Tag Archives: dante alighieri

quattro grandi scrittori, un fallimento

Il primo desiderio che ho avuto oggi, dopo aver letto alcune delle parole scritte e pubblicate sul web italiano, è stato sinceramente quello di uscire di casa, prendere un po’ dell’aria del crepuscolo siciliano e non scrivere proprio niente. Perché …

Read More 0 Comments

in mezzo al traffico

Inchiodato dalla pressante necessità di scovare (per la mia personale salute mentale, mica per altro) una riflessione su qualcosa che non fosse semplicemente il sì e il no, e le presunte presumibili ragioni di certi sì e di certi altri …

Read More 0 Comments

i ritagli di novembre

Ogni giorno, perlustrando il web alla ricerca di qualcosa che possa essere interessante per l’Oblò, mi segno alcuni articoli, alcuni spunti, che forse mi saranno utili. Ma non tutti poi, in realtà, mi vengono davvero utili: alcuni restano sospesi, inutilizzati, …

Read More 0 Comments

quella strana voglia

Sono sicuro (desidero ardentemente essere sicuro) che vi è venuta, se avete