Coronary artery calcium score (CAC) migliora la stratificazione del rischio cardiovascolare e l’indicazione alla terapia statinica
2 novembre, 2016
a guardia di un faro
3 novembre, 2016

Predire il rischio di arresto cardiaco in fase pre-ospedaliera nei pazienti con STEMI: uno score semplice per un problema complesso

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

A cura di Felice Gragnano e Paolo Calabrò

N.Karam et al. Identifying Patients at Risk for Pre-Hospital Sudden Cardiac Arrest at the Early Phase of Myocardial Infarction: The e-MUST Study. http://dx.doi.org/10.1161/CIRCULATIONAHA.116.022954.

La mortalità intraospedaliera nei pazienti con STEMI (ST-Segment Elevation Myocardial Infarction) ha subito una notevole flessione negli ultimi anni, grazie allo sviluppo di modelli organizzativi e strategie riperfusive sempre più efficaci. D’altra parte, la mortalità pre-ospedaliera secondaria ad arresto cardiaco rimane ancora oggi elevata e costituisce un problema di complessa gestione e soluzione. L’identificazione dei pazienti STEMI a più alto rischio per arresto cardiaco potrebbe semplificare il triage e avviare un immediato percorso diagnostico e terapeutico mirato.

Uno studio recentemente pubblicato su Circulation ha analizzato con disegno prospettico i pazienti con STEMI valutati dal servizio di emergenza (Emergency Medical Services, EMS) in un’area urbana di 11,7 milioni di abitanti (Greater Paris Area, Francia). I dati sono stati raccolti nel registro e-MUST (Evaluation en Médecine d’Urgence des Stratégies Thérapeutiques des infarctus du myocarde). L’obiettivo era identificare le variabili anamnestiche e cliniche associate a un aumentato rischio di arresto cardiaco in fase pre-ospedaliera al fine di costruire uno score di rischio. Lo studio ha arruolato un totale di 8112 pazienti con diagnosi di STEMI (età media 60 anni, 78% di sesso maschile), riportando un’incidenza di arresto cardiaco del 5,6% (452 pazienti). Nel 76,9% dei casi (348 pazienti) il ritmo di presentazione dell’arresto all’ECG era la tachicardia ventricolare o la fibrillazione ventricolare.

I pazienti erano inclusi nell’analisi in caso di: 1) gestione iniziale del soccorso da parte dell’EMS; 2) segni vitali presenti all’arrivo dell’EMS; 3) presenza di angina tipica nelle ultime 24 ore; 4) presenza di criteri elettrocardiografici compatibili con diagnosi di STEMI.

All’analisi multivariata le variabili in grado di predire il rischio di arresto cardiaco erano: 1) l’età giovanile; 2) l’assenza di obesità; 3) l’assenza di diabete mellito; 4) la presenza di dispnea alla presentazione clinica; 5) il breve intervallo tra l’inizio dei sintomi e il contatto telefonico con il servizio di emergenza.

Lo score di rischio costruito utilizzando tali predittori mostrava un rischio raddoppiato nei pazienti con punteggio compreso tra 10 e 19, e quadruplicato per valori compresi tra 20 e 29. Il rischio di arresto nei pazienti con punteggio >30 era 18 volte più alto dei pazienti con rischio <10: la frequenza di arresto era del 28,9% nei pazienti con punteggio ≥30 e di 1,6 nei pazienti con punteggio ≤9 (p <0,001). Un punteggio compreso tra 20 e 29 presentava il miglior rapporto tra sensibilità e specificità (65,4% e 62,6%).

calabro-gragnano-nov2016-predire-il-rischio-di-arresto-cardiaco-f1

calabro-gragnano-nov2016-predire-il-rischio-di-arresto-cardiaco-f2

Alla luce dei risultati ottenuti, gli autori sottolineano come il rischio di morte improvvisa nella fase pre-ospedaliera dello STEMI possa essere determinato attraverso uno score clinico basato su domande semplici e routinariamente eseguite durante il triage telefonico d’emergenza.

L’identificazione dei pazienti STEMI ad alto rischio di arresto cardiaco pre-ospedaliero rappresenta il naturale punto di partenza nell’implementazione dei modelli organizzativi di emergenza e nella possibile applicazione di protocolli differenziati per questi pazienti, che potrebbero prevedere una trombolisi precoce o il trasferimento preferenziale presso un centro di terzo livello, specializzato nella gestione di sistemi di assistenza meccanica del circolo (es. ECMO, L-VAD). Sono necessari studi randomizzati che possano validare tali risultati e dimostrarne la possibile applicazione clinica.

[Scarica l’articolo in PDF]

 

Print Friendly, PDF & Email
Paolo Calabrò
Paolo Calabrò
Membro del Consiglio Direttivo

Comments are closed.

×
Registrati
Registrati alla newsletter di ATBV per non perderti le novità del sito.

Per proseguire occorre prestare il consenso al trattamento dei dati per tutte le finalità meglio descritte nell'informativa resa ex art. 13 Regolamento UE 679/2016 Acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità di cui all'informativa