Commento alle linee guida europee 2013 sulla coronaropatia stabile: le novità principali (parte 1^)
Filippo Ottani, MD
U.O. di Cardiologia – Forlì
Introduzione
Certamente di nuove linee guida per la valutazione dei pazienti con coronaropatia stabile, ovvero, per usare una terminologia “ad escludendum”, tutto ciò che non ricade sotto il termine di “sindrome coronarica acuta”, se ne sentiva il bisogno, visto che la precedente versione datava 2006. Quasi un’era fa, considerando l’abbondanza di evidenze scientifiche che, nel campo della coronaropatia stabile, si sono venute accumulando nel lustro passato, sia in termini di diagnosi e prognosi che di approccio terapeutico.
adminatbv

due libri magari sorprendenti

Anzitutto una rapida (ma essenziale) nota, stamattina, per segnalarvi l’imperdibile post in cui si descrive un epistolario di natura religiosa […]

Alirocumab efficace nei pazienti diabetici: i risultati dei trial ODYSSEY DM-Insulin e DM-Dyslipidemia

A cura di Ivana Pariggiano (altro…)

spogliarsi delle vesti

C’è una risposta molto interessante, entro un’intervista altrettanto interessante, che ho letto ieri sul web: l’ha data Antonio Di Grado, […]

sonnambulismi letterari

… attraversiamo la vita reagendo alle situazioni che ci sono familiari attenendoci sempre allo stesso copione: diciamo “bene” quando ci […]

Procedura “valve-in-valve” per la correzione transcatetere delle bioprotesi aortiche degenerate

A cura di Antonella Potenza (altro…)