Aspirina in prevenzione primaria
1 ottobre, 2018
i ritagli di settembre
2 ottobre, 2018

Quando eseguire la coronarografia in pazienti con SCA-NSTE?

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

A cura di Marta F. Brancati

 

Kofoed KF, Kelbaek H, Riis Hansen P, et al. Early Versus Standard Care Invasive Examination and Treatment of Patients with Non-ST-Segment Elevation Acute Coronary Syndrome:The VERDICT (Very EaRly vs Deferred Invasive evaluation using Computerized Tomography) – Randomized Controlled Trial. Circulation 2018;10.1161/CIRCULATIONAHA.118.037152.

 

Che la coronarografia e la rivascolarizzazione siano da preferire – rispetto a una strategia conservativa – nel trattamento della sindrome coronarica acuta senza sopraslivellamento del tratto ST (SCA-NSTE) è ormai assodato. Le linee guida europee hanno ristretto molto anche la tempistica entro cui condurre il paziente in sala di emodinamica: entro 24-72 h, in base alle caratteristiche cliniche. Nella maggior parte dei centri, comunque, si accede alla coronarografia entro 48-72 h. Eppure, l’istinto vorrebbe che la rivascolarizzazione avvenisse il prima possibile, magari entro 12 h. Ma è razionale tutto ciò? È quello che si domanda lo studio danese VERDICT, che ha arruolato pazienti con SCA-NSTE (individuati in base all’ECG ischemico e/o al rialzo di tipo ischemico della troponina), randomizzandoli a coronarografia entro 12 h vs entro 48-72 h (il trial includeva anche uno studio osservazionale per cui i pazienti eseguivano, prima della coronarografia, una TC coronarica, ma i risultati di tale studio non sono ancora stati resi noti). L’endpoint primario era il combinato di morte per tutte le cause, infarto miocardico ricorrente non fatale, reospedalizzazione per ischemia refrattaria o per scompenso cardiaco.

 

Sono stati arruolati 2147 pazienti, di cui 1075 (50%) sottoposti precocemente alla coronarografia (4.7 h in media dopo la randomizzazione), 1072 sottoposti all’esame coronarografico secondo la tempistica “standard” (61.6 h in media dopo la randomizzazione). In caso di coronaropatia, la rivascolarizzazione è stata eseguita nell’88.4% dei casi nel primo gruppo nell’83.1% nel secondo gruppo. Al follow-up di 4.3 anni (range 4.1-4-4) l’endpoint primario è stato osservato nel 27.5% dei pazienti nel primo gruppo e nel 29.5% nel secondo gruppo (HR 0.92 [IC 95% 0.78-1.08]). Nel sottogruppo con score di rischio GRACE > 140, tuttavia, la strategia invasiva molto precoce ha significativamente migliorato l’outcome primario rispetto a quella standard (HR 0.81 IC 95% 0.67-1.01, p per interazione = 0.023).

 

Possiamo dunque affermare che non tutti i pazienti con SCA-NSTE hanno rapidamente bisogno dell’emodinamista, ma soltanto quelli con il rischio ischemico più alto; tutti, comunque, dovrebbero essere sottoposti a coronarografia entro 2-3 giorni dal ricovero, sempre che non ci siano importanti ragioni per non farlo o per dilazionarne il momento.

Print Friendly, PDF & Email
Marta F. Brancati
Marta F. Brancati
Dirigente medico di I livello, UO Emodinamica, Ospedale degli Infermi, ASL BI - Biella

Comments are closed.

×
Registrati
Registrati alla newsletter di ATBV per non perderti le novità del sito.

Per proseguire occorre prestare il consenso al trattamento dei dati per tutte le finalità meglio descritte nell'informativa resa ex art. 13 Regolamento UE 679/2016 Acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità di cui all'informativa