voci delle mie sirene
27 Giugno, 2021
il cibo che leggiamo
4 Luglio, 2021

mentre il mondo trema

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Siamo nel 2786, le calotte polari si sono sciolte, il livello dei mari si è innalzato e ha sommerso migliaia di chilometri di coste italiane. Milordo, in quello che viene definito un viaggio “semiserio”, percorre la nuova geografia costiera e insulare del Bel Paese, in bilico tra fantascienza e viaggio picaresco, evocando esplicitamente Goethe mille anni dopo ma innescando anche un’operazione culturale simile a quella di Antonio Stoppani. Perché il libro è corredato infatti dalle mappe fisiche di Francesco Ferrarese che, con uno stile grafico e cromatico che riporta subito alle vecchie cartine geografiche appese nelle aule scolastiche di un tempo, attiva il gioco del riconoscimento e dell’autonarrazione. Prendendo il libro in mano, il lettore andrà subito istintivamente a cercare la propria città: che ne sarà di Modena, di Napoli, di Milano tra settecento anni? Saranno sparite tra le acque? E Palermo? A Catania saremo sommersi e a Lodi salvati e andremo al mare? Ce la faremo dopo il diluvio o è solo l’incipit di un racconto ballardiano? Ma quello che sembra un facile gioco di agnizione diventa subito qualcosa di più.

Un viaggio immaginario, insomma: il cuore stesso della letteratura di ogni tempo (tutta la recensione la trovate qui).

Un viaggio in un futuro non impossibile in cui nulla di quello che oggi sappiamo dell’Italia è più vero, i mari non sono più al loro posto, le spiagge non sono più spiagge, le montagne hanno perduto il loro carattere, le città sono scomparse o diventate altro da sé, completamente.

È uno dei libri più interessanti e speciali del 2021, questo Viaggio nell’Italia dell’Antropocene di Telmo Pievani e Mauro Varotto (e le mappe sono bellssime, se come me siete appassionati del genere); una specie di manuale di una futura geografia immaginaria che tiene insieme letteratura distopica e di viaggio, immaginazione ecologica, catastrofismo, cartografia, dati scientifici e pure una certa leggerezza. Ma è anche un monito, come si dice perfettamente qui, che è difficile non voler ascoltare:

La fantasia, potenziata da immagini già presenti nella memoria collettiva, diventa un mezzo d’azione. E a ogni tappa del viaggio, il libro presenta una raccolta di fatti che fa da controcanto alla fiction. Cifre enormi, destabilizzanti, ma che riusciamo a interiorizzare e maneggiare più facilmente proprio grazie al filtro della finzione, al patto narrativo di trovarci davvero nel 2786. Si parla di migranti climatici, dei ghiacci che si sciolgono e dei mari che salgono, di dissesti geologici e idrografici, di desertificazione, di perdita di biodiversità, di sovraffollamento, di problemi sociali e convivenza fra uomini e animali: tutti fenomeni già presenti ed evidenti, che talvolta scegliamo di ignorare ma che, superata una certa soglia, esploderanno fino a diventare ingestibili… Non serve immaginare grigi futuri distopici, perché nella catastrofe la vita di tutti i giorni deve pur continuare e spesso lo fa in modo più banale di quello che pensiamo; ma non dobbiamo nemmeno indulgere nell’attesa di soluzioni magiche, perché un altro punto chiarissimo è che il danno è già stato fatto, il pianeta è già profondamente ferito, e si tratta di restare in equilibrio mentre il mondo trema.

E mi piace pensare che per raccontare questo viaggio goethiano mille anni dopo il viaggio in Italia di Goethe, uno scienziato e un geografo abbiano scelto la forma letteraria dell’immaginazione. Il mondo che dobbiamo salvare da noi stessi ha bisogno di tutti noi stessi per essere salvato, e forse in particolare ha bisogno di quella parte di noi che sa prendere i numeri e i fatti della climatologia e trasformarli nel racconto di quello che saremo quando non saremo più lì, con i nostri occhi, a guardarci mentre camminiamo nel mondo.

Siamo noi stessi, rappresentanti della specie Homo sapiens, il racconto del mondo che cambia e che cambiamo con la nostra invadente presenza; non sappiamo smettere di immaginarlo, non possiamo ancora smettere di disegnarlo. Non basta ancora, ma mi pare già una bella notizia per il futuro dell’Antropocene.

Davide Profumo
Davide Profumo
La mia pagina Facebook: https://it-it.facebook.com/davide.loscorfano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *