Interazione fra atorvastatina e farmaci antiaggreganti
Nicola Musilli, Anna Toso, Mario Leoncini

 

La doppia antiaggregazione con aspirina ed un inibitore del recettore piastrinico P2Y12; per l’adenosina difosfato (ADP) è un trattamento di prevenzione secondaria indicato dalle linee guida internazionali per i pazienti trattati con angioplastica ed impianto di stent e per quelli che hanno sofferto di una sindrome coronarica acuta. Anche le statine sono farmaci raccomandati in prevenzione secondaria nei pazienti con malattia coronarica pertanto vengono spesso co-somministrate ai farmaci antiaggreganti. L’atorvastatina, una delle molecole più frequentemente utilizzata nella pratica clinica, è una statina lipofilica metabolizzata dal citocromo P450 (CYP) 3A4, uno dei principali isoenzimi coinvolti nel metabolismo epatico del clopidogrel e del prasugrel, inibitori del recettore P2Y12. Poichè l’atorvastatina ha una maggiore affinità per il CYP 3A4 rispetto agli antiaggreganti piastrinici, la co-somministrazione potrebbe determinare un’inibizione competitiva, dose dipendente, dell’attivazione del clopidogrel e del prasugrel rendendoli meno biodisponibili e quindi meno efficaci. Anche per il ticagrelor, ultimo nato degli inibitori del recettore piastrinico per l’ADP, che non essendo un pro-farmaco non necessita di attivazione epatica, è stata prospettata una interazione farmacologica con le statine lipofiliche.

 

Interazione farmacologica fra atorvastatina e clopidogrel

E’ ormai ampiamente dimostrato che esiste una variabilità inter-individuale nella risposta al clopidogrel determinata da fattori clinici, cellulari e genetici (1) e che la ricorrenza di eventi cardiovascolari è correlata alla reattività piastrinica residua (2). Il clopidogrel è un pro-farmaco che, una volta assunto, viene inattivato per la maggior parte (85%) dalle esterasi plasmatiche. Il rimanente 15% viene reso attivo a livello epatico per trasformazione metabolica da parte del CYP 3A4 tramite due processi ossidativi: il primo porta alla formazione di un metabolita intermedio inattivo (2-oxoclopidogrel) mentre il secondo lo trasforma nel metabolita attivo (R-130964). Gli isoenzimi principali del CYP 3A4 coinvolti nel processo metabolico del clopidogrel appartengono alla catena del CYP 2C19, del CYP 3A4/5, del CYP 2C9, del CYP 1A2 e del CYP 2B6. Pertanto, qualsiasi farmaco o sostanza potenzialmente in grado di interferire con la catena metabolica del CYP 3A4 può interferire con il metabolismo del clopidogrel

Le prime segnalazioni (3,4) di una possibile interazione negativa fra clopidogrel e statine risalgono al 2003 e derivano dall’evidenza in studi osservazionali di una riduzione dell’attività antiaggregante del clopidogrel quando co-somministrato con statine lipofiliche ed in particolare con atorvastatina o simvastatina (Tabella 1). Studi successivi, condotti quasi esclusivamente con l’atorvastatina, la molecola più frequentemente utilizzata in prevenzione secondaria, hanno dimostrato che non è presente una interazione negativa fra i due farmaci se: 1) il clopidogrel viene impiegato ad alte dosi (dose di carico 600 mg); 2) il grado di antiaggregazione viene misurato alcune settimane dopo l’inizio della terapia combinata.

Tuttavia, questi studi di farmacodinamica (Tabella 1 e tabella 2)presentano molti limiti:

tab 1 Musilli

 

tab 2 Musilli
 

Spesso non sono randomizzati; includono un numero limitato di pazienti; usano dosi diverse di clopidogrel; utilizzano differenti tempi e metodi di valutazione dell’effetto antiaggregante; analizzano diverse categorie di rischio di soggetti, spesso non caratterizzati dal punto di vista genetico, e senza chiaro riscontro di aderenza al trattamento. Inoltre, come si può osservare in tabella 1 e 2 , negli studi di farmacodinamica che hanno valutato la possibile interazione tra statine e clopidogrel, il più importante fattore confondente è rappresentato dalla diversa dose di atorvastatina assunta nei due bracci di trattamento. Ad ogni modo, gli studi di registro e le analisi post-hoc di studi clinici randomizzati non dimostrano un’interazione significativa fra tipo di statina utilizzata ed eventi cardiovascolari (17).  Di fatto è difficile condurre uno studio clinico che possa valutare l’impatto di una possibile interazione farmacologia fra clopidogrel e statine perché le statine di per sé svolgono effetti LDL- e non LDL-mediati, dose e farmaco dipendenti, che influenzano la prognosi indipendentemente dall’azione antiaggregante.

Lo studio farmacodinamico randomizzato ‘Accelerated Platelet Inhibition by switching from Atorvastatin to a non-CYP3A4-metabolized Statin in patients with high platelet reactivity’ (ACCEL-STATIN) ha dimostrato che nei pazienti in trattamento cronico con clopidogrel e basse dosi di atorvastatina, che presentavano una elevata attività piastrinica residua dopo PCI, il passaggio ad una statina idrofilica, rosuvastatina o pravastatina, potenziava l’attività antiaggregante del clopidogrel (18) (Tabella 3, Figura 1).

tab 3 Musilli

Fig 1  Accel -Statin study & studio Achido

Questo studio suggerisce quindi la possibilità di un’interazione farmacologia negativa fra basse dosi di atorvastatina e clopidogrel e questa può incidere particolarmente in quei pazienti che, per motivi genetici o clinici, rispondono poco al clopidogrel. Infatti un’interferenza negativa fra clopidogrel ed atorvastatina può avere scarso peso clinico in generale, ma essere rilevante in particolari sottogruppi di pazienti come quelli con elevata attività piastrinica residua che sono a più alto rischio di eventi cardiovascolari (2).

Se basse dosi di atorvastatina possono svolgere una azione inibitoria sull’attivazione del clopidogrel, effetti differenti si verificano impiegando alte dosi di atorvastatina. E’ stato infatti ampiamente dimostrato che le statine in generale, e l’atorvastatina in particolare, svolgono un’azione antiaggregante piastrinica, inquadrabile nell’ambito delle molteplici proprietà farmacologiche, dipendenti e/o indipendenti dalla riduzione del colesterolo-LDL (19-21).

Numerosi sono i meccanismi fisiopatologici di volta in volta suggeriti per spiegare la riduzione della trombogenicità ematica durante trattamento con statine: le variazioni dei livelli serici di colesterolo-LDL e del contenuto cellulare piastrinico di colesterolo; l’induzione della NO-sintasi piastrinica; l’inibizione della sintesi di tromboxano A2; l’inibizione dell’espressione del CD40L piastrinico e della liberazione di trombina CD40L-mediata; il legame del farmaco alle piastrine (19-22). E’ stato dimostrato che l’attività antipiastrinica dell’atorvastatina si realizza molto precocemente,  già 2 ore dopo la somministrazione di alte dosi del farmaco (40 mg) ed è legata alla riduzione della produzione degli isoprostani per una down-regulation del NADPH ossidasi. A distanza di 24 ore dall’assunzione di alte dosi di atorvastatina, l’attività antipiastrinica dipende anche dalla riduzione di trombossano B2 per inibizione della fosfolipasi A2 (23). Tale effetto  mediato dall’inibizione del trombossano B2 è dose dipendente perché non rilevabile dopo  somministrazione di basse dosi (10 mg) di atorvastatina (24). Inoltre, l’effetto antiaggregate ADP-mediato svolto dall’atorvastatina sembrerebbe additivo a quello esercitato dal clopidogrel, realizzandosi anche nei soggetti già trattati con clopidogrel (7). Infine, l’inibizione dell’attivazione piastrinica ADP-mediata prodotta dall’atorvastatina, non è legata alla riduzione dei valori di LDL persino nei pazienti già trattati con clopidogrel (14,25). Nello studio di Piorkowski et al. 56 pazienti con malattia coronarica stabile ed in trattamento cronico con aspirina e clopidogrel (75 mg) sono stati randomizzati ed assegnati a trattamento con alte dosi di atorvastatina (40 mg/die) oppure a trattamento con basse dosi di atorvastatina (10 mg) associata ad ezetimibe (10 mg). A distanza di 4 settimane, i due gruppi non differivano per l’entità di riduzione dei livelli di colesterolo LDL ma il gruppo trattato con alte dosi di atorvastatina presentava un minor grado di attività antipiastrinica ADP-mediata rispetto a quello trattato con basse dosi di atorvastatina ed ezetimibe, a dimostrazione che l’attività antipiastrinica dell’atorvastatina è additiva a quella del clopidogrel e dose dipendente (25).

