Lontano da qui
19 aprile, 2014
Nostalgia di eroi
24 aprile, 2014

Degli ultimi duecento anni

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Qual è lo scrittore italiano più importante degli ultimi duecento (e forse anche trecento o quattrocento) anni? Sì, è lui, avete indovinato.

 

E qual è invece lo scrittore più deriso, detestato e soprattutto mediamente meno compreso degli ultimi duecento (e forse anche trecento o quattrocento) anni? Ecco, sì, avete di nuovo indovinato: è sempre lui, lo stesso di prima, quello scrittore lì. Che io amo tantissimo, s’intende, ma che non tutti (nemmeno i miei colleghi, che pure lo insegnano… ci siamo capiti) amano come forse si potrebbe, traditi magari dal malinteso concetto di Provvidenza o da un rossore di Lucia che non hanno saputo (loro non hanno saputo) capire.

 

Ecco perché trovo importante e grandemente meritoria l’iniziativa che Radiotre ha fatto partire ieri pomeriggio (scusate il ritardo, ero in macchina, sull’autostrada, non sapevo come avvertirvi…) e che consiste in una lettura integrale del romanzo di quello scrittore lì (che è I promessi sposi di Alessandro Manzoni, ovviamente), effettuata da grandi attori italiani contemporanei, ogni giorno della settimana alle ore 17. Qui potete trovare il progetto delle voci quotidiane e anche ascoltare le letture in diretta sul web, senza nemmeno bisogno di avere o accendere la radio; e qui invece trovate tutte le puntate che eventualmente vi sarete persi (sono i cosiddetti podcast, se vi rimangono dei dubbi).

 

Ma prima ancora potreste forse provare a comprare un agile libretto, che si intitola Il tempo e le opere ed è stato scritto da Carlo Emilio Gadda (un altro di quegli scrittori straordinari che sembrano troppo complessi perché qualcuno osi anche solo pensare di leggerli..) E andare quindi alla pagina 19 del volumetto e leggere la sua Apologia manzoniana, scritta, pensate un po’, nel 1927. Perché quello è forse  il testo che, tra una pugnalata e l’altra agli scrittori e (ahimè) anche ai lettori dell’Italia di oggi (anzi, no, scusate: del secolo vigesimo…), riesce meglio di tutti a spiegare perché uno scrittore straordinario come Alessandro Manzoni possa essere contemporaneamente il più grande e il più irriso e incompreso degli ultimi duecento (ma anche trecento o quattrocento) anni.

 

 

 

[Aggiornamento delle 18.30. Il testo di Gadda si trova anche in rete, a questo indirizzo, se non riuscite a passare in libreria. Il sito gaddiano mi è stato segnalato su un social network da una persona (non un medico, ma un giurista appassionato di Manzoni) che aveva letto questo post: segno che la rete, quando ci proviamo, funziona bene.]

Print Friendly, PDF & Email
Davide Profumo
Davide Profumo
La mia pagina Facebook: https://it-it.facebook.com/davide.loscorfano

Comments are closed.

×
Registrati
Registrati alla newsletter di ATBV per non perderti le novità del sito.

Per proseguire occorre prestare il consenso al trattamento dei dati per tutte le finalità meglio descritte nell'informativa resa ex art. 13 Regolamento UE 679/2016 Acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità di cui all'informativa