1 Ottobre, 2016

eterno contemporaneo

Di non altro che di Roma si è parlato in questi giorni. Siano stati assessori al bilancio o giochi olimpici, sempre intorno alla capitale il discorso finiva per scivolare. Ecco che quindi mi è parso davvero utile segnalarvi questo breve …

25 Settembre, 2016

due distanze, un addio

Non amo, non so perché, ricorrenze e anniversari. Soprattutto quando si tratta di libri, di scrittori, di centenari e bicentenari, me ne sfugge il rilievo, mi lascia indifferente il loro accavallarsi e trascorrere; e non ho mai voglia di parlare …

23 Settembre, 2016

la quarantesima pagina

Mi capita, sempre più spesso, di non riuscire a finire (o anche di non riuscire ad andare oltre la quarantesima pagina di…) libri molto apprezzati, che tanti amici intelligenti, che hanno la cortesia di frequentarmi, reputano invece libri bellissimi. Addirittura …

20 Settembre, 2016

andare via di qui

Il post più bello e importante e terribile della settimana lo ha scritto Giovanni, senza dubbio, anche se la settimana è soltanto iniziata. Ma siccome è davvero il più bello e importante e terribile di tutti, lo lascio per ultimo, …

18 Settembre, 2016

due città e un animale carino

Non avrete il lieto fine, mi sento di dovervi avvertire fin dalle primissime righe: non questa domenica, insomma, niente lieto fine. Però avrete due città, una specie di spina dorsale dell’Italia dal Nord al Sud, dalla Mitteleuropa al Mediterraneo; due …

14 Settembre, 2016

quando parliamo d’amore

Quando è che davvero parliamo d’amore? E siamo noi che parliamo, quando parliamo d’amore, o è l’amore stesso che trova parole tramite noi, i nostri corpi, il nostro desiderio? E di cosa parliamo quando parliamo d’amore (vabbè, lo so, questa …

9 Settembre, 2016

dove risiedono i desideri

Oggi, in rete, ho letto parole che mi hanno colpito, quasi ferito. Sono le parole di uno scrittore settantenne, Joseph Zoderer, sul «luogo natale», la cosiddetta Heimat. Questo è l’esordio dell’articolo di Zoderer:

 

Quando parlo di Heimat (paese,

7 Settembre, 2016

dimenticanze

Vi concedo (è pura generosità, starei per dirvi, ma non so se cogliereste l’ironia della parola scritta male…) tre possibilità, in questa mattina di settembre.

 

La prima possibilità che vi concedo è un post lungo e impegnativo e noioso …

5 Settembre, 2016

le cose, lo spazio

Ho sognato, ripetutamente nel corso degli anni, di vivere in una casa senza oggetti, solo pareti (sempre che le pareti, naturalmente, non siano esse stesse oggetti, non l’ho mai capito bene…). Ho sognato di eliminare gli spigoli, gli angoli acuti, …

×
Registrati

Concetti e preconcetti nell’uso degli anticoagulanti orali diretti in Italia: una survey nazionale