Cenerentola… non proprio da sottovalutare. Il lato nascosto del Takotsubo
5 luglio, 2018
Rischio annuale di sanguinamenti maggiori in una popolazione di soggetti senza malattia cardiovascolare non in trattamento con antiaggreganti piastrinici
5 luglio, 2018

Rischio di infarto miocardico in pazienti in terapia anticoagulante per la fibrillazione atriale: confronto tra anticoagulanti orali diretti e antagonisti della vitamina K

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

A cura di Ilaria Cavallari

 

Lee CJ-Y et al. Risk of Myocardial Infarction in Anticoagulated Patients With Atrial Fibrillation. J Am Coll Cardiol 2018; 72(1):17-26.

 

Ad oggi, vi sono evidenze contrastanti sull’efficacia della terapia anticoagulante orale (anticoagulanti orali diretti, DOAC e antagonisti della vitamina K, VKA) per la prevenzione dell’infarto miocardico.

Questo studio ha valutato il rischio di infarto miocardico associato all’uso di apixaban, dabigatran, rivaroxaban e VKA in pazienti con fibrillazione atriale.

 

Popolazione in studio. Utilizzando i registri sanitari danesi, sono stati dapprima identificati 31.739 pazienti con fibrillazione atriale e successivamente stratificati in base al trattamento anticoagulante orale in corso.

Endpoints. Ospedalizzazione e mortalità per infarto miocardico.

Risultati principali. I pazienti inclusi nell’analisi avevano un’età media di 74 anni e il 47% era di sesso femminile. Il rischio standardizzato a un anno di infarto miocardico era 1.6% nei pazienti in trattamento con VKA (95% CI da 1.3 a 1.8), 1.2% con apixaban (95% CI da 0.9 a 1.4), 1.2% con dabigatran (95% CI da 1.0 a 1.5) e 1.1% con rivaroxaban (95% CI da 0.8 a 1.3) (si veda la figura qui sotto). Non è stata osservata alcuna differenza significativa nel rischio di infarto miocardico a un anno tra i diversi DOAC: dabigatran versus apixaban (0.04%), rivaroxaban versus apixaban (0.1%), rivaroxaban rispetto a dabigatran (-0.1%). Al contrario, le differenze di rischio tra DOAC e VKA erano tutte significative: -0.4% per apixaban, -0.4% per dabigatran e -0.5% per rivaroxaban.

 

Conclusioni. I dati provenienti da questo studio di popolazione, che ha incluso pazienti affetti da fibrillazione atriale, evidenziano un effetto di classe della terapia anticoagulante con i DOAC nella riduzione del rischio di infarto miocardico rispetto alla terapia tradizionale con VKA.

Print Friendly, PDF & Email
Ilaria Cavallari
Ilaria Cavallari
Cardiologo, Policlinico Campus Bio-Medico di Roma

Comments are closed.

×
Registrati
Registrati alla newsletter di ATBV per non perderti le novità del sito.

Per proseguire occorre prestare il consenso al trattamento dei dati per tutte le finalità meglio descritte nell'informativa resa ex art. 13 Regolamento UE 679/2016 Acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità di cui all'informativa