A cura di Walter Ageno

L’incidenza di trombosi venose diagnosticate in modo incidentale dopo esecuzione di esami strumentali effettuati per ragioni cliniche differenti (ad esempio la stadiazione di un tumore) è in verosimile aumento. Questo riguarda principalmente le embolie polmonari, ma anche trombosi venose in altri distretti come nel circolo splancnico o nelle vene degli arti superiori o inferiori. Nella maggior parte dei casi i riscontri incidentali avvengono dopo tomografie assiali computerizzate (TC), ma non sono rari i casi di riscontro ecografico, soprattutto a livello addominale.

 

Pochi anni fa abbiamo condotto una revisione sistematica della letteratura per identificare gli studi che riportavano il numero di diagnosi di embolie polmonari incidentali dopo TC del torace e abbiamo stimato una prevalenza media del 2.6%. Questo significa che ogni 100 TC del torace eseguite per ragioni diverse dal sospetto di embolia polmonare, 2 o 3 identificano questa patologia incidentalmente. La prevalenza aumentava se le TC erano eseguite in pazienti ricoverati (rispetto ai pazienti ambulatoriali) ed era più alta nei pazienti oncologici rispetto ai pazienti non tumorali. È chiaro come questo problema sia particolarmente importante proprio nella popolazione oncologica, sia per la nota forte associazione tra cancro e trombosi, sia perché questi pazienti sono periodicamente sottoposti all’esame radiologico al fine di stadiare il tumore. In uno studio nordamericano condotto su una popolazione di pazienti tumorali, quasi la metà di coloro che hanno avuto una diagnosi di embolia polmonare nel corso della malattia hanno avuto un riscontro incidentale.

Come si diceva, il dato di prevalenza non è molto inferiore se si valutano altri distretti. La prevalenza di trombosi venose diagnosticate incidentalmente nei vasi addominali dopo TC dell’addome nel nostro ospedale è risultata essere vicina al 2% dopo la revisione di oltre 2500 TC consecutive. Altri studi hanno riportato come circa il 20-30% dei pazienti con trombosi venose splancniche hanno avuto una diagnosi incidentale. Anche in questo ambito il rischio di diagnosi incidentale aumenta nei pazienti oncologici, così come, se non di più, nei pazienti cirrotici.

AGENO f1

AGENO f2

Spesso si parla di trombosi asintomatiche quando le diagnosi sono incidentali. In realtà, questa definizione non è corretta in quanto molti di questi pazienti hanno avuto dei sintomi che non avevano portato al sospetto clinico di trombosi. Questo dato è frequentemente riscontrato nei pazienti oncologici, nei quali sintomi come la dispnea sono generalmente attribuiti alla patologia di base. Identificare dei sintomi che potrebbero aver preceduto la diagnosi di trombosi incidentale è utile in quanto questo rafforza la possibilità che la diagnosi stessa sia corretta. Un problema non trascurabile, infatti, è il rischio di risultati falsi positivi. Questo rischio è particolarmente elevato quando sono descritti isolati difetti di riempimento di arterie subsegmentali. Studi radiologici nei quali TC diagnostiche per embolia polmonare sono state rivalutate da più medici hanno evidenziato un elevato grado di discordanza e di diagnosi non confermate soprattutto quando gli emboli erano descritti in vasi di piccole dimensioni. Per questo, alcuni esperti raccomandano in tali situazioni (paziente realmente asintomatico ed embolia isolata subsegmentale) di rivalutare le immagini attentamente con i colleghi radiologi e di approfondire le indagini con la ricerca di trombosi venose a carico degli arti inferiori per supportare il riscontro incidentale di embolia polmonare.

AGENO f3

Una domanda frequente riguarda il trattamento degli eventi tromboembolici diagnosticati incidentalmente. Purtroppo non ci sono molti studi che abbiano valutato la storia clinica di queste trombosi. I dati disponibili, tuttavia, suggeriscono che la prognosi di questi pazienti, sia con embolia polmonare che con trombosi venosa splancnica, sia del tutto simile alla prognosi dei pazienti con trombosi sintomatiche sospettate, sia in termini di mortalità che di recidive trombotiche. Il dato sulle recidive è tuttavia condizionato dal fatto che nella pratica clinica la grande maggioranza delle embolie polmonari incidentali viene comunque trattata con anticoagulanti. Lo stesso non avviene invece per le trombosi splancniche, che spesso rimangono senza terapia. È interessante osservare, però, come in quelle piccoli coorti di pazienti con embolia polmonare subsegmentale non trattati farmacologicamente non siano state descritte recidive tromboemboliche.

