessione (o sarebbe meglio dire confidenza, visto che io non sono pentito e voi non siete né sacerdoti né tribunali) è che di sei scrittrici di cui oggi vi invito a leggere le risposte a una domanda ben …

24 Febbraio, 2019

tornare

Tornare è il verbo. Non è l’unico, in realtà, ce ne sono anche altri: potrebbe andare bene per esempio «cedere», lo avevo già scritto, chissà dove; o anche «resistere», per ovvie ragioni, così come il più semplice «partire» e il …

14 Febbraio, 2019

esile mito

Avevo messo da parte (in realtà no: le avevo inserite tra i segnalibri del mio browser…), qualche giorno fa, alcune righe scritte da Vanni Santoni sulla letteratura di Jorge Luis Borges. Lo avevo fatto pensando che una mattina mi sarebbero …

3 Febbraio, 2019

un qualche animale

Ci sono le bestie feroci. Che poi, con il passare dei cerchi dei versi e dei canti diventano anche mostri, giganti, esseri alati, cani ringhiosi, ma all’inizio sono propriamente e soltanto bestie feroci, le «tre fiere» si dice nella aule …

13 Settembre, 2018

un grido

Mi piacerebbe, oggi pomeriggio, sapervi dire qualcosa del Ceronetti che nel corso degli anni ho prima ignorato, poi mal compreso e infine, soltanto in tempi recenti, amato (e letto con una certa insensata premura, anche); mi piacerebbe ma da molto …

28 Agosto, 2018

la città che un tempo fondammo

Mi pare importante, e in minima parte forse anche utile, ripartire da dove ero rimasto, poco più di un mese fa: da Enea, l’eroe troiano che, per volere del destino, molti secoli fa, giunse profugo sulle spiagge dell’Italia, dopo essere …

27 Aprile, 2018

giorni quasi prodigiosi

Ieri sera ho scritto sul mio profilo facebook due righe che qualche amico ha generosamente apprezzato. Le righe dicevano che è uscita un’edizione critica e commentata della prima raccolta di versi di Franco Fortini, quella che si intitola profeticamente Foglio

21 Marzo, 2018

le inspiegabili

Se avete bisogno, nella giornata primaverile e mondiale di oggi, di un’intervista che provi a fare quello che è così difficile fare (cioè spiegare a parole l’inspiegabile, il segreto, l’indicibile del poeta), potreste provare con quello che ha detto Walter

×
Registrati

Per proseguire occorre prestare il consenso al trattamento dei dati per tutte le finalità meglio descritte nell'informativa resa ex art. 13 Regolamento UE 679/2016 Acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità di cui all'informativa