A cura di Marta F. Brancati

Hsu JC, Maddox TM, Kennedy K, et al. Aspirin Instead of Oral Anticoagulant Prescription in Atrial Fibrillation Patients at Risk for Stroke. J Am Coll Cardiol 2016;67:2913-23.

Sebbene la terapia anticoagulante sia preferibile all’ASA nella prevenzione tromboembolica di pazienti con fibrillazione atriale, nel mondo reale l’ASA è ancora usato. Perché? Questo studio ha cercato di analizzare il fenomeno e i possibili fattori responsabili. Il registro PINNACLE ha identificato 2 coorti di pazienti con FA e rischio tromboembolico intermedio-alto, quantificato mediante CHADS2 score o CHA2DS2-VASc ≥2. Su 210.380 pazienti con CHADS2 ≥2, il 38% era in trattamento con ASA, il 62% con warfarin o altri anticoagulanti; nella coorte di 294.642 pazienti con CHA2DS2-VASc ≥2, il 40% era in terapia con ASA, il 60% con anticoagulanti. Di fatto, più di 1 paziente su 3 con FA, nel cosiddetto “real world”, è trattato con ASA anziché con un anticoagulante. Attraverso l’analisi multivariata è stato possibile identificare i predittori della scelta dell’ASA, che sono connessi sostanzialmente con la presenza di elevato rischio cardiovascolare (ipertensione, dislipidemia, malattia coronarica nota, angina, vasculopatia periferica); viceversa, la presenza di fattori di rischio tromboembolico (pregresso stroke/TIA, pregresso embolismo sistemico, scompenso cardiaco) ha condizionato più facilmente la scelta di un anticoagulante.

 BRANCATI-08-16 Prevenzione dell’ictus nella fibrillazione atriale F1

[Scarica in PDF]

Marta F. Brancati
Dirigente medico di I livello, UO di Emodinamica, Ospedale degli Infermi di Biella - ASL BI

due libri magari sorprendenti

Anzitutto una rapida (ma essenziale) nota, stamattina, per segnalarvi l’imperdibile post in cui si descrive un epistolario di natura religiosa […]

Alirocumab efficace nei pazienti diabetici: i risultati dei trial ODYSSEY DM-Insulin e DM-Dyslipidemia

A cura di Ivana Pariggiano (altro…)

spogliarsi delle vesti

C’è una risposta molto interessante, entro un’intervista altrettanto interessante, che ho letto ieri sul web: l’ha data Antonio Di Grado, […]

sonnambulismi letterari

… attraversiamo la vita reagendo alle situazioni che ci sono familiari attenendoci sempre allo stesso copione: diciamo “bene” quando ci […]

Procedura “valve-in-valve” per la correzione transcatetere delle bioprotesi aortiche degenerate

A cura di Antonella Potenza (altro…)