 

In mancanza di evidenze da studi clinici, le linee guida suggeriscono di trattare i pazienti con embolie polmonari incidentali allo stesso modo dei pazienti sintomatici, con la stessa intensità e durata della terapia anticoagulante. Viene data molta importanza, a sostegno della scelta di trattare il paziente, alla presenza di sintomi evidenziati dopo un’accurata raccolta di informazioni retrospettiva. Viene data altrettanta importanza alla sede e alle dimensioni dell’embolia, consigliando una valutazione molto approfondita e critica delle embolie subsegmentali e una decisione terapeutica individualizzata. È interessante a questo proposito l’esito di una recentissima survey condotta tra oncologi, specialisti in cure palliative e pneumologi, la maggioranza dei quali, alla domanda sul trattamento di un’embolia subsegmentale in pazienti oncologici, si è dichiarata comunque favorevole alla terapia anticoagulante, con una percentuale addirittura superiore all’80% tra gli oncologi.

Meno chiare sono le raccomandazioni relative ai pazienti con trombosi venose splancniche incidentali, con una generica indicazione a non trattare, salvo in presenza di importanti fattori di rischio di recidiva o di un trombo chiaramente recente o esteso.

AGENO f4

 

Bibliografia

  1. O’Connell C. How I treat incidental pulmonary embolism. Blood 2015;125:1877-1882.
  2. Dentali F, Ageno W, Becattini C, et al. Prevalence and clinical history of incidental, asymptomatic pulmonary embolism: a meta-analysis. Thromb Res. 2010;125:518-522.
  3. Ageno W, Squizzato A, Togna A, et al. Incidental diagnosis of a deep vein thrombosis in consecutive patients undergoing a computed tomography scan of the abdomen: a retrospective cohort study. J Thromb Haemost 2012;10:158-160.
  4. O’Connell CL, Boswell WD, Duddalwar V, et al. Unsuspected pulmonary emboli in cancer patients: clinical correlates and relevance. J Clin Oncol. 2006;24:4928-4932.
  5. Di Nisio M, Lee AY, Carrier M, Liebman HA, Khorana AA. Diagnosis and treatment of incidental venous thromboembolism in cancer patients: guidance from the SSC of the ISTH. J Thromb Haemost. 2015;13:880-883.
  6. O’Connell CL, Razavi PA, Liebman HA. Symptoms adversely impact survival among patients with cancer and unsuspected pulmonary embolism. J Clin Oncol 2011;29:4208-4209.
  7. Dentali F, Ageno W, Pierfranceschi MG, et al. Prognostic relevance of an asymptomatic venous thromboembolism in patients with cancer. J Thromb Haemost 2011;9:1081-1083.
  8. Den Exter PL, van Es J, Klok FA, et al. Risk profile and clinical outcome of symptomatic subsegmental acute pulmonary embolism. Blood 2013;122:1144-1149.
  9. Donato AA, Khoche S, Santora J, Wagner B. Clinical outcomes in patients with isolated subsegmental pulmonary emboli diagnosed by multidetector CT pulmonary angiography. Thromb Res. 2010;126:e266-e270.

[Scarica l’articolo in formato PDF]

Walter Ageno
Professore associato di Medicina Interna all'Università dell'Insubria e responsabile dell'Unità semplice dipartimentale di Degenza Breve Internistica e del centro trombosi dell'Ospedale di Circolo di Varese

due libri magari sorprendenti

Anzitutto una rapida (ma essenziale) nota, stamattina, per segnalarvi l’imperdibile post in cui si descrive un epistolario di natura religiosa […]

Alirocumab efficace nei pazienti diabetici: i risultati dei trial ODYSSEY DM-Insulin e DM-Dyslipidemia

A cura di Ivana Pariggiano (altro…)

spogliarsi delle vesti

C’è una risposta molto interessante, entro un’intervista altrettanto interessante, che ho letto ieri sul web: l’ha data Antonio Di Grado, […]

sonnambulismi letterari

… attraversiamo la vita reagendo alle situazioni che ci sono familiari attenendoci sempre allo stesso copione: diciamo “bene” quando ci […]

Procedura “valve-in-valve” per la correzione transcatetere delle bioprotesi aortiche degenerate

A cura di Antonella Potenza (altro…)