A cura di Antonella Potenza

Teerlink JR, Felker GM, McMurray JJV, onikowski P, 
et al. J Am Coll Cardiol 2016;67:1444-145.

L’omecamtiv mecarbil (OM) è un attivatore selettivo della miosina che ha dimostrato di aumentare la funzione miocardica in volontari sani e in pazienti con scompenso cardiaco cronico.

A differenza dei comuni inotropi che aumentano la contrattilità riducendo la durata della sistole, OM aumenta la gittata cardiaca prolungando la durata della sistole senza modificare la contrattilità miocardica.

In questo studio sono stati valutati farmacocinetica, farmacodinamica, tollerabilità e sicurezza del farmaco (somministrato come infusione endovenosa continua di 48 ore di 3 diversi dosaggi, con un braccio di confronto in placebo, in doppio cieco) in 606 pazienti ricoverati per scompenso cardiaco acuto, con frazione di eiezione del ventricolo sinistro ≤40%, dispnea ed elevate concentrazioni di peptidi natriuretici. L’OM non ha comportato nessun miglioramento dell’endpoint primario costituito dalla risoluzione della dispnea (3 dosi e placebo: placebo, 41%; coorte con OM 1, 42%; coorte con OM 2, 47%; coorte con OM 3, 51%, p=0.33) e neppure di tutti gli endpoint secondari considerati. Nelle analisi supplementari pre-specificate, OM ha comportato una più rilevante risoluzione della dispnea a 48 ore (placebo, 37 vs. OM, 51%, p=0.034) nella coorte che assumeva la dose massima. OM ha determinato un aumento del tempo di eiezione sistolica del ventricolo sinistro proporzionale alla concentrazione plasmatica (p<0.0001) e una riduzione del volume telesistolico (p<0.05). Gli eventi avversi e la tollerabilità correlati con l’OM sono sovrapponibili rispetto al placebo, in assenza di incrementi delle tachiaritmie ventricolari e sopraventricolari. Le concentrazioni plasmatiche di troponina risultano superiori nei pazienti in terapia con OM rispetto ai pazienti del gruppo di controllo, ma senza una chiara correlazione con le concentrazioni di OM (p=0.95).

La somministrazione endovenosa di OM non ha soddisfatto l’endpoint primario prespecificato di questo studio su pazienti con scompenso cardiaco acuto, costituito dal miglioramento della dispnea, ma è risultato generalmente ben tollerato, ha aumentato il tempo di eiezione sistolica e può comportare un miglioramento della dispnea nel gruppo assegnato all’alta dose.

POTENZA Omecamtiv F1

[Scarica in PDF]

Antonella Potenza
Dirigente Medico I livello. Cardiologia Interventistica IRCCS-ASMN Reggio Emilia

due libri magari sorprendenti

Anzitutto una rapida (ma essenziale) nota, stamattina, per segnalarvi l’imperdibile post in cui si descrive un epistolario di natura religiosa […]

Alirocumab efficace nei pazienti diabetici: i risultati dei trial ODYSSEY DM-Insulin e DM-Dyslipidemia

A cura di Ivana Pariggiano (altro…)

spogliarsi delle vesti

C’è una risposta molto interessante, entro un’intervista altrettanto interessante, che ho letto ieri sul web: l’ha data Antonio Di Grado, […]

sonnambulismi letterari

… attraversiamo la vita reagendo alle situazioni che ci sono familiari attenendoci sempre allo stesso copione: diciamo “bene” quando ci […]

Procedura “valve-in-valve” per la correzione transcatetere delle bioprotesi aortiche degenerate

A cura di Antonella Potenza (altro…)