Progetto Consensus – La gestione ottimale del paziente con sindrome coronarica acuta
15 novembre, 2017
il viaggio di nessuno
22 novembre, 2017

Nuovi target LDL? Un update dal trial FOURIER

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

A cura di Ivana Pariggiano

Secondo i risultati di una nuova analisi del trial FOURIER, la riduzione degli eventi cardiovascolari è correlata in maniera lineare alla riduzione dei valori di LDL: pertanto, più basso è il valore di LDL raggiunto, minore è l’incidenza di eventi futuri. Sulla base di tali risultati gli autori sostengono che il target di colesterolo LDL nei pazienti ad alto rischio dovrebbe essere molto inferiore a quello raccomandato nelle linee guida vigenti.

Nel FOURIER, il trattamento con Evolocumab in aggiunta alla terapia standard ha ridotto i livelli di colesterolo LDL a una media di 0,8 mmol/L, che si traduce in una riduzione significativa del rischio di eventi cardiovascolari nei pazienti con malattia cardiovascolare stabile in un follow-up mediano di 2,2 anni. Tuttavia, è ancora oggetto di discussione se la relazione tra la riduzione del colesterolo LDL e la riduzione degli outcome cardiovascolari continui per livelli molto bassi del colesterolo LDL e se tali livelli di colesterolo LDL siano sicuri.

Questa analisi ha esaminato le questioni aperte utilizzando i dati di 25.982 pazienti con una valutazione del profilo lipidico alla quarta settimana per i quali non si è verificato nessun outcome primario. I pazienti sono stati suddivisi in base ai valori di colesterolo LDL in 5 gruppi.

L’analisi ha mostrato una relazione lineare tra il colesterolo LDL e il rischio sia dell’endpoint composito primario (un composto di morte cardiovascolare, infarto miocardico, ictus, rivascolarizzazione coronarica o ammissione ospedaliera per angina instabile) che dell’endpoint composito secondario (un composto di morte cardiovascolare, infarto miocardico o ictus). Nel gruppo con i più bassi livelli di colesterolo LDL si raggiungeva una riduzione del 31% del rischio dell’endpoint secondario. Inoltre, questa relazione lineare si estendeva anche per livelli di colesterolo LDL < 10 mg/dl, in un’analisi post hoc in pazienti con livelli di colesterolo LDL ultra-bassi (1335 pazienti con un valore raggiunto [15 mg/dl] e 504 (2%) pazienti con un valore < 10 mg/dl). Per quanto riguarda l’analisi di sicurezza – che comprende più di 10 variabili, comprese quelle di funzionalità cognitiva come il CANTAB (Cambridge Neuropsychological Test Battery Automated) –, nei cinque gruppi non si è verificato un aumento degli eventi, neanche per livelli di colesterolo LDL molto bassi.

I risultati di questa analisi suggeriscono, quindi, che i medici dovrebbero mirare a raggiungere livelli di colesterolo LDL considerevolmente più bassi nei pazienti ad alto rischio rispetto a quelli attualmente raccomandati dalle linee guida. I dati riportati, tuttavia, riguardano un numero di pazienti troppo basso e un periodo di osservazione ancora troppo breve e richiedono pertanto ulteriori conferme.

 

Bibliografia:

  1. Giugliano RP, Pedersen TR, Park J-G et al. Clinical efficacy and safety of achieving very low LDL-cholesterol concentrations with the PCSK9 inhibitor evolocumab: a prespecified secondary analysis of the FOURIER trial. Lancet; Published Online August 28, 2017. http://dx.doi.org/10.1016/S0140-6736(17)32290-0
  2. Sabatine MS, Giugliano RP, Keech AC et al. Evolocumab and Clinical Outcomes in Patients with Cardiovascular Disease. N Engl J Med. 2017 May 4;376(18):1713-1722.
Print Friendly, PDF & Email
Ivana Pariggiano
Ivana Pariggiano

Specialista in formazione , Cardiologia Seconda. Università degli Studi di Napoli, A.O. Dei Colli «Monaldi», Napoli.

Comments are closed.