Dialoghi a sorpresa

Ora, caro Glaucone, devi sapere che gli uomini si dividono, per così dire, in quattro fratrìe.

– Vediamole, o Leonzio.

– Appartengono innanzitutto alla prima fratrìa quelli bravi, ma bravi davvero, beati loro, quelli che fanno quel che devono fare, e lo fanno bene, e lo sanno.

– Per Ercole, Leonzio, invidiabile sorte è la loro!

– Invidiabile invero, e quasi divina. Opposta alla loro è invece la seconda fratrìa, della quale fa parte l’innumerabile genìa degli stronzi. Essi sono coloro che non fanno, o se fanno fanno male. E lo sanno, oh se lo sanno, perché è proprio quello che vogliono.

– Come!, vogliono il male?! Ma maestro Socrate dice che…

– Stacce, o Glaucone, vogliono il male. Con buona pace di maestro Socrate.

– Ma allora, o Leonzio, che il Tartaro li inghiotta!

– Anch’io me l’auguro, ma non ci spero. Tuttavia, gli uomini degni di appartenere a queste due prime fratrìe sono rari, e simili a semidei si aggirano tra i mortali. Più facile è incontrare esemplari delle due altre fratrìe, che chiameremo miste. Vuoi tu vederle, o Glaucone?

 

Certe volte, in certi pomeriggi in cui sembra che davvero non ci sia niente di bello da leggere o da imparare, ci si imbatte in un dialogo socratico scritto sul web e ci si scopre a pensare che ci sono cose belle ovunque, basta saperle ascoltare. Il dialogo è breve, richiede un minuto in tutto: fossi in voi lo leggerei fino alla fine.

Davide P.
La mia pagina Facebook: https://it-it.facebook.com/davide.loscorfano

No comments yet.

Leave a Reply

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

due libri magari sorprendenti

Anzitutto una rapida (ma essenziale) nota, stamattina, per segnalarvi l’imperdibile post in cui si descrive un epistolario di natura religiosa […]

Alirocumab efficace nei pazienti diabetici: i risultati dei trial ODYSSEY DM-Insulin e DM-Dyslipidemia

A cura di Ivana Pariggiano (altro…)

spogliarsi delle vesti

C’è una risposta molto interessante, entro un’intervista altrettanto interessante, che ho letto ieri sul web: l’ha data Antonio Di Grado, […]

sonnambulismi letterari

… attraversiamo la vita reagendo alle situazioni che ci sono familiari attenendoci sempre allo stesso copione: diciamo “bene” quando ci […]

Procedura “valve-in-valve” per la correzione transcatetere delle bioprotesi aortiche degenerate

A cura di Antonella Potenza (altro…)