Un effetto farmacodinamico antipiastrinico aggiuntivo a quello del clopidogrel è stato osservato anche nei pazienti “statin naïve” che presentano un’elevata attività piastrinica residua prima della PCI elettiva. Nello studio ‘Atorvastatin and Clopidogrel HIgh DOse in stable patients with residual high platelet activity’ (ACHIDO), 76 pazienti statin naïve, in trattamento con clopidogrel (600 mg dose di carico seguita da 75 mg/die) da almeno sette giorni e con elevata attività piastrinica residua prima dell’angioplastica, sono stati randomizzati a trattamento con alte dosi di clopidogrel (150 mg/die) o con alte dosi di clopidogrel in associazione ad alte dosi di atorvastatina (80 mg/die) dopo l’angioplastica (26). L’attività piastrinica residua è stata documentata con il sistema  VerifyNow® (Accumetrics, San Diego, CA), che misura il grado di inibizione dei recettori P2Y12 piastrinici in termini di unità di PRU (P2Y12 reaction units); il valore di PRU ottenuto esprime l’estensione dell’aggregazione piastrinica ADP-mediata specifica per i recettori P2Y12. I pazienti con un’elevata attività piastrinica residua (valori di PRU > 235) sono definiti ‘non-responders’, quelli con valori di PRU < 235 ‘responders’ (27). In entrambi i gruppi dello studio ACHIDO è stata osservata una significativa (p<0.001) riduzione dei valori di PRU (atorvastatina Δ PRU 102;  placebo Δ PRU 69) a 30 giorni rispetto ai valori basali; tuttavia i valori di PRU a 30 giorni sono risultati significativamente inferiori (p<0.01) nel gruppo trattato con clopidogrel ed atorvastatina rispetto a quello trattato con solo clopidogrel (188 ± 48 vs 223 ± 53; p<0.01). La percentuale di pazienti responders a 30 giorni è risultata significativamente maggiore nei pazienti che assumevano anche alte dosi di atorvastatina rispetto alla sola doppia dose di clopidogrel (22/26, 58% vs 32/36, 84%, p<0.02) (Tabella 3, figura 1).

