un elenco di elenchi
28 febbraio, 2018
Outcomes a lungo termine nei pazienti sottoposti a impianto di pace-maker dopo TAVI
1 marzo, 2018

Qual è la durata ottimale della DAPT dopo impianto di stent medicato negli anziani?

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

A cura di Antonella Potenza

Lee S-Y, Hong M-K, MD, Palmerini T, MD, Kim H-S, Valgimigli M, Feres F, Colombo A, Gilard M, Dong-Ho Shin D-H, Kim J-S, MD, Kim B-K, Ko Y-G, Choi D,
 Jang Y, Stone G.W. Short-Term Versus Long-Term Dual Antiplatelet Therapy After Drug-Eluting Stent Implantation in Elderly PatientsA Meta-Analysis of Individual Participant Data From 6 Randomized Trials J Am Coll Cardiol Intv 2018

 

 

Diversi fattori clinici e procedurali sono associati a un aumentato rischio ischemico (ad es. la trombosi di stent) ed emorragico nei pazienti sottoposti a impianto di stent medicato (DES). Esistono anche fattori individuali che aumentano entrambi i rischi (ad es. l’età avanzata, il diabete mellito, l’insufficienza renale cronica e pregressa PCI) e questo rende difficile valutare il rapporto rischio/beneficio del prolungamento della durata della duplice terapia antiaggregante (DAPT).

 

Due trial clinici randomizzati, il DAPT (Dual AntiPlatelet Therapy) e PEGASUS-TIMI 54 (Prevention of Cardiovascular Events in Patients with Prior Heart Attack Using Ticagrelor Compared to Placebo on a Background of Aspirin-Thrombolysis In Myocardial Infarction 54), hanno dimostrato una riduzione significativa degli eventi cardiaci e cerebrovascolari con un aumento degli episodi di sanguinamento con una durata prolungata della DAPT.

È difficile estendere tali risultati anche ai pazienti anziani che, di per sé, presentano un più alto rischio di eventi ischemici ed emorragici e costituiscono un sottogruppo scarsamente rappresentato negli studi clinici controllati randomizzati; in questi pazienti la durata ottimale della DAPT rimane pertanto controversa.

 

In questa meta-analisi sono stati analizzati i dati di 6 trial clinici che hanno confrontato la durata a breve termine (£6 mesi ) e a lungo termine (12 mesi) della DAPT nei pazienti anziani sottoposti a impianto di DES.

L’end-point primario dello studio era un composito di rischio di infarto miocardico, definita o probabile trombosi di stent, o stroke a 12 mesi.

L’end-point secondario maggiore era un sanguinamento maggiore a 12 mesi.

Tra gli 11.473 pazienti randomizzati, 6152 (53.6%) avevano meno di 65 anni, mentre 5319 (46.4%) avevano un’età >65 anni.

Il rischio di end-point primario non risulta statisticamente significativo tra i pazienti trattati con DAPT a breve o a lungo termine (hazard ratio [HR]: 1.12, 95% confidence interval [CI]: 0.88 to 1.43; p=0.3581).

Gli stent medicati di nuova generazione sono utilizzati nell’89.6% dei pazienti, soprattutto in quelli con durata breve della DAPT, indipendentemente dall’età.

A un’analisi di sottogruppo, è emersa una significativa interazione tra l’età e la durata della DAPT (P di interazione=0.0384). Nel sottogruppo di pazienti giovani (età <65 anni), la DAPT a breve termine si associa a un più alto rischio di end-point primario; tale differenza è dovuta a un più alto rischio di infarto miocardico (p=0.0355).

Nei pazienti anziani (età >65 anni), non vi è differenza di end-point primario in base alla durata della DAPT.

Per quanto riguarda il rischio di sanguinamento, nell’intera popolazione dello studio, la breve durata della DAPT si associa a un ridotto rischio di sanguinamenti maggiori. Nei pazienti giovani, non vi è differenza in termini di sanguinamenti maggiori tra la breve o prolungata durata della DAPT. Nei pazienti anziani, il rischio di sanguinamenti è significativamente ridotto da una durata breve della DAPT.

 

In conclusione, la DAPT a breve termine dopo impianto di DES di nuova generazione può risultare vantaggiosa nei pazienti anziani rispetto a quelli più giovani; i DES di nuova generazione, che possono richiedere una DAPT anche inferiore ai 3 mesi, potrebbero essere considerati come alternativa nel trattamento dei pazienti anziani.

Print Friendly, PDF & Email
Antonella Potenza
Antonella Potenza
Dirigente Medico I livello. Cardiologia Interventistica IRCCS-ASMN Reggio Emilia

Comments are closed.

×
Registrati
Registrati alla newsletter di ATBV per non perderti le novità del sito.

Per proseguire occorre prestare il consenso al trattamento dei dati per tutte le finalità meglio descritte nell'informativa resa ex art. 13 Regolamento UE 679/2016 Acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità di cui all'informativa