Significato prognostico della vasculopatia extracoronarica dopo infarto miocardico
3 ottobre, 2017
dal suo dimenticato angolo
3 ottobre, 2017

Dissezione coronarica spontanea: outcome clinico

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

A cura di Marta F. Brancati

 

Saw J, Humphries K, Aymong E, et al. Spontaneous Coronary Artery Dissection. Clinical Outcomes and Risk of Recurrence. J Am Coll Cardiol 2017;70:1148-1158.

 

La dissezione coronarica spontanea (SCAD) è una temibile causa di sindrome coronarica acuta, specialmente nelle donne (spesso con meno di 60 anni) senza fattori di rischio cardiovascolari.

Il suo trattamento è controverso: la PTCA si associa a un elevato tasso di insuccesso e di complicanze, tant’è che spesso si predilige la terapia medica.

Lo studio in questione si propone di valutare l’outcome clinico in fase acuta e a lungo termine e di individuare i possibili predittori di ricorrenza.

327 pazienti con SCAD (90.5% donne, età media 52.5 ± 9.6 anni) sono stati prospetticamente arruolati. La presentazione clinica è stata sempre quella di un infarto miocardico (25.7% STEMI e 74.3% NSTEMI), spesso scatenato da stress emotivo o sforzi fisici. È stata osservata una displasia fibromuscolare nel 62.7% dei casi, malattie del connettivo nel 4.9% e patologie infiammatorie sistemiche nell’11.9% dei casi. L’83.1% dei pazienti è stato gestito con terapia conservativa, mentre nel restante 16.9% dei casi si è proceduto con la PTCA o il by-pass. Il tasso di eventi cardiovascolari avversi in fase acuta è stato del 7.3%, quello al follow-up medio di 3 anni è stato del 19.9% (morte 1.2%, reinfarto 16.8%, ictus/TIA 1.2%, rivascolarizzazione 5.8%). La recidiva di SCAD è stata osservata nel 10.4% dei casi. All’analisi multivariata, l’ipertensione si è rivelato l’unico predittore di ricorrenza di SCAD (HR 2.46; p = 0.011), mentre l’uso di beta-bloccanti si è dimostrato in grado di ridurne significativamente il rischio (HR: 0.36; p = 0.004).

Di fatto, quindi, il rischio di eventi a distanza in pazienti con SCAD è piuttosto alto; alla luce di questi dati, la prescrizione di beta-bloccanti sembrerebbe inevitabile.

Print Friendly, PDF & Email
Marta F. Brancati
Marta F. Brancati
Dirigente medico di I livello, UO Emodinamica, Ospedale degli Infermi, ASL BI - Biella

Comments are closed.

×
Registrati
Registrati alla newsletter di ATBV per non perderti le novità del sito.

Per proseguire occorre prestare il consenso al trattamento dei dati per tutte le finalità meglio descritte nell'informativa resa ex art. 13 Regolamento UE 679/2016 Acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità di cui all'informativa