I meccanismi cellulari alla base di questa interazione positiva fra clopidogrel ed alte dosi di atorvastatina non sono conosciuti. In studi sperimentali condotti su epatociti, le statine risultano induttori del citocromo P450 e l’atorvastatina risulta l’induttore più potente (28). Perciò, dopo un certo periodo di trattamento, l’atorvastatina con un meccanismo dose dipendente potrebbe indurre l’attività metabolica epatica del citocromo P450 e di conseguenza aumentare l’attività antiaggregante del clopidogrel facilitando la sua trasformazione nei metaboliti attivi. E’ stato infatti osservato in volontari sani trattati con clopidogrel (dose di carico 300/mg seguito da una dose di mantenimento di 75 mg) che l’aggiunta di alte dosi di atorvastatina (80 mg) aumenta del 28% la concentrazione ematica dei metaboliti attivi del clopidogrel e questo incremento si traduce in un significativo miglioramento dell’inibizione piastrinica (29). Inoltre, l’atorvastatina potrebbe facilitare direttamente la risposta delle piastrine al clopidogrel. E’ noto che nei pazienti diabetici lo stress ossidativo determina un alterato segnale intracellulare, calcio-dipendente, e questo si traduce in una ridotta inibizione dell’aggregazione ADP mediata (30). Pignatelli et al. hanno dimostrato che la riduzione dell’attivazione piastrinica conseguente alla somministrazione di alte dosi di atorvastatina si realizza contestualmente all’inibizione dello stress ossidativo (23).  E’ possibile perciò ipotizzare che alte dosi di atorvastatina riducendo lo stress ossidativo possano modificare la concentrazione di calcio intracellulare migliorando la trasmissione del segnale che inibisce l’attivazione piastrinica ADP-mediata. D’altra parte una analisi post-hoc dello studio ACHIDO ha dimostrato che sono proprio i pazienti diabetici quelli che maggiormente risentono dell’effetto favorevole antipiastrinico svolto da alte dosi di atorvastatina (31). Infine, l’atorvastatina potrebbe agire sulle proteine della membrana cellulare piastrinica favorendo l’inibizione del recettore P2Y12 da parte del clopidogrel, analogamente a quanto ipotizzato per spiegare il potenziamento dell’attività antipiastrinica del clopidogrel da parte degli acidi grassi polinsaturi (32).

Il potenziamento dell’attività antipiastrinica del clopidogrel svolto da alte dosi di atorvastatina, legato all’induzione epatica o all’azione piastrinica diretta, potrebbe consentire di superare l’effetto inibitorio determinato dall’inibizione competitiva del metabolismo del CYP 3A4 svolto da basse dosi di atorvastatina. Tenendo presenti questi meccanismi, sia i risultati dello studio ACCEL-STATIN, nel quale i pazienti assumevano in cronico dosi molto basse di atorvastatina (10 mg), che quelli dello studio ACHIDO, nel quale sono state aggiunte alte dosi di atorvastatina, risultano coerenti da un punto di vista farmacodinamico.

 

Interazione fra atorvastatina e prasugrel

Il prasugrel è un pro-farmaco che richiede un processo di ossidazione epatico (CYP 3A4/5, CYP 2B6, CYP 2C9) per essere trasformato nel metabolica attivo. Pertanto può essere ragionevolmente prospettata una interazione farmacodinamica fra prasugrel e statine lipofiliche. Tuttavia, per la maggior potenza del prasugrel rispetto al clopidogrel, non vi sono segnalazioni di un effetto inibitorio sul suo metabolismo ad opera di basse dosi di atorvastatina. Viceversa, come osservato per il clopidogrel,  alte dosi di atorvastatina (80 mg) aumentano del 17% i metaboliti attivi plasmatici del prasugrel,  ma questo incremento non si traduce in un potenziamento dell’attività antiaggregante del farmaco (29). Pertanto l’uso di alte dosi di atorvastatina non è controindicato nei pazienti trattati con prasugrel.

 

