Anticorpi igg anti-malonedialdeide-ldl sono associati a
basso rischio di eventi cardiovascolari in un sotto-studio dell’anglo-scandinavian cardiac outcomes trial (ASCOT)


15 Novembre 2011
Polimorfismo della 7alfa idrossilasi e risposta ai fibrati
19 Dicembre 2011
Anticorpi igg anti-malonedialdeide-ldl sono associati a
basso rischio di eventi cardiovascolari in un sotto-studio dell’anglo-scandinavian cardiac outcomes trial (ASCOT)


15 Novembre 2011
Polimorfismo della 7alfa idrossilasi e risposta ai fibrati
19 Dicembre 2011

Sicurezza delle statine, anche sui tumori, nei trattamenti prolungati oltre ai dieci anni

Sicurezza delle statine, anche sui tumori, nei trattamenti prolungati oltre ai dieci anni
Franco Bernini – Universit&Agrave di Parma

 

Le statine rappresentano l’approccio farmacologico più efficace per la prevenzione del rischio cardiovascolare. Nel 2005, lo studio dei Cholesterol Treatment Trialists’ (CTT) Collaborators ha riportato una meta-analisi di 14 studi randomizzati su circa 90 000 pazienti con statine rispetto al placebo che ha registrato una riduzione del 20% del rischio relativo di eventi vascolari maggiori (comprendenti morte coronarica, infarto miocardico fatale e non, rivascolarizzazione coronarica o ictus) per ogni mmol / L di riduzione di LDL colesterolo. Gli studi hanno mostrato successivamente l’ulteriore vantaggio di una terapia intensiva rispetto alle dosi standard.

I vantaggi osservati in questi studi sono indubbi; tuttavia i dati a lungo termine di efficacia e tollerabilità sono generalmente limitati mediamente a 5 anni, e la sicurezza di un trattamento più prolungato con le statine resta ancora da chiarire soprattutto per patologie spesso lente a manifestarsi come i tumori.

Una nuova ricerca pubblicata on line su Lancet riporta i risultati del follow-up a lungo termine dell’ Heart Protection Study (HPS). Nello studio originale, i ricercatori hanno arruolato 20 536 pazienti ad alto rischio tra il luglio del 1994 e il maggio del 1997 randomizzandoli a ricevere 40 mg di simvastatina o placebo per circa cinque anni. Al termine del follow-up nel 2001, gli investigatori hanno indicato ai pazienti di continuare a prendere le statine a meno che non ci fossero controindicazioni. Nello studio la diminuzione del colesterolo LDL con simvastatina nei primi cinque anni di trattamento era di 1,0 mmol / L, associato con un calo del 23% degli eventi vascolari maggiori, rispetto ai pazienti trattati con placebo.
Il beneficio persisteva in gran parte invariato durante gli 11 anni di follow-up, senza ulteriori miglioramenti, ma comunque mantenendo il beneficio sugli eventi vascolari maggiori o sulla mortalità vascolare. Di particolare importanza è stata l’osservazione che neppure gli effetti avversi, inclusa la mortalità per tumori o cause non vascolari, variava nel tempo. Tale risultato è stato osservato anche nei soggetti con più di 70 anni dove non si sono notati aumenti nemmeno nelle patologie a livello genitourinario, gastrointestinale, respiratorio o ematologico. Gli autori dell’ HPS Collaborative Group concludono che questi risultati forniscono ulteriore supporto per l’avvio tempestivo e la prosecuzione a lungo termine della terapia con statine nei soggetti ad aumentato rischio di eventi vascolari.
Questa affermazione appare essere pienamente supportata anche da altri studi con estesi follow up post-trial. Nello studio WOSCOPS, in cui 6595 uomini con ipercolesterolemia senza una storia di infarto miocardico sono stati assegnati tra il 1989 e il 1991 in modo casuale a ricevere 40 mg di pravastatina o placebo per 5 anni, i sopravvissuti sono stati seguiti per circa 10 anni ulteriori, per un follow up totale di circa 15 anni. I risultati originali dello studio avevano indicato una riduzione significativa del rischio di eventi coronarici nel gruppo con pravastatina, beneficio che si è mantenuto nel follow up post-trial senza differenza nella comparsa di eventi avversi inclusa l’incidenza di tumori.
Lo studio ASCOT-LLA, in cui i pazienti con ipertensione sono stati assegnati in modo casuale al trattamento con atorvastatina 10 mg o placebo in prevenzione primaria, è stato interrotto precocemente per l’evidenza del vantaggio del trattamento farmacologico. In un follow-up prolungato (3,3 anni di follow-up nell’ambito dello studio e circa ulteriori 8 anni alla fine), i risultati hanno confermato il beneficio senza un aumento del rischio di cancro, infezioni o malattie respiratorie.
I risultati del follow up a 11 anni dello studio HPS sembrano quindi dare una risposta definitiva ai residui dubbi sulla sicurezza d’uso delle statine.
Referenze

  1. Cholesterol Treatment Trialists’ (CTT) Collaborators. Efficacy and safety of cholesterol-lowering treatment: prospective meta-analysis of data from 90 056 participants in 14 randomised trials of statins. Lancet 2005; 366: 1267–78.
  2. Cholesterol Treatment Trialists’ (CTT) Collaboration. Efficacy and safety of more intensive lowering of LDL cholesterol: a meta-analysis of data from 170 000 participants in 26 randomised trials. Lancet 2010; 376: 1670–81.
  3. Heart Protection Study Collaborative Group. Effects on 11-year mortality and morbidity of lowering LDL cholesterol with simvastatin for about 5 years in 20 536 high-risk individuals: a randomised controlled trial. Lancet 2011; published online Nov 23. DOI:10.1016/S0140- 6736(11)61125-2.
  4. Ford I, Murray H, Packard CJ, Shepherd J, Macfarlane PW, Cobbe SM, for the West of Scotland Coronary Prevention Study Group. Long-term follow-up of the West of Scotland Coronary Prevention Study. N Engl J Med 2007; 357: 1477–86.
  5. Sever PS, Chang CL, Gupta AK, Whitehouse A, Poulter NR, on behalf of the ASCOT Investigators. The Anglo-Scandinavian Cardiac Outcomes Trial: 11-year mortality follow-up of the lipid-lowering arm in the UK.
    Eur Heart J 2011; published online Aug 28. DOI:10.1093/eurheartj/ehr333

Comments are closed.