LEADERS FREE: anche a due anni confermata la superiorità dei DES polymer-free rispetto ai BMS
12 Dicembre 2016
quattro grandi scrittori, un fallimento
13 Dicembre 2016

L’FFR correla con la prognosi, per ciascuna lesione valutata funzionalmente

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

A cura di Marta F. Brancati

Barbato E, Toth GG, Johnson NP, et al. A Prospective Natural History Study of Coronary Atherosclerosis Using Fractional Flow Reserve. J Am Coll Cardiol. 2016;68(21):2247-2255.

Si tratta di uno studio prospettico volto a indagare la correlazione tra Flow Fractional Reserve (FFR) e prognosi. La premessa è la seguente: così come è noto il significato prognostico dell’ischemia valutata con i test non invasivi, sta emergendo sempre più quello dell’analisi morfologica della placca con le metodiche di imaging. Cosa sappiamo però dell’impatto prognostico di ciascuna lesione, presa singolarmente e valutata dal punto di vista funzionale? Cercano di rispondere al quesito i massimi esperti di FFR, guidati da Bernard De Bruyne dell’ospedale di Aalst, in Belgio.

Sono stati arruolati 607 pazienti con coronaropatia stabile (1029 lesioni), nell’ambito dello studio FAME II; i pazienti sono stati trattati con terapia medica dopo valutazione mediante FFR del significato emodinamico delle stenosi rilevate angiograficamente. L’endpoint dello studio è stato l’outcome a 2 anni, inteso come eventi cardiovascolari avversi maggiori (MACE). In totale, i MACE sono stati osservati nel 26.5% dei casi, sul totale delle lesioni, e sono stati associati più frequentemente alla presenza di stenosi ≥ 70% (p<0.01). Il valore medio dell’FFR era significativamente più basso nel gruppo in cui si sono verificati i MACE rispetto a quello in cui non si sono verificati (0.68 vs 0.80). Peraltro, l’incidenza dei MACE correlava con i valori di FFR raggruppati in quartili: per ogni aumento di 0.05 unità del valore dell’FFR, vi era una riduzione significativa dei MACE (OR 0.81; IC 95% 0.76-0.86).

Valori di FFR fra 0.80 e 0.60 si confermano pertanto correlati a prognosi avversa, come evidenziato già in studi precedenti. All’analisi multivariata, l’FFR si dimostra un predittore dei MACE a 2 anni (HR 0.87, IC 95% 0.83-0.91).

[Scarica l’articolo in PDF]

Marta F. Brancati
Marta F. Brancati
Dirigente medico di I livello, UO Emodinamica, Ospedale degli Infermi, ASL BI - Biella

Comments are closed.