19 Novembre, 2015

la città di cui parliamo

A metà circa di uno dei più bei libri di Italo Calvino, Le città invisibili, il Kan chiede al suo interlocutore Marco Polo, perché parli di tante e tante città senza mai nominare la sua, che è Venezia. Marco …

17 Novembre, 2015

nomina nuda tenemus

Ho letto in rete un interessante saggio letterario, oggi pomeriggio. È un tentativo pacato e strutturato di parlare di ciò che la letteratura è diventata negli ultimi trent’anni, di ciò che leggiamo e che scriviamo, del perché (in qualche modo) …

15 Novembre, 2015

la risposta sbagliata

O la cultura è in grado di dirci qualcosa del presente, della casa che abitiamo, oppure semplicemente non è tale. Per questo oggi rifuggo dalla tentazione dello svago, parlare d’altro, e provo a dire e a lasciar dire a scrittori …

12 Novembre, 2015

bottigliate

Perché ci servono buoni librai? Per esempio, per evitare che un giovane scrittore di dubbio talento prenda a bottigliate in testa una ragazza. Ecco qui, raccontato un po’ confusamente (a mio parere) (non picchiatemi per la critica lieve e benevola) …

10 Novembre, 2015

il sale della terra

Una volta era solo bianco. Ora si trova nero, grigio, rosso, rosa, blu. Un arcobaleno di colori. E di prezzi. Quello bianco costava, e costa ancora, poche decine di centesimi al chilo. Quelli colorati? Beh, possono costare decine e decine

8 Novembre, 2015

i nostri desideri

È stato molto bello (anche se, permettetemi, è stato anche molto brutto che sia avvenuto in occasione di una morte e non, che so io, di un compleanno o della nascita di un nipotino), è stato molto bello, dicevo, leggere …

6 Novembre, 2015

una lunga fila di «quasi»

Che fine ha fatto la satira in Italia? Ce n’è ancora bisogno? A meno di un anno dalla strage di Charlie Hebdo, che equilibrio abbiamo trovato tra libertà d’espressione, insulto inaccettabile e salutare bisogno di deridere il potere? Soprattutto, c’è

3 Novembre, 2015

bruce proust

Un libro che non consiglio mai a nessuno c’è, in effetti: è Alla ricerca del tempo perduto di Proust. Non perché io non lo ami, tutt’altro. È anzi il libro che amo di più insieme alla Commedia dantesca (una volta …

1 Novembre, 2015

le ricorrenze, si sa

Le ricorrenze, si sa, ci inseguono come i predatori affamati, e non ci danno pace, ed evitarle è quasi più faticoso che cedervi e abbandonarvisi, tanto che non di rado lasciamo fare anche alle ricorrenze e ci diciamo che sì, …

×
Registrati
Registrati alla newsletter di ATBV per non perderti le novità del sito.

Per proseguire occorre prestare il consenso al trattamento dei dati per tutte le finalità meglio descritte nell'informativa resa ex art. 13 Regolamento UE 679/2016 Acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità di cui all'informativa