leggendo, per esempio
9 maggio, 2018
uno sguardo sugli altri
16 maggio, 2018

alle origini della nostra lingua

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Vorrei tanto che anche voi aveste il tempo, e spero ancora di più che non ve ne spaventi la mole e il lessico e l’erudizione, per leggere il lungo articolo che oggi ho trovato in rete, scritto da Pier Vincenzo Mengaldo (uno dei nostri più grandi critici letterari viventi) a proposito delle linee dantesca e petrarchesca che percorrono la nostra storia letteraria, e le danno forma e sostanza, e in qualche modo riconducono a sé, in un bipolarismo culturale tutto italiano, ogni altra scrittura che sia nata dopo di loro. Dante contro Petrarca, insomma; ma anche Dante insieme a Petrarca, forse ancora di più. Il primo chiamato per nome di battesimo, non a caso, il secondo chiamato per cognome, quasi a segnare una distanza.

 

E vorrei tanto che non vi spaventassero la mole e il tono dell’articolo, perché è davvero uno di quei testi che illustrano le forme della letteratura come pochi altri, con uno sforzo di sintesi di cui è davvero complicato essere capaci (è necessario essere Mengaldo, insomma; o pochi altri come lui). E quindi, in nome di questa speranza che ho, vi allego un passaggio iniziale di questo articolo, confidando che vi possa incoraggiare nella lettura. Scrive così, Pier Vincenzo Mengaldo:

 

Per entrare nella questione prenderò le mosse da quanto ha affermato drasticamente Gianfranco Contini e cioè che la letteratura italiana è del tutto incomprensibile senza Petrarca mentre si può comprendere benissimo senza Dante. Fino a qualche tempo fa questa tesi più o meno mi persuadeva ma oggi mi lascia perplesso; proverò dunque a contro-dedurre. La prima contro-deduzione è la seguente: la letteratura, e principalmente quella poetica, d’Italia, non è costituita soltanto da testi scritti in italiano ma anche, largamente, nei più vari dialetti della penisola assunti a dignità di lingua letteraria; qui, l’azione di Petrarca è del tutto marginale, mentre molto di più – e per tanti aspetti si può dire esclusivamente – incide Dante. […] Un secondo punto lo accennerò a partire dall’estremo del decorso storico, da due casi di straordinaria reviviscenza di Dante e precisamente delle sue invenzioni, non in poesia ma nella prosa di memoria o di romanzo del Novecento: uno è il Canto di Ulisse che rinasce in Se questo è un uomo di Primo Levi; l’altro è l’audace rifacimento – chiamiamolo così – dell’episodio di Pier della Vigna in pagine non meno memorabili di Menzogna e sortilegio della Morante; e si potrebbero aggiungere facilmente tanti passi di Meneghello o, per passare alla poesia, tutte le situazioni dantesche che riemergono in Montale a siglare il riferimento a situazioni tristemente caratteristiche del secolo passato […]Dagli accenni fatti già, potrebbe scaturire una conclusione del genere: Petrarca agisce a lungo e capillarmente sulla lingua; Dante anche, e prepotentemente, sull’immaginario.

 

Ma può darsi, e lo capirei benissimo, che non abbiate il tempo per il lungo articolo; o anche, succede pure a me, che vi spaventino davvero troppo tutti i riferimenti e tutti gli autori citati da Mengaldo nel suo articolo. E quindi, se così vi è successo, vi propongo un altro link, meno faticoso ma altrettanto interessante e sempre in tema Vi si parla di Petrarca con una mela e una banana; e colui che parla è Giulio Mozzi, che quando si parla di letteratura sa sempre raccontare con efficace chiarezza le sue idee. Lo trovate qui, è un breve video di poco più di 4 minuti. E non è escluso che vi faccia amare un po’ Petrarca e vi faccia tornare in cima a questo articolo, dove troverete di nuovo il coraggio di affrontare il lungo testo di Mengaldo. E farete bene.

Print Friendly, PDF & Email
Davide Profumo
Davide Profumo
La mia pagina Facebook: https://it-it.facebook.com/davide.loscorfano

1 Comment

  1. Giulio Mozzi ha detto:

    Grazie per la citazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

×
Registrati
Registrati alla newsletter di ATBV per non perderti le novità del sito.

Per proseguire occorre prestare il consenso al trattamento dei dati per tutte le finalità meglio descritte nell'informativa resa ex art. 13 Regolamento UE 679/2016 Acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità di cui all'informativa