Interazione fra atorvastatina e ticagrelor

Il ticagrelor non necessita della biotrasformazione epatica per esplicare la sua attività antipiastrinica. Tuttavia circa il 30% del ticagrelor viene trasformato nel fegato in un metabolica attivo e questo processo metabolico coinvolge il CYP 3A4. Il ticagrelor è un debole  inibitore del CYP 3A4/5 e quindi potenzialmente in grado di aumentare la biodisponibilità delle statine lipofiliche. Infatti, studi sperimentali dimostrano che il ticagrelor aumenta la concentrazione ematica dell’atorvastatina con i suoi metaboliti attivi (atorvastatina-lattone ed idrossi-atorvastatina) ma soprattutto della simvastatina e della lovastatina (33). L’aumentata concentrazione ematica di statina e dei suoi metaboliti attivi incrementa il rischio di miopatia.  Proprio per questa interazione fra ticagrelor e statine lipofiliche lo studio ‘PLATelet inhibition and Outcomes’ (PLATO) non autorizzava la somministrazione di dosi superiori a 40 mg per la simvastatina e la lovastatina (34). In questo studio, condotto in pazienti con sindrome coronarica acuta, per i quali è indiscusso il beneficio di alte dosi di statine, il 90% dei pazienti trattati con ticagrelor o clopidogrel assumeva statine lipofiliche. Alcuni autori ritengono che il possibile beneficio sulla mortalità del ticagrelor osservato nello studio PLATO possa essere attribuito alle diverse concentrazioni ematiche di statine lipofiliche nei due bracci, potendo queste essere significativamente superiori nel braccio trattato con ticagrelor. Viceversa la co-somministrazione di ticagrelor e statine lipofiliche non altera la concentrazione ematica né del ticagrelor né del suo metabolita attivo perciò non si modifica la potenza antiaggregante del farmaco.

 

Conclusioni

I risultati degli studi di farmacodinamica condotti in pazienti con elevata attività piastrinica residua indicano che basse dosi di atorvastatina possono svolgere una interferenza farmacologica con il metabolismo del clopidogrel riducendone l’efficacia. Di conseguenza nei pazienti che per motivi clinici o genetici sono poco responsivi al clopidogrel sarebbe opportuno evitare l’impiego di basse dosi di atorvastatina. L’interferenza negativa con basse dosi di atorvastatina può essere superata o utilizzando una statina idrofilica oppure impiegando alte dosi di atorvastatina. Queste considerazioni  rinforzano le indicazioni derivate dagli studi clinici, condotti in pazienti ad alto rischio cardiovascolare e trattati con atorvastatina, di impiegare alte dosi e di non ridurre il dosaggio di questa statina, salvo in caso di effetti collaterali. Per quanto riguarda i nuovi farmaci antipiastrinici, alte dosi di statine lipofiliche possono essere utilizzate con il prasugrel mentre un’attenzione particolare deve essere posta alla dose di statine quando si impiega il ticagrelor.

 

Bibliografia

1. Angiollilo DJ, Fernandez-Ortiz A, Bernardo E, et al. Variability in individual responsiveness to clopidogrel: clinical implications, management, and future perspectives. J Am Coll Cardiol 2007; 49:1505-16.

2. Marcucci R, Gori AM, Paniccia R, et al. Cardiovascular death and nonfatal myocardial infarction in acute coronary syndrome patients receiving coronary stenting are predicted by residual platelet reactivity to ADP detected by a point-of-care assay: a 12-month follow-up. Circulation 2009;119:237-42.

3. Lau WC, Waskell LA, Watkins PB, et al. Atorvastatin reduces the ability of clopidogrel to inhibit platelet aggregation: a new drug-drug interaction. Circulation 2003;107:32-7.

4. Neubauer H, Gunesdogan B, Hanefeld C, Spiecker M, Mugge A. Lipophilic statins interfere with the inhibitory effects of clopidogrel on platelet function. A flow cytometry study. Eur Heart J 2003;24:1744-9.

5.  Müller I, Besta F, Schulz C, Li Z, Massberg S, Gawaz M. Effects of statins on platelet inhibition by a high loading dose of clopidogrel. Circulation 2003; 108:2195-7.

6.  Mitsios JV, Papathanasiou AI, Rodis FI, Elisaf M, Goudevenos JA, Tselepis AD. Atorvastatin does not affect the antiplatelet potency of clopidogrel when it is administered concomitantly for 5 weeks in patients with acute coronary syndromes. Circulation 2004;109:1335-8.

7. Piorkowski M, Weikert U, Schwimmbeck PL, Martus P, Schultheiss HP, Rauch U ADP induced platelet degranulation in healthy individuals is reduced by clopidogrel after pretreatment with atorvastatin. Thromb Haemost 2004; 92:614-20.

8. Serebruany VL, Midei MG, Malinin AI, et al. Absence of interaction between atorvastatin or other statins and clopidogrel: results from the interaction study. Arch Intern Med 2004;164:2051-7.

