A cura di Seena Padayattil

A Berkovitch, S Kivity, R Klempfner et al Body mass index and the risk of new-onset atrial fibrillation in middle-aged adults. Am Heart J 2016;173:41-8

In passato alcuni studi avevano mostrato una correlazione tra l’obesità e l’insorgenza di fibrillazione atriale. In questo studio 18.000 soggetti con un’età media di 49±11 anni sono stati suddivisi secondo il loro indice di massa corporea (BMI) in tre gruppi: normale (BMI ≥ 18 <25), sovrappeso (BMI ≥ 25 <30) e obesi (BMI ≥ 30). La durata media di follow-up è stata di circa 6 anni.

L’endpoint primario era l’insorgenza di fibrillazione atriale ed è stato osservato in 288 pazienti (1,6%). L’analisi di sopravvivenza di Kaplan Meier ha dimostrato un’incidenza cumulativa significativamente più alta nel gruppo di obesi (2,1%) rispetto al gruppo in sovrappeso (1,7%) e al gruppo di normali (0,8%; p< 0,001). L’analisi multivariata ha evidenziato che l’obesità è un rischio indipendente che aumenta l’incidenza di FA di 2,34 volte (p<0,008). È stato inoltre osservato che un aumento di 1kg/m2 rispetto al BMI basale comporta 4,3% di aumento del rischio di sviluppo di fibrillazione atriale, mentre un calo di 1kg/m2 riduce il rischio del 7%.

PADAYATTIL BMI e fibrillazione atriale

[Scarica l’articolo in formato PDF]

Seena Padayattil
Ricercatrice presso il Dipartimento di Cardiologia dell'Università di Padova.

due libri magari sorprendenti

Anzitutto una rapida (ma essenziale) nota, stamattina, per segnalarvi l’imperdibile post in cui si descrive un epistolario di natura religiosa […]

Alirocumab efficace nei pazienti diabetici: i risultati dei trial ODYSSEY DM-Insulin e DM-Dyslipidemia

A cura di Ivana Pariggiano (altro…)

spogliarsi delle vesti

C’è una risposta molto interessante, entro un’intervista altrettanto interessante, che ho letto ieri sul web: l’ha data Antonio Di Grado, […]

sonnambulismi letterari

… attraversiamo la vita reagendo alle situazioni che ci sono familiari attenendoci sempre allo stesso copione: diciamo “bene” quando ci […]

Procedura “valve-in-valve” per la correzione transcatetere delle bioprotesi aortiche degenerate

A cura di Antonella Potenza (altro…)