Quale terapia anticoagulante durante la gravidanza in portatrici di protesi valvolari meccaniche?
10 agosto, 2017
la campagna circostante
23 agosto, 2017

Rischio di tromboembolismo arterioso in pazienti oncologici

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

A cura di Marta F. Brancati

Navi BB, Reiner AS, Kamel H, et al. Risk of arterial thromboembolism in patients with cancer. J Am Coll Cardiol 2017 DOI: 10.1016/j.jacc.2017.06.047.

 Si tratta di uno studio epidemiologico volto a definire la possibile relazione fra cancro e rischio a breve termine di tromboembolismo arterioso. Attraverso alcuni database di sorveglianza epidemiologica, gli autori hanno identificato i pazienti cui è stata formulata, fra il 2002 e il 2011, una prima diagnosi di cancro (mammella, polmone, prostata, colon-retto, vescica, pancreas, stomaco o linfomi non-Hodgkin). 279.719 pazienti sono stati abbinati (qualcuno direbbe “matchati”) con altrettanti non affetti da cancro, e ogni “coppia” è stata seguita fino al 2012. Il tromboembolismo arterioso è stato definito dall’occorrenza di infarto miocardico o ictus.

A 6 mesi, l’incidenza cumulativa di tromboembolismo arterioso era del 4.7% (IC 95%: 4.6%-4.8%) nei pazienti con cancro e del 2.2% (IC 95%: 2.1%-2.2%) nei controlli (HR: 2.2; IC 95%: 2.1-2.3).

L’incidenza cumulativa a 6 mesi di infarto miocardico era del 2% (IC 95%: 1.9%-2.0%) in pazienti con cancro e dello 0.7% (IC 95%: 0.6%-0.7%) nei controlli (HR: 2.9; IC 95%: 2.8-3.1).

Ancora, l’incidenza cumulativa a 6 mesi di ictus ischemico era del 3.0% (IC 95%: 2.9%-3.1%) in pazienti con cancro e dell’1.6% (IC 95%: 1.6%-1.7%) nei controlli (HR: 1.9; IC 95%: 1.8-2.0).

 

Dunque il cancro può aumentare il rischio a breve termine di tromboembolia arteriosa. È stato osservato, inoltre, un eccesso di rischio associato ad alcuni tipi di tumore (in particolare il polmone) e allo stadio della malattia.

[Scarica l’articolo in PDF]

 

Print Friendly, PDF & Email
Jhonnyadmin

Comments are closed.