Sono aperte le iscrizioni al corso dedicato all‘Embolia polmonare nel paziente fragile e complesso: Affrontare e prevenire le emergenze. Per partecipare, è necessario iscriversi online compilando l’apposito modulo sul portale di Planning.it. Il corso sarà attivo fino al 15 gennaio 2021.

 

«L’embolia polmonare rappresenta la terza causa di patologia cardiovascolare dopo l’infarto miocardico e l’ictus cerebrale provocando, qualora non si ricorra tempestivamente a cure idonee, l’infarto polmonare e la morte. Statisticamente i soggetti maggiormente colpiti da embolia polmonare sono donne ma vi sono comunque condizioni o soggetti a rischio nei quali l’incidenza può essere più alta e tra questi chi soffre o ha sofferto di altre patologie (come cancro, tumore, ictus o patologie cardiache), soggetti che hanno subito interventi chirurgici, soggetti affetti da obesità, anziani e fumatori, oltre ovviamente ai portatori di fattori genetici e le donne in gravidanza. Ultimato il corretto iter diagnostico la terapia per embolia polmonare può essere preventiva o d’urgenza. In casi limite si può, inoltre, decidere di intervenire chirurgicamente: in genere si deve trattare, però, di una scelta obbligata, poiché nel lungo periodo può essere causa di nuovi emboli.

In ogni caso l’ampio pool di soggetti definibili a (maggior) rischio perché portatori di fragilità, la compresenza di condizioni patologiche e la gravità stessa della patologia rendono ragione di quanti professionisti medici (afferenti a discipline diverse) possano e debbano essere destinatari di questo tema educazionale.»

 

 

 

***

precedenti edizioni

 

«Terapia antitrombotica nelle SCA»

***

«In My Heart: Il trattamento dei pazienti con fibrillazione atriale che devono sottoporsi a PCI: un cambio di paradigma?»

***

«Gestione nella pratica clinica del paziente a rischio per sindrome coronarica acuta e tromboembolismo venoso»

***

Clicca sull'immagine per scaricare la brochure

«Fibrillazione atriale e tromboembolismo venoso: il vantaggio di un’anticoagulazione sicura.»

***

FAD immagine«Il fondaparinux, una barriera alla trombosi arteriosa e venosa»

***

«Golden papers on… Terapia antitrombotica nei pazienti con STEMI/NSTEMI e TEV»

×
Registrati

Per proseguire occorre prestare il consenso al trattamento dei dati per tutte le finalità meglio descritte nell'informativa resa ex art. 13 Regolamento UE 679/2016 Acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità di cui all'informativa