a cosa serve Gadda
11 novembre, 2018
«il mondo mi spezza il cuore»
15 novembre, 2018

Doppia o tripla? Dati di mondo reale sul trattamento di pazienti con fibrillazione atriale e coronaropatia

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

A cura di Carmelo La Greca

 

Caroline Sindet-Pedersen, Morten Lamberts, Laila Staerk, Anders Nissen Bonde, Jeffrey S Berger, Jannik Langtved Pallisgaard, Morten Lock Hansen, Christian Torp-Pedersen, Gunnar H Gislason, Jonas Bjerring Olesen. Combining Oral Anticoagulants With Platelet Inhibitors in Patients With Atrial Fibrillation and Coronary Disease. J Am Coll Cardiol. 2018 Oct 9;72(15):1790-1800.

 

Gli studi PIONEER AF-PCI e REDUAL-PCI hanno comparato le strategie basate sull’uso di DOAC associato a singolo antiaggregante (SAPT) con l’associazione fra VKA a doppia terapia antiaggregante (DAPT), dimostrando una riduzione dei sanguinamenti, a fronte di rischi simili in termini di eventi cardiovascolari maggiori.

Analogamente, anche lo studio WOEST, comparando l’associazione fra VKA e SAPT con l’associazione fra VKA e DAPT, aveva dimostrato una riduzione dei sanguinamenti.

Rimane quindi in dubbio la superiorità delle strategie basate su DOAC e un singolo antiaggregante rispetto all’associazione tra VKA e un singolo antiaggregante. Peraltro, non si hanno neanche dati di confronto fra la triplice terapia antitrombotica con DOAC e DAPT e la triplice terapia con VKA e DAPT.

 

Questo lavoro di real world basato su registri danesi ha indagato il rischio di sanguinamento, di stroke ischemico, di infarto miocardico e mortalità per tutte le cause in pazienti con storia di fibrillazione atriale e infarto miocardico/PCI, comparando quattro diverse strategie di trattamento: terapia anticoagulante + SAPT, VKA + SAPT o DOAC + SAPT, e terapia anticoagulante + DAPT, VKA + DAPT o DOAC + DAPT. Si è paragonata la strategia VKA + SAPT con l’associazione DOAC+SAPT, mentre la strategia VKA+DAPT è stata paragonata all’associazione DOAC + DAPT.

Sono stati inclusi 3222 pazienti, dei quali 875 (27%) trattati con VKA + SAPT, 595 (18%) trattati con DOAC + SAPT, 1074 (33%) trattati con VKA e DAPT e 678 (22%) trattati con DOAC + DAPT.

A 3 mesi di follow up si è osservata una significativa riduzione del rischio assoluto di infarto miocardico nei pazienti trattati con DOAC + SAPT rispetto ai pazienti trattati con VKA + SAPT, ARD -1.53% (95% CI: -3.08% a -0.11%), senza differenze significative in termini di sanguinamento. I pazienti trattati con DOAC + DAPT hanno mostrato invece una riduzione significativa del rischio di sanguinamenti rispetto ai pazienti trattati con VKA + DAPT, ARD -1.96%, 95% CI -3.46% a -0.88%, senza differenze rilevanti in termini di mortalità per tutte le cause, stroke e infarto miocardico.

 

Occorre tuttavia segnalare alcuni limiti di questo lavoro, che impongono prudenza nell’interpretazione dei risultati.1

In primo luogo, si tratta di un lavoro di real world, e questo spiega in parte alcuni risultati altrimenti difficili da giustificare sul piano biologico: la frequenza di sanguinamenti nei pazienti trattati con DOAC + DAPT (1.98%) è risultata infatti inferiore a quella dei pazienti trattati con DOAC + SAPT (3.12%); ciò probabilmente dipende da differenze nelle due popolazioni (evidenti in tabella 1 del lavoro): i pazienti selezionati per trattamento con DOAC + DAPT erano infatti quelli a minor rischio di sanguinamento (come testimoniato, se crediamo nel mezzo, dal minor punteggio medio HAS-BLED). In secondo luogo, prima dell’inclusione era previsto un periodo di quarantena di 7 giorni post-dimissione; in caso di morte, sanguinamenti, stroke ischemico o infarto miocardico durante il periodo di ospedalizzazione o nei 7 giorni di quarantena, il paziente non veniva incluso nella popolazione, e questo potrebbe aver selezionato per l’analisi pazienti a minor rischio.

 

Per avere dati più concreti, probabilmente sarà necessario attendere risultati di studi randomizzati, i primi dei quali dovrebbero arrivare con la pubblicazione dei risultati dell’AUGUSTUS che, indagando l’efficacia e la sicurezza dell’apixaban nei pazienti con FA che vanno incontro a sindrome coronarica acuta o angioplastica percutanea, analizzerà in un disegno 2×2 tutte e quattro le strategie terapeutiche citate (VKA + DAPT, DOAC + DAPT, VKA + SAPT, DOAC + SAPT).

 

Bibliografia

  1. Gibson CM, Nafee T, Kerneis M. Conundrum of using real-world observational data to inform real-world conclusions about safety and efficacy. JACC 2018. 72 (15):1801-3.

 

Print Friendly, PDF & Email
Carmelo La Greca
Carmelo La Greca
Dirigente medico di I livello, UO di Cardiologia, Fondazione Poliambulanza Istituto Ospedaliero, Brescia

Comments are closed.

×
Registrati
Registrati alla newsletter di ATBV per non perderti le novità del sito.

Per proseguire occorre prestare il consenso al trattamento dei dati per tutte le finalità meglio descritte nell'informativa resa ex art. 13 Regolamento UE 679/2016 Acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità di cui all'informativa