Un matrimonio che s’ha da fare… o uno specchietto per le allodole?
4 Febbraio, 2019
per vedere chi siamo
7 Febbraio, 2019

Apixaban nella prevenzione del tromboembolismo venoso nei pazienti affetti da neoplasia

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

A cura di Ilaria Cavallari

 

Carrier M, et al. Apixaban to Prevent Venous Thromboembolism in Patients with Cancer. N Engl J Med, December 4, 2018. DOI: 10.1056/NEJMoa1814468.

 

I pazienti affetti da neoplasia in fase attiva hanno un aumentato rischio di tromboembolismo venoso che si traduce in un aumento del rischio di mortalità, morbilità e dei costi sanitari. Il punteggio Khorana (range da 0 a 6, con punteggi più alti che indicano un rischio maggiore di tromboembolismo venoso) è stato proposto come strumento per identificare i pazienti con cancro a elevato rischio tromboembolico e può aiutare a selezionare coloro che potrebbero trarre beneficio dalla tromboprofilassi. Lo studio clinico randomizzato AVERT (Apixaban to Prevent Venous Thromboembolism in Patients with Cancer) ha valutato l’efficacia e la sicurezza di apixaban alla dose di 2.5 mg due volte al giorno rispetto al placebo nei pazienti neoplastici a rischio medio-alto di complicanze tromboemboliche (Khorana score ≥2).

 

Popolazione in studio. 574 pazienti ambulatoriali con cancro a rischio medio-alto di tromboembolismo venoso, in attesa di ricevere chemioterapia, randomizzati a ricevere apixaban 2.5 mg due volte al giorno o placebo.

 

Endpoints. L’outcome primario di efficacia era l’incidenza di tromboembolismo venoso oggettivamente documentato in un periodo di follow-up di 180 giorni. L’outcome primario di sicurezza era l’incidenza di un sanguinamento maggiore.

 

Risultati principali. Dei 574 pazienti sottoposti a randomizzazione, 563 sono stati inclusi nell’analisi intention-to-treat modificata. Un episodio di tromboembolismo venoso si è verificato in 12 su 288 pazienti (4.2%) nel gruppo apixaban e in 28 su 275 pazienti (10.2%) nel gruppo placebo (hazard ratio 0.41, 95% CI 0.26-0.65; P<0.001 – Figura 1). Nell’analisi intention-to-treat modificata, un episodio di sanguinamento maggiore si è verificato in 10 pazienti (3.5%) nel gruppo apixaban e in 5 pazienti (1.8%) nel gruppo placebo (hazard ratio 2.00; 95% CI 1.01-3.95; P=0.046). Restringendo l’analisi sulla sicurezza al periodo di effettivo trattamento, un sanguinamento maggiore si è verificato in 6 pazienti (2.1%) nel gruppo apixaban e in 3 pazienti (1.1%) nel gruppo placebo (hazard ratio 1.89, 95% CI 0.39-9.24).

 

 

Conclusioni. In pazienti ambulatoriali con neoplasia in fase attiva, a rischio medio-alto di complicanze tromboemboliche, la terapia con apixaban ha determinato una riduzione significativa del 59% nell’incidenza di tromboembolismo venoso rispetto al placebo al prezzo di un aumento del rischio di sanguinamenti maggiori.

Print Friendly, PDF & Email
Ilaria Cavallari
Ilaria Cavallari
Cardiologo, Policlinico Campus Bio-Medico di Roma

Comments are closed.

×
Registrati
Registrati alla newsletter di ATBV per non perderti le novità del sito.

Per proseguire occorre prestare il consenso al trattamento dei dati per tutte le finalità meglio descritte nell'informativa resa ex art. 13 Regolamento UE 679/2016 Acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità di cui all'informativa