9. Gorchakova O, von Beckerath N, Gawaz M,et al. Antiplatelet effects of a 600 mg loading dose of clopidogrel are not attenuated in patients receiving atorvastatin or simvastatin for at least 4 weeks prior to coronary artery stenting. Eur Heart J 2004;25:1898-902.

10. Mitsios JV, Papathanasiou AI, Elisaf M, Goudevenos JA, Tselepis AD. The inhibitory potency of clopidogrel on ADP-induced platelet activation is not attenuated when it is co-administered with atorvastatin (20 mg/day) for 5 weeks in patients with acute coronary syndromes. Platelets 2005;16:287-92.

11. Trenk D, Hochholzer W, Frundi D, et al. Impact of cytochrome P450 3A4-metabolized statins on the antiplatelet effect of a 600-mg loading dose clopidogrel and on clinical outcome in patients undergoing elective coronary stent placement. Thromb Haemost. 2008;99:174-81.

12. Geisler T, Zürn C, Paterok M, et al. Statins do not adversely affect post-interventional residual platelet aggregation and outcomes in patients undergoing coronary stenting treated by dual antiplatelet therapy. Eur Heart J 2008;29:1635-43.

13. Riondino S, Petrini N, Donato L, et al. Effects of rosuvastatin on platelet inhibition by clopidogrel in cardiovascular patients. J Thromb Thrombolysis 2009;28:151-5.

14. Malmström RE, Ostergren J, Jørgensen L, Hjemdahl P; CASTOR investigators.Influence of statin treatment on platelet inhibition by clopidogrel – a randomized comparison of rosuvastatin, atorvastatin and simvastatin co-treatment.  J Intern Med 2009;266:457-66.

15. Poyet R, CuissetT, Frere C, et al. Comparison of rosuvastatin and atorvastatin on clopidogrel response and lipidic and inflammatory parameters after coronary stenting for acute coronary syndrome: the prospective, randomized OSCAR study (optimal statin therapy with clopidogrel after coronary revascularisation). Thromb Res 2010;126:e397-9.

16. Wenaweser P, Eshtehardi P, Albrecht L et al. A randomised determination of the Effect of Fluvastatina and Atorvastatin on top of dual antiplatelet treatment on platelet aggregation after implantation of coronary drug-eluting stents. Thrombosis and Haemostasis 2010; 104:554-62.

17. Bates ER, Lau WC, Angiolillo DJ. Clopidogrel-drug interactions, J Am Coll Cardiol 2011;57:1251-63.

18. Park Y, Jeong YH, Tantry US, et al.. Accelerated platelet inhibition by switching from atorvastatin to a non-CYP3A4-metabolized statin in patients with high platelet reactivity (ACCEL-STATIN) study. Eur Heart J 2012; 33:2151-62.

19. Puccetti L, Santilli F, Pasqui AL, et al. Effects of atorvastatin and rosuvastatin on thromboxane-dependent platelet activation and oxidative stress in hypercholesterolemia. Atherosclerosis 2011; 214:122-8.

20. Sanguigni V, Pignatelli P, Lenti L, et al. Short-term treatment with atorvastatin reduces platelet CD40 ligand and thrombin generation in hypercholesterolemic patients. Circulation 2005;111:412-9.

21. Violi F, Calvieri C, Ferro D, Pignatelli P. Statins as antithrombotic drugs. Circulation 2013;127:251-7.

22. Puccetti L, Pasqui AL, Pastorelli M, et al. Platelet hyperactivity after statin treatment discontinuation. Thromb Haemost 2003;90:476-82.

23. Pignatelli P, Carnevale R, Pastori D, et al. Immediate antioxidant and antiplatelet effect of atorvastatin via inhibition of Nox2. Circulation 2012;126:92-103.

24. Nakamura K, Masuda H, Kariyazono H, et al. Effects of atorvastatin and aspirin combined therapy on inflammatory responses in patients undergoing coronary artery bypass grafting. Cytokine 2006;36:201-10.

25. Piorkowski M, Fischer S, Stellbaum C, et al. Treatment With Ezetimibe Plus Low-Dose Atorvastatin Compared With Higher-Dose Atorvastatin Alone: Is Sufficient Cholesterol-Lowering Enough to Inhibit Platelets? J Am Coll Cardiol 2007;49:1035-42.

26. Leoncini M, Toso A, Maioli M, et al. Impact of High Dose Atorvastatin on the Pharmacodynamic Effects of Double Dose Clopidogrel in Patients undergoing Percutaneous Coronary Interventions. The ACHIDO (Atorvastatin and Clopidogrel HIgh DOse in stable patients with residual high platelet activity) Study. JACC Cardiovasc Interv 2013;6:169-179.

27.Bonello L, Tantry US, Marcucci R, Blindt R, Angiolillo DJ, Becker R, Bhatt DL, Cattaneo M, Collet JP, Cuisset T, Gachet C, Montalescot G, Jennings LK, Kereiakes D, Sibbing D, Trenk D, Van Werkum JW, Paganelli F, Price MJ, Waksman R, Gurbel PA, and Working Group on High On-Treatment Platelet Reactivity. Consensus and Future Directions on the Definition of High On-Treatment Platelet Reactivity to Adenosine Diphosphate. J Am Coll Cardiol2010;56;919-933.

28. Feidt DM, Kathrin Klein, et al. Profiling Induction of Cytochrome P450 Enzyme Activity by Statins Using a New Liquid Chromatography-Tandem Mass Spectrometry Cocktail Assay in Human Hepatocytes. Drug Metab Dispos 2010; 38: 1589-97.

29. Farid NA, Small DS, Payne CD et al. Effect of atorvastatin on the pharmacokinetics and pharmacodynamics of prasugrel and clopidogrel in healthy subjects. Pharmacotheraphy 2008: 28:1483-94.

30. Hess K, Marx N, Lehrke M. Cardiovascular disease and diabetes: the vulnerable patients. Eur Heart J 2012; 14 (supplement B): B4-B13.

31. Leoncini M, Toso A, Maioli M, et al. Pharmacodynamic effects of adjunctive high dose atorvastatin on double dose clopidogrel in patients with high on-treatment platelet reactivity depending on diabetes mellitus status. J Thromb Thrombolysis 2013; Jul 14 [Epub ahead of print] DOI 10.1007/s11239-013-0966-0

32. Gajos G, Rostoff P, Undas A, et al. Effects of polyunsaturated omega-3 fatty acids on responsiveness to dual antiplatelet therapy in patients undergoing percutaneous coronary intervention: the OMEGA-PCI (OMEGA-3 fatty acids after pci to modify responsiveness to dual antiplatelet therapy) study. J Am Coll Cardiol 2010;55:1671-78.

33. Teng R, Mitchell PD, Nutler KA. Pharmacokinetic interaction studies of co-administration of ticagrelor and atorvastatin or simvastatin in healthy volunteers. Eur J Clin Pharmacol 2013; 69:477-87.

34. Dinicolantonio JJ, Serebruany VL. Exploring the Ticagrelor-Statin Interplay in the PLATO Trial. Cardiology 2013;124:105-107.

adminatbv

Commento allo studio COMPASS

A cura di Maurizio Del Pinto (altro…)

Studio CANTOS: nuove prospettive per il trattamento delle malattie cardiovascolari

A cura di Antonella Potenza (altro…)

Studio COMPASS: efficacia dell’associazione rivaroxaban ed aspirina nei pazienti con vasculopatia aterosclerotica stabile

A cura di Antonella Potenza (altro…)

Idarucizumab: Risultati finali dello studio RE-VERSE AD

A cura di Antonella Potenza (altro…)

Lo studio RE-DUAL PCI nei pazienti con FA sottoposti a PCI: risultati e considerazioni per la pratica clinica

A cura di Andrea Rubboli (altro…)