letteratura come autoritratto
7 febbraio, 2016
essere altro
9 febbraio, 2016

LOMITAPIDE: nuovo trattamento per l’Ipercolesterolemia familiare omozigote

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

A cura di Ivana Pariggiano

L’Ipercolesterolemia familiare omozigote (IF omozigote) è una dislipidemia ereditaria caratterizzata da un notevole aumento dei livelli di lipoproteina a bassa densità (LDL), associata a una mutazione del gene che codifica il recettore delle LDL. L’alterata funzione di tale recettore causa un progressivo accumulo di LDL nell’endotelio dei vasi sanguigni e l’avvio del processo aterosclerotico che porta all’aumento consistente di rischio cardiovascolare in età giovanile. L’inizio precoce di trattamento aggressivo per questi pazienti è quindi di particolare importanza. I pazienti con ipercolesterolemia familiare omozigote tuttavia possono non rispondere adeguatamente a farmaci convenzionali, e anche con l’uso combinato di terapie farmacologiche disponibili, inclusa l’aferesi, non si raggiungono i valori target di LDL raccomandati dalle linee guida internazionali per questa classe di pazienti ad altissimo rischio cardiovascolare.

La Lomitapide rappresenta una nuova opzione terapeutica per i pazienti affetti da ipercolesterolemia familiare omozigote (HoFH ). Tale molecola è un inibitore selettivo della proteina microsomiale di trasporto dei trigliceridi (MTP), una proteina intracellulare che si trova nel lume del reticolo endoplasmatico che svolge un ruolo nell’assemblaggio e secrezione di apolipoproteina (APO) lipoproteine B nel fegato e intestino. L’inibizione dell’MTP riduce la secrezione di lipoproteine e le concentrazioni circolanti di lipidi trasportati da lipoproteine, inclusi colesterolo e trigliceridi, in maniera indipendente dal recettore LDL.

L’efficacia e la sicurezza a lungo termine della Lomitapide è stata valutata in uno studio multicentrico di fase 3, non controllato, condotto in aperto su 29 pazienti affetti da ipercolesterolemia familiare omozigote per un periodo di osservazione 78 settimane. La diagnosi di Ipercolesterolemia familiare rispondeva ai criteri clinici (storia di ipercolesterolemia con valori di colesterolo tot >503 mg/dl, e trigliceridi <132 mg/dl ed entrambi i genitori con storia di colesterolo totale non trattato >252 mg/dl) o era stata documentata dalla mutazione omozigote degli alleli che codificano per il recettore e che causano perdita della funzione recettoriale. La Lomitapide è stata somministrata, in aggiunta alla terapia ipolipemizzante standard (statine, ezetimibe, aferesi), a una dose iniziale di 5 mg al giorno per le prime due settimane con successivi incrementi posologici a intervalli di 4 settimane, fino al raggiungimento della dose massima tollerata. Il profilo lipidico e i test di funzionalità epatica sono stati valutati in condizioni basali e a ogni incremento di dose del farmaco. L’endpoint primario era la variazione percentuale della concentrazione LDL-C dall’inizio della terapia fino alla dose massima tollerata dopo 26 settimane di trattamento. Endpoint secondari comprendevano variazioni percentuali di altri parametri lipidici (TC, Apo B, HDL-C, Trigliceridi), la sicurezza a lungo termine (modifiche degli enzimi epatici) e cambiamenti nel contenuto di grassi epatico.

Alla fine del periodo di trattamento, la riduzione dei livelli plasmatici di colesterolo LDL è stata di circa il 50% rispetto ai valori basali. (−50%, 95% CI −62, −39, p<0•001) (Tabella 1). Riduzioni consistenti rispetto ai valori iniziali sono state evidenziate anche per gli endpoint secondari (TC, apoB, and triglycerides, −46%, −49% e −45% rispettivamente).

PARIGGIANO Lomitapide F1

Tabella 1

I principali effetti collaterali evidenziati nei pazienti trattati con Lomitapide sono quelli a carico dell’apparato gastrointestinale (diarrea, nausea, dispepsia e vomito), con un’incidenza di circa il 90%. Tuttavia la frequenza di tali eventi tendeva a ridursi nel tempo. È stato inoltre riportato un incremento dei livelli delle aminotransferasi in 10 pazienti su 29, rientrato dopo una riduzione del dosaggio del farmaco o dopo temporanea sospensione.

La variazione percentuale di grasso epatico, valutato con risonanza magnetica nucleare spettroscopica in basale e a sei mesi dall’inizio del trattamento, è stata negativamente associata con il cambiamento di LDL-C al termine della fase di trattamento.

A seguito dei risultati positivi di tale studio, l’Agenzia Italiana del Farmaco nel 2013 ha autorizzato l’immissione in commercio del farmaco (nome commerciale Lojuxta), erogabile a totale carico del Servizio Sanitario Nazionale per il trattamento della ipercolesterolemia familiare omozigote, in associazione a una specifica dieta a basso tenore di grassi e in aggiunta ad altri farmaci ipolipemizzanti, e sia nei pazienti che effettuano LDL-aferesi che negli altri.

Incoraggianti sono i risultati a un anno del registro osservazionale LOWER, relativi all’uso nella pratica clinica di Lomitapide su 300 pazienti adulti con IF omozigote. I dati ricavati dal mondo reale hanno confermato sia la sicurezza che l’efficacia del farmaco, riportando una bassa percentuale di interruzione per modifiche degli enzimi epatici o per eventi gastrointestinali. I dati futuri forniranno ulteriori informazioni sulla sicurezza a lungo termine e sulla riduzione del rischio cardiovascolare in tale popolazione.

 

Bibliografia:

Lancet. 2013 Jan 5;381(9860):40-6. doi: 10.1016/S0140-6736(12)61731-0. Epub 2012 Nov 2.Efficacy and safety of a microsomal triglyceride transfer protein inhibitor in patients with homozygous familial hypercholesterolaemia: a single-arm, open-label, phase 3 study-Cuchel M1, Meagher EA, du Toit Theron H, Blom DJ, Marais AD, Hegele RA, Averna MR, Sirtori CR, Shah PK, Gaudet D, Stefanutti C, Vigna GB, Du Plessis AM, Propert KJ, Sasiela WJ, Bloedon LT, Rader DJ; Phase 3 HoFH Lomitapide Study investigators.

Circulation Abstract 10818: Lomitapide Observational Worldwide Evaluation Registry (LOWER): One-Year Data Dirk Blom et al.;

LOWER: Lomitapide Observational Worldwide Evaluation Registry; ClinicalTrials.gov Identifier: NCT02135705 epidemiology and Population Studies VIII

[Scarica l’articolo in formato PDF]

Print Friendly, PDF & Email
Ivana Pariggiano
Ivana Pariggiano
Specialista in formazione , Cardiologia Seconda. Università degli Studi di Napoli, A.O. Dei Colli «Monaldi», Napoli.

Comments are closed.