storie d’amore

Oggi, appena tornato a casa dal lavoro, per fortuna, ho letto una bella intervista a Michele Mari (che vi consiglio); per fortuna, perché nella mia lunga giornata di lavoro non c’era stato niente che io avessi potuto definire «bello» e quindi, essendo io uno che ritiene che il «bello» sia tra le poche consolazioni che ci vengono in qualche modo lasciate, tra un’ora di lavoro e l’altra, avevo paura che la mia giornata potesse finire così, con un pomeriggio un po’ faticoso e niente di bello. Ma poi ho letto l’intervista rilasciata da Michele Mari (che è scrittore che mi piace, tra l’altro, e nemmeno poco) e ho tirato un piccolo respiro di sollievo; e in particolare quando ho letto queste righe qui, mi sono sentito sollevato, perché la bellezza solleva e dà sollievo, almeno a me, come poche altre cose nel mondo, come nessuna se proprio devo essere sincero:

 

Se gli uomini non avessero mai letto storie d’amore, non si innamorerebbero mai, avrebbero solo pulsioni animali, cieche: si innamorano perché qualcuno ha raccontato loro cos’è l’amore. Paolo e Francesca si baciano non perché ad un certo punto cedono a una passione, ma lo fanno perché stanno in quel momento leggendo del bacio di Lancillotto e Ginevra: imitano il libro, è quello che ci sta dirigendo e plagiando.

 

Mi è quindi molto piaciuta questa equazione proposta da Michele Mari tra letteratura d’amore e amore, voglia di amare e capacità di amare e di raccontarlo, l’amore. Io non l’avrei mica saputo dire così bene, questo sollievo, ma l’ho sempre pensato (giuro).

 

E quindi, trasportato da questa bellezza che mi ha per un attimo sollevato (in senso letterale: portato in alto, dal basso in cui stavo e mi sentivo), ho pensato a qual era la poesia d’amore più bella che io avessi mai letto. E mi sono fatto una lunga rassegna silenziosa in testa, verso per verso, in tante diverse lingue, pronto a scegliere quella giusta e a sobbalzare di sorpresa nel momento in cui l’avessi trovata, la poesia d’amore perfetta. E però non l’ho trovata. Non so sceglierla, forse non c’è.

 

E anche questo pensiero, vi confesso, mi ha sollevato un po’. Come se ci fosse ancora tempo per scriverla, non so; o come se ci fosse da aspettare ancora qualcosa, che è sempre meglio che non aspettare niente.

Tags:

Davide P.
La mia pagina Facebook: https://it-it.facebook.com/davide.loscorfano

No comments yet.

Leave a Reply

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

due libri magari sorprendenti

Anzitutto una rapida (ma essenziale) nota, stamattina, per segnalarvi l’imperdibile post in cui si descrive un epistolario di natura religiosa […]

Alirocumab efficace nei pazienti diabetici: i risultati dei trial ODYSSEY DM-Insulin e DM-Dyslipidemia

A cura di Ivana Pariggiano (altro…)

spogliarsi delle vesti

C’è una risposta molto interessante, entro un’intervista altrettanto interessante, che ho letto ieri sul web: l’ha data Antonio Di Grado, […]

sonnambulismi letterari

… attraversiamo la vita reagendo alle situazioni che ci sono familiari attenendoci sempre allo stesso copione: diciamo “bene” quando ci […]

Procedura “valve-in-valve” per la correzione transcatetere delle bioprotesi aortiche degenerate

A cura di Antonella Potenza (altro…)