Qual è la durata ottimale della DAPT dopo impianto di stent medicato negli anziani?
1 marzo, 2018
Ticagrelor per la prevenzione secondaria degli eventi cardiovascolari nei pazienti con coronaropatia multivasale
1 marzo, 2018

Outcomes a lungo termine nei pazienti sottoposti a impianto di pace-maker dopo TAVI

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

A cura di Antonella Potenza

Chamandi C, Barbanti M, Munoz-Garcia A, MD, Latib A, Nombela-Franco L, Gutiérrez-Ibanez E, Veiga-Fernandez G, Cheema A N, Cruz-Gonzalez I, Serra V, Tamburino C, Mangieri A, Colombo A, Jiménez-Quevedo P, Elizaga J, Laughlin G, Lee D-H, Garcia del Blanco B, Rodriguez-Gabella T, Marsal J-R, Côté M, Philippon F, Rodés-Cabau J.  Long-Term Outcomes in Patients With New Permanent Pacemaker Implantation Following Transcatheter Aortic Valve Replacement. Am Coll Cardiol Intv 2018;11:301–10

 

Fra le problematiche correlate all’impianto transcatetere di valvola aortica (TAVI) rimaste ancora non del tutto risolte, vi è l’insorgenza post-procedurale di disturbi della conduzione cardiaca e la loro gestione terapeutica.

Nella TAVI si ipotizza che il danno al sistema di conduzione sia indotto dal trauma meccanico esercitato a livello del setto membranoso nelle varie fasi di impianto della protesi, con successivo sviluppo di edema, ischemia e necrosi.

L’obiettivo di questo studio multicentrico è di valutare l’impatto clinico a lungo termine dell’impianto definitivo di pace-maker (PPI) dopo TAVI; sono stati arruolati 1629 pazienti sottoposti a impianto di PM dopo TAVI (sistema balloon e self-expanding rispettivamente nel 45% e 55% dei pazienti), i cui dati clinici, ecocardiografici e di pacing sono stati valutati a un follow-up di 4 anni.

 

Un totale di 332 pazienti (19.8%) è stato sottoposto a impianto di PM entro 30 giorni post-TAVI (nel 26.9% dopo impianto di sistema self-expanding Core-Valve-Medtronic e nel 10.9% dopo impianto di sistema balloon-expanding Edwards Lifesciences); si tratta di pazienti più anziani (82 ± 6 anni vs 81 ± 7 anni; p=0.011), con una storia più frequente di coronaropatia (44.1% vs 42%; p=0.029) e con un più alto profilo di rischio (STS score 7.4± 5.3% vs 6.9± 5.4%; p=0.051).

La più comune indicazione clinica all’impianto di PM era un blocco di 3° grado o un blocco di 2° grado avanzato (71.4%); nel 56.8% dei casi è stato impiantato un pace-maker bicamerale.

 

Tra gli outcomes intraospedalieri, non ci sono differenze tra i due gruppi (PPI vs non PPI) in termini di complicanze maggiori post-TAVI; i pazienti sottoposti a PPI hanno una degenza ospedaliera più lunga (7 vs 6 giorni; p=0.014).

 

A un follow-up di 4 anni, non c’è nessuna differenza statisticamente significativa tra i due gruppi in termini di mortalità totale (48.5% vs 42.9%; p=0.15) e mortalità cardiovascolare (14.9% vs 15.5%; p=0.66); i pazienti sottoposti a PPI presentano però un più alto tasso di re-ospedalizzazione per scompenso cardiaco (22.4% vs 16.1%; p=0.019) e dell’endpoint composito mortalità e re-ospedalizzazione per insufficienza cardiaca (59.6% vs 51.9%; p=0.011).

L’impianto definitivo di PM si associa a una riduzione nel tempo della funzione ventricolare sinistra (p=0.051 per variazioni di FE tra i gruppi), in particolare nei pazienti con ridotta frazione di eiezione in basale prima dell’intervento di TAVI (p=0.005 per variazione di FE tra i gruppi).

Sono stati analizzati anche i dati di pacing ventricolare destro: durante il follow-up, fino all’86% dei pazienti mostrava una stimolazione >1% e, tra questi, il 51% dei pazienti aveva una stimolazione >40%.

 

L’impianto di pace-maker ha pertanto un impatto sugli outcomes clinici a lungo termine dopo TAVI; sebbene dallo studio non emerga un’associazione tra PPI e mortalità, c’è comunque un peggioramento della frazione di eiezione e un aumento dei ricoveri per insufficienza cardiaca.

Prevenire i disturbi di conduzione e seguire le indicazioni per l’impianto di pace-maker post-TAVI ha una rilevanza clinica maggiore in quest’epoca in cui l’indicazione alla TAVI è stata estesa anche ai pazienti a rischio intermedio e, di conseguenza, con una aspettativa di vita più lunga.

Print Friendly, PDF & Email
Antonella Potenza
Antonella Potenza
Dirigente Medico I livello. Cardiologia Interventistica IRCCS-ASMN Reggio Emilia

Comments are closed.

×
Registrati
Registrati alla newsletter di ATBV per non perderti le novità del sito.

Per proseguire occorre prestare il consenso al trattamento dei dati per tutte le finalità meglio descritte nell'informativa resa ex art. 13 Regolamento UE 679/2016 Acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità di cui all'informativa