Cardiovascular event reduction and adverse events among subjects attaining low-density lipoprotein cholesterol <50 mg/dL with rosuvastatin.
29 aprile, 2011
Long-term efficacy of adding fenofibric Acid to moderate-dose statin therapy 
in patients with persistent elevated triglycerides
29 aprile, 2011

Reconstituted high-density lipoprotein infusion modulates fatty acid metabolism in patients with type 2 diabetes mellitus.

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Reconstituted high-density lipoprotein infusion modulates fatty acid metabolism in patients with type 2 diabetes mellitus.

Drew BG, et al.Carey AL.  J Lipid Res. 2011 Mar;52(3):572-81.


 

La terapia con HDL ricostituite (rHDL) rappresenta una potenziale strategia terapeutica in soggetti ad alto rischio cardiovascolare in grado di influenzare positivamente la placca ateroscleotica inducendone la regressione. Cicli di tale trattamento associati ad una terapia di mantenimento con statine e futuri farmaci per le HDL potrebbero portare ad effettivi benefici in termini di stabilizzazione della placca aterosclerotica e quindi di rischio di comparsa di eventi cardiovascolari. Al momento non sono del tutto noti gli effetti metabolici dell’infusione delle rHDL. Gli autori di questo studio hanno precedentemente dimostrato che il trattamento nell’uomo con rHDL induce un aumento dell’insulinemia e fattori coinvolti nel metabolismo glucidico. In questo studio gli stessi autori hanno valutato l’effetto delle rHDL su lipolisi e metabolismo ossidativo degli acidi grassi. I risultati indicano che il trattamento con rHDL inibisce la lipolisi a digiuno, l’ossidazione degli acidi grassi e valori di glicerolo circolanti. E’ stato inoltre osservato un aumento dei livelli di NEFA circolanti causato dall’idrolisi dei fosfolipidi associati alle rHDL stesse. Gli autori concludono quindi che le rHDL oltre ad avere effetto sulla parete dei vasi possono anche avere effetti metabolici. Tali effetti si manifestano nei soggetti diabetici di questo studio con un’ inibizione della ossidazione e lipolisi indotte dal digiuno e l’effetto indesiderato di aumento dei NEFA dovuto all’idrolisi della componente fosfolipidica delle rHDL .

Print Friendly, PDF & Email

Comments are closed.