A cura di Seena Padayattil

Importance of angina in patients with coronary disease, heart failure, and left ventricular systolic dysfunction: insights from STICH. Marc Jolicœur, MD, MSc, MHS; Allison Dunning, MS; Serenella Castelvecchio, MD; et al. J Am Coll Cardiol. 2015;66(19):2092-2100.

L’ultima analisi dello STICH trial (uno studio prospettico, randomizzato che ha arruolato i pazienti con FE severamente depressa e coronaropatia a terapia di rivascolarizzazione chirurgica o terapia medica) ha voluto dare risposta a questa importante domanda: la rivascolarizzazione chirurgica migliora la sopravvivenza o la sintomatologia nel sottogruppo di pazienti con angina?

La mortalità è risultata simile tra il gruppo sottoposto a rivascolarizzazione chirurgica associata a terapia medica ottimale rispetto al gruppo con la sola terapia medica (37,4% vs 39,5%; HR 0,89; CI 0,71-1,13; p=0,34). Anche dopo la stratificazione secondo la classe di severità dell’angina i risultati non cambiano. In ugual modo, nel gruppo assegnato alla terapia medica, l’angina non è associata a un’aumentata mortalità. Tuttavia c’è un lieve miglioramento della sintomatologia di angina nel gruppo di pazienti sottoposto a rivascolarizzazione chirurgica (50% vs 41%) rispetto al gruppo trattato con la sola terapia medica, così come si è notato, nello stesso gruppo di pazienti, un minor peggioramento della classe dell’angina stessa (odds ratio: 0,70; 95% CI 0,55-0,90; p<0,01).

Padayattil Stich F1

[Scarica l’articolo in formato PDF]

 

Seena Padayattil
Ricercatrice presso il Dipartimento di Cardiologia dell'Università di Padova.

due libri magari sorprendenti

Anzitutto una rapida (ma essenziale) nota, stamattina, per segnalarvi l’imperdibile post in cui si descrive un epistolario di natura religiosa […]

Alirocumab efficace nei pazienti diabetici: i risultati dei trial ODYSSEY DM-Insulin e DM-Dyslipidemia

A cura di Ivana Pariggiano (altro…)

spogliarsi delle vesti

C’è una risposta molto interessante, entro un’intervista altrettanto interessante, che ho letto ieri sul web: l’ha data Antonio Di Grado, […]

sonnambulismi letterari

… attraversiamo la vita reagendo alle situazioni che ci sono familiari attenendoci sempre allo stesso copione: diciamo “bene” quando ci […]

Procedura “valve-in-valve” per la correzione transcatetere delle bioprotesi aortiche degenerate

A cura di Antonella Potenza (altro…)