A cura di Seena Padayattil

Nielsen P.B, Skjøth F., Søgaard M et al.; Effectiveness and safety of reduced dose non-vitamin K antagonist oral anticoagulants and warfarin in patients with atrial fibrillation: propensity weighted nationwide cohort study; BMJ 2017; 356: j510

 

Gli anticoagulanti orali non Vit-K dipendenti (NOAC) si sono dimostrati una valida alternativa ai dicumarolici nei trial registrativi. I registri e gli studi osservazionali post marketing hanno confermato questi risultati. Una riduzione del dosaggio di questi farmaci è consigliata in alcune condizioni e i criteri per la riduzione sono differenti per i vari farmaci. Per il dabigatran è consigliato l’utilizzo di 110 mg bis die se il paziente ha un’età >80 anni o una clearance renale ridotta (GFR 30-50 ml/min). Il rivaroxaban viene ridotto a 15 mg die se la funzionalità renale è ridotta (GFR 15-49 ml/min). L’apixaban si utilizza a 2,5 mg bis die se il paziente presenta almeno due delle seguenti condizioni: età >80 anni, funzionalità renale ridotta (GFR 15-29 ml/min), basso peso corporeo (≤60 kg). I dati della vita reale sull’utilizzo di questi dosaggi ridotti sono però piuttosto scarsi. Un recente studio ha valutato l’efficacia e la sicurezza di questi dosaggi utilizzando i dati presi dai registri nazionali danesi.

 

Sono stati valutati, dall’agosto 2011 al febbraio 2016, tutti i pazienti affetti da fibrillazione atriale non valvolare, ai quali è stata prescritta una terapia anticoagulante orale con il dabigatran, il rivaroxaban e l’apixaban a basso dosaggio oppure il warfarin. Gli endpoint d’efficacia sono un composito di ictus ed embolia sistemica oltre a ictus e morte da tutte le cause considerate separatamente. Gli endpoint di sicurezza sono emorragie (ictus emorragico ed emorragie maggiori) e ictus emorragico.

 

Sono stati individuati 55.644 pazienti che iniziavano il trattamento con il warfarin o con un basso dosaggio dei NOAC: 69,9% erano in warfarin, 15,9% in dabigatran, 7,9% in apixaban e 6,3% in rivaroxaban. La durata media dell’osservazione era di 2,3 anni. L’età media dei pazienti era diversa per i vari farmaci: 83,9 anni per l’apixaban, 79,9 per il dabigatran, 77,9 per il rivaroxaban e 71 per il warfarin. I pazienti trattati con l’apixaban avevano più comorbilità e il rischio trombotico stimato con il CHA2DS2-VASc score più alto (4,3), seguito dal rivaroxaban e dal dabigatran (3,6) e il warfarin (3,0).

L’ictus ischemico si è verificato in 1779 pazienti nel primo anno di osservazione. L’incidenza era più alta nel gruppo trattato con l’apixaban (4,8%) e più bassa con il dabigatran (3,3%), ma simile al rivaroxaban (3,5%) e al warfarin (3,7%). A confronto con il warfarin, l’apixaban si associava a un trend, non significativo, di aumento degli eventi ischemici, hazard ratio (HR) 1,19, (95% IC 0,95 – 1,49) dopo un anno di follow-up e 1,22 (95% IC 1,0 – 1,5) dopo 2,5 anni di follow-up. Il rivaroxaban mostrava un trend verso il basso di eventi ischemici, hazard ratio 0,89 (95% IC 0,69 – 1,16) dopo un anno di follow-up e 0,92 (95% IC 0,73 – 1,15) dopo 2,5 anni di follow-up. Il dabigatran mostrava una tendenza verso il basso dopo un anno (HR 0,89; 95% IC 0,77 – 1,03), simile a quello del warfarin dopo i 2,5 anni (1,03; 95% IC 0,92 – 1,16).

L’incidenza di eventi emorragici era simile per l’apixaban, il rivaroxaban e il warfarin (rispettivamente 5,1%, 5,6% e 5,1%), mentre era più bassa per il dabigatran (4,1%). Sia dopo un anno che dopo 2,5 anni di follow-up il dabigatran si associava a un trend di bassi eventi emorragici (rispettivamente HR 0,80 e 0,84) confrontato con il warfarin, mentre l’apixaban e il rivaroxaban mostravano un rischio simile al warfarin (rispettivamente HR 0,96 e 1,06).

La mortalità era nettamente differente tra il warfarin e i NOAC a basso dosaggio: 8,6% per il warfarin, 12,2 per il dabigatran, 21,2% per il rivaroxaban e 25,4% per l’apixaban. Dopo gli aggiustamenti pesati per le coorti, questa differenza si attenuava, ma rimaneva comunque alta per i NOAC: gli hazard ratio erano 1,48 (95% IC 1,31 – 1,67) per l’apixaban, 1,04 (95% IC 0,96 – 1,16) per il dabigatran e 1,52 (95% IC 1,36 – 1,70) per il rivaroxaban.

L’apixaban era prescritto a una coorte di pazienti più anziani e con maggiori comorbilità, com’è dimostrato anche dal CHA2DS2-VASc score. Non era poi possibile stimare la clearance della creatinina e pertanto l’appropriatezza del trattamento con un basso dosaggio non era valutabile. Questi dati di vita reale indicano tuttavia che sono necessari ulteriori studi sull’utilizzo dei bassi dosaggi e sull’appropriatezza della loro prescrizione.

[Scarica l’articolo in PDF]

Seena Padayattil
Ricercatrice presso il Dipartimento di Cardiologia dell'Università di Padova.

due libri magari sorprendenti

Anzitutto una rapida (ma essenziale) nota, stamattina, per segnalarvi l’imperdibile post in cui si descrive un epistolario di natura religiosa […]

Alirocumab efficace nei pazienti diabetici: i risultati dei trial ODYSSEY DM-Insulin e DM-Dyslipidemia

A cura di Ivana Pariggiano (altro…)

spogliarsi delle vesti

C’è una risposta molto interessante, entro un’intervista altrettanto interessante, che ho letto ieri sul web: l’ha data Antonio Di Grado, […]

sonnambulismi letterari

… attraversiamo la vita reagendo alle situazioni che ci sono familiari attenendoci sempre allo stesso copione: diciamo “bene” quando ci […]

Procedura “valve-in-valve” per la correzione transcatetere delle bioprotesi aortiche degenerate

A cura di Antonella Potenza (altro…)