Racconti genovesi
15 Ottobre 2014
Non fu vano? (su Mario Luzi)
20 Ottobre 2014
Racconti genovesi
15 Ottobre 2014
Non fu vano? (su Mario Luzi)
20 Ottobre 2014

Due secoli di libri e di parole

Mi sto divertendo sul web, oggi, e intanto cerco di capire un po’ di storia della critica letteraria e della fortuna degli scrittori italiani. Mi sto divertendo in compagnia di questo articolo di Stefano Maggiolo, che analizza grazie a Google Books e a uno strumento di analisi ad esso collegato (si chiama Google Ngrams) le parole che hanno caratterizzato gli anni dal 1800 fino a oggi. Maggiolo propone un bel grafico e ci spiega come funziona il gioco:

 

Abbiamo detto di come i dati siano prodotti in quantità sempre maggiori, ma spesso non disponibili liberamente, per motivi commerciali, o anche solo per mancanza di un’interfaccia agevole. Per questo motivo, ogni volta che scopro una sorgente che rende facilmente fruibili dei dati interessanti, per me è come la mattina di Natale. In questo caso, la sorgente è Google Ngrams, un servizio che permette di indagare la frequenza d’uso delle parole nel corpus dei libri scansionati da Google, e sopratutto che offre la possibilità di scaricare i dati grezzi per altre analisi. Usando l’interfaccia è facilissimo scoprire che “kitsch” è davvero entrato nell’uso comune a partire dalla seconda metà degli anni settanta, che “noja” e “varj” non si usano più dalla prima metà dell’Ottocento, e che l’espressione “qualcosa di sinistra” è stata diffusa da Aprile [il film di Nanni Moretti].

 

Ma prima ancora che Maggiolo giungesse alla sua condivisibilissima conclusione, per cui «non siamo speciali» (e forse non era necessario Google per saperlo…), io mi ero già infilato dentro Google Ngrams e avevo già provato a fare un centinaio di ricerche per conto mio, tutte letterarie ovviamente: per esempio sul successo dei tre cosiddetti padri fondatori della lingua e letteratura italiana (Dante, Petrarca, Boccaccio); o su quello dei tre poeti quasi “classici” del Novecento (Montale, Ungaretti, Saba). Per non parlare dei continui sorpassi e controsorpassi tra Foscolo, Leopardi e Manzoni; e poi, volendo, anche delle passioni caravaggesche dei nostri anni, che hanno oscurato Raffaello ma non Giotto…

 

Insomma, c’è di tutto ed è per tutti e si arriva dappertutto. Provatelo, se avete tempo, e fatemi sapere se scoprite qualcosa di bello e interessante (oltre al fatto, ci mancherebbe, che non siamo mai stati, nemmeno per un attimo, «speciali»)

Davide Profumo
Davide Profumo
La mia pagina Facebook: https://it-it.facebook.com/davide.loscorfano

Comments are closed.