ASPirin in Reducing Events in the Elderly (ASPREE): oltrepassare il meccanismo di azione di un farmaco
28 Novembre, 2019
i ritagli di novembre
2 Dicembre, 2019

sineddochi

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Ha scritto un mio caro amico che questo articolo di Claudio Giunta (lo trovate qui, è in effetti il mio primo consiglio di oggi) «si rivela una perfetta sineddoche». Credo sia vero, credo che ogni tanto la letteratura e i letterati (e Giunta lo è sempre, anche quando finge con se stesso di non esserlo) riescono spesso a rivelarsi allegorie di un intero i cui contorni rischiano di sfuggirci. Venafro, paese molisano, è quindi una sineddoche; ma ancora meglio le parole con cui Claudio Giunta racconta Venafro sono una sineddoche. Per esempio, molto efficacemente, qui:

Non è per vedere questa Venafro che avete sfidato l’entropia della stazione delle corriere di Roma Tiburtina e due ore di viaggio in torpedone, ma dal momento che ci siete date un’occhiata anche a questo pezzo d’Italia meridionale tipico, ascoltate senza volere, ma facendo attenzione, i discorsi davanti ai locali, il concionatore che arringa il gruppetto di amici raccontando della trasmissione della sera prima (“Ho visto un video che non ci ho capito un cazzo ma è sicuro che hanno cambiato il clima. Le trombe d’aria. Gianni Vespa ha intervistato uno scienziato del cnr”), la signora anziana al tavolo accanto che racconta a un tale di aver sognato suo fratello morto, “quello che stava a Rocchetta”. E che diceva? “E niente diceva, ’sto cristiano. Mi guardava”.

O anche, altrettanto puntualmente, qui:

Venafro vecchia si è svuotata dopo il terremoto del 1984. “Un mezzo terremoto, in realtà”, mi dicono, “insufficiente a distruggere ma sufficiente a spaventare”. La gente è andata a vivere nel primo o nel secondo strato, dove ci sono i negozi, si può parcheggiare l’automobile, le salite sono meno ripide. Ma il primo e il secondo strato sono brutti, ordinari nei casi migliori, mentre il terzo strato, quello della città vecchia, oggi semivuoto, cadente, è magnifico.

Ma non c’è solo un paese molisano che può essere sineddoche, paradigma, tessera esemplare del mosaico che abitiamo in questi anni. Ho già detto di Venezia e della sua laguna e della sua acqua alta, qualche giorno fa. Ma ho poi letto, stamattina, una specie di apocalittica lamentazione scritta da Sandro Frizziero e l’ho trovata bruciante, estrema, acuta, disperata. Ve la consiglio, la trovate qui se avete tempo, se avete visto o avete pensato a Venezia almeno una volta in questi ultimi mesi. Se l’avete pensata come spesso la penso io, e cioè come allegoria di qualcosa di fondamentale, di metafisico, di assoluto, qualcosa che non ho mai capito cosa sia:

Adesso Venessia è invasa e nessuno se ne accorge. Escono a fiotti dalle grandi navi, i barbari, quelli nuovi, o dagli ostelli di Mestre, fioriti in quantità per offrire Venessia a pochi schei. Arrivano a Tronchetto o a Piazzale Roma, poi line two fino a Rialto bridge, per spargersi, intasare, soffocare, ostruire ogni calle, anche la più stretta, occupare ogni pertugio, proprio come ha fatto l’acqua granda. È un attimo che alla città intera venga un infarto. La laguna, erosa e scavata, è un polmone che non riesce più a respirare; si ribella, la laguna, ai tour organizzati e ai selfie-stick. Ride in faccia a chi vorrebbe tamponare il mare, perché sa, sa benissimo che le dighe bisognerebbe costruirle verso la Terraferma; mura spesse, per difendere quel che resta da difendere. Perché sono loro il problema: i barbari. Sono sempre stati loro.

Ma se è di allegorie o sineddochi letterarie che vogliamo parlare, c’è uno scrittore che è secondo me tra i più bravi che stiano scrivendo in questi anni. L’ho citato molte volte, forse dovrei smettere. È che oggi ho trovato un altro bellissimo articolo che parla di lui e dei suoi romanzi (che non sono romanzi) (lo trovate qui) e ho pensato che era un articolo molto bello, efficace, ben scritto, disperato come è lo scrittore di cui parliamo (David Szalay) ma anche leggero, coraggioso, capace di puntare lo sguardo oltre, verso ciò che di umano rimane nell’uomo, e mi dispiaceva troppo non citarlo, dimenticarlo, lasciarlo da parte. E non approfittarne per dire un’altra volta che i racconti di Szalay sono tra le migliori cose che io abbia letto negli ultimi dieci anni, sul serio. E l’articolo (scritto da Davide Coppo) a un certo punto dice così:

Le scene che Szalay scrive sono come set teatrali, circoscritte a pochi giorni, pochi personaggi e panorami non troppo ampi, e la loro funzione è quella di essere dei diorama di tristezze e dolori quotidiani e ordinari. I drammetti al cui centro ci sono loro non sono incredibili, non sono straordinari.

Sono delle sineddochi, infatti. Forse, mi pare, ne abbiamo ancora bisogno.

Davide Profumo
Davide Profumo
La mia pagina Facebook: https://it-it.facebook.com/davide.loscorfano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

×
Registrati

Per proseguire occorre prestare il consenso al trattamento dei dati per tutte le finalità meglio descritte nell'informativa resa ex art. 13 Regolamento UE 679/2016 Acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità di cui all'informativa