Glycation of LDL by Methylglyoxal Increases Arterial Atherogenicity: A Possible Contributor to Increased Risk of Cardiovascular Disease in Diabetes

15 Luglio 2011
Reaching ldl-c targets in high-risk patients requires high-efficacy cholesterol-lowering drugs in more than 50% of cases. The results of the check study
29 Luglio 2011

Aegerion Pharmaceuticals. Aegerion Pharmaceuticals announces phase III 56-week data in HoFH patients taking investigational lomitapide is consistent with 26-week data [press release]

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Aegerion Pharmaceuticals. Aegerion Pharmaceuticals announces phase III 56-week data in HoFH patients taking investigational lomitapide is consistent with 26-week data [press release]

May 31, 2011

 

L’Aegerion Pharmaceuticals, Inc., ha recentemente comunicato i risultati di uno studio di fase clinica III disegnato per valutare l’efficacia e la sicurezza a lungo termine di lomitapide, un inibitore della MTP (microsomal triglyceride transfer protein) indicato per il trattamento di soggetti omozigoti per l’ipercolesterolemia familiare (HoFH). La HoFH è una patologia molto rara caratterizzata da un severo innalzamento dei livelli plasmatici di colesterolo LDL (LDL-C) che causa eventi cardiovascolari spesso fatali. Lo studio ha coinvolto 29 pazienti, sia uomini che donne, con un età media di 31 anni e con LDL-C medio di 336 mg/dL. I soggetti coinvolti sono stati trattati per 26 settimane con dosi crescenti di farmaco fino alla massima dose tollerata (60mg/die). I pazienti sono stati quindi trattati per ulteriori 56 settimane. I risultati ottenuti alla fine dello studio evidenziano una significativa riduzione dei livelli plasmatici di trigliceridi tra il 30 e 40% e di LDL-C superiore al 40%. Durante lo studio i più comuni effetti collaterali riportati sono stati leggeri o moderati effetti avversi a livello gastrointestinale. L’inibizione della MTP si propone quindi come una reale possibilità terapeutica in questi soggetti con ipercolesterolemia grave e resistenti alle statine.

Comments are closed.