C’è in Italia un intellettuale che è spesso capace di cogliere molte delle contraddizioni in cui noi stessi ci agitiamo, sbattendo l’uno contro l’altro e non riuscendo a comprenderne in nessun modo il significato. Questo intellettuale (che bella parola, quando posso usarla nel giusto contesto…) si chiama Claudio Giunta, è un raffinato studioso di Dante e ha pubblicato alcuni saggi interessanti anche sulla società contemporanea (ve ne parlerò un’altra volta, prometto). Oggi ha scritto un bel pezzo a proposito della ricerca e della comunicazione della ricerca in Italia e di altre questioni su cui bisogna pur scrivere ogni tanto. Il pezzo è questo; e vi spicca questo bellissimo passaggio, che vi riporto, perché ci riguarda tutti:

 

  • Oggi, il rovescio della festività diffusa è il lavoro, ossia la variante postmoderna del lavoro: un vertiginoso intrico di progetti, riunioni, documenti preparatori, pranzi di lavoro, conference call, caffè, aperitivi per fare due chiacchiere, ore bruciate in macchina, in treno, nei parcheggi, telefonate e soprattutto email, valanghe di email che “fanno andare avanti il progetto” e danno, quando si sia riusciti a smaltirle tutte in una giornata, la sensazione di aver fatto il proprio dovere, di aver davvero lavorato. Ma più che altro è acqua pestata nel mortaio: e per quanto uno s’inventi delle storie, la sensazione che resta, dopo tutto questo agitarsi, è quella di una globale inutilità.
Davide P.
La mia pagina Facebook: https://it-it.facebook.com/davide.loscorfano

un piccolo torto letterario

Può darsi che alcuni di noi, ieri mattina, abbiano avuto un moto di stupore nel sentire il nome di Giorgio […]

la rete di un grande destino

Scrivo di Europa, se ne avete voglia. Poche righe, qualche appunto, solo per ricordare a me stesso (e a chi […]

sensi di colpa

Siamo arrivati al punto: dobbiamo pagare le tasse. Io e la mia compagna, in questi giorni di caldo mediterraneo (qualità […]

libri che cerchiamo

Se avete voglia, anche oggi, di parlare di libri, io credo che possiate partire da qui. Dalla secca ma puntuale […]

lo sguardo altrui

Forse la letteratura non serve a niente, non possiamo escluderlo. E non voglio affatto escluderlo. O forse la letteratura serve […]