A cura di Marta F. Brancati

Boey E, Gay GM, Poh KK, et al. Visit-to-visit variability in LDL- and HDL-cholesterol is associated with adverse events after ST-segment elevation myocardial infarction: a 5-year follow-up study. Atherosclerosis 2015;244:86-92.

Questo studio analizza l’impatto del controllo non ottimale dei livelli di colesterolo in pazienti già colpiti da STEMI. Sono stati considerati 130 pazienti, che sono stati seguiti nel tempo (follow-up di circa 60 mesi) dopo l’infarto. La variabilità dei livelli di colesterolo LDL e HDL, nonché l’aumento dei valori di LDL nel follow-up sono risultati significativamente associati al rischio di nuovi eventi cardiovascolari (Figura). Questa associazione veniva mantenuta anche dopo correzione per colesterolo basale e diabete mellito. Si tratta di una ulteriore conferma, se mai ce ne fosse bisogno, di quanto un aggressivo controllo dell’assetto lipidico sia fondamentale nella gestione dei pazienti con cardiopatia ischemica.

Brancati Boey f1

[Scarica l’articolo in formato PDF]

Marta F. Brancati
Dirigente medico di I livello, UO di Emodinamica, Ospedale degli Infermi di Biella - ASL BI

due libri magari sorprendenti

Anzitutto una rapida (ma essenziale) nota, stamattina, per segnalarvi l’imperdibile post in cui si descrive un epistolario di natura religiosa […]

Alirocumab efficace nei pazienti diabetici: i risultati dei trial ODYSSEY DM-Insulin e DM-Dyslipidemia

A cura di Ivana Pariggiano (altro…)

spogliarsi delle vesti

C’è una risposta molto interessante, entro un’intervista altrettanto interessante, che ho letto ieri sul web: l’ha data Antonio Di Grado, […]

sonnambulismi letterari

… attraversiamo la vita reagendo alle situazioni che ci sono familiari attenendoci sempre allo stesso copione: diciamo “bene” quando ci […]

Procedura “valve-in-valve” per la correzione transcatetere delle bioprotesi aortiche degenerate

A cura di Antonella Potenza (altro…)