dieci futili ricordi
22 dicembre, 2016
Cangrelor: dati attuali e prospettive future
27 dicembre, 2016

Rischio emorragico nei pazienti con SCA

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

A cura di Marta F. Brancati

Redfors B, Kirtane AJ, Pocock SJ, et al. Bleeding events before coronary angiography in patients with non-ST-segment elevation acute coronary syndrome. J Am Coll Cardiol 2016; 68:2608-2618.

Si tratta di un’importante analisi sull’incidenza e l’impatto dei sanguinamenti in pazienti con SCA senza sopraslivellamento del tratto ST, alla luce del regime antitrombotico. Lo studio utilizza i dati del trial ACUITY, e osserva che su 13.726 pazienti con SCA a moderato-alto rischio trombotico (quindi candidati a coronarografia di routine), in 257 (2%) si sono verificati sanguinamenti clinicamente rilevanti prima della coronarografia, dei quali 52 (0.4%) maggiori. I pazienti con eventi emorragici erano più anziani (età media 66.75 vs 62.59 anni) e più spesso affetti da insufficienza renale (34.1% vs 18.8%). Erano, inoltre, stati trattati più frequentemente con eparina a basso peso molecolare rispetto a quella non frazionata e con inibitori GPIIB/IIIA (GPI) rispetto alla bivalirudina. Come è prevedibile, il rischio di sanguinamento era più alto nei pazienti trattati con multipli farmaci antitrombotici (HR: 1.33; IC 95% 1.14-1.56). A un anno il sanguinamento si associava a una più elevata incidenza di morte (8.5% vs 4.1%, p < 0.001); peraltro, dopo le correzioni statistiche per le comorbilità, gli eventi emorragici erano associati a una maggiore incidenza di morte nel primo anno (HR: 1.89; IC 95% CI: 1.23-2.92, p = 0.004). L’intervallo medio di tempo fra il ricovero e la coronarografia è stato di 4.5 ore nei pazienti che non hanno avuto eventi emorragici e 27.9 ore in coloro che invece li hanno avuti. Non è del tutto chiaro se il ritardo nell’esecuzione della coronarografia sia stato causato dal sanguinamento o piuttosto lo abbia favorito; certo è che, nelle SCA, la strategia antitrombotica con minor rischio emorragico (pur garantendo la copertura anti-ischemica), unita a un rapido ricorso alla coronarografia, dovrebbero costituire i criteri fondamentali di approccio.

[Scarica l’articolo in PDF]

Print Friendly, PDF & Email
Marta F. Brancati
Marta F. Brancati
Dirigente medico di I livello, UO Emodinamica, Ospedale degli Infermi, ASL BI - Biella

Comments are closed.

×
Registrati
Registrati alla newsletter di ATBV per non perderti le novità del sito.

Per proseguire occorre prestare il consenso al trattamento dei dati per tutte le finalità meglio descritte nell'informativa resa ex art. 13 Regolamento UE 679/2016 Acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità di cui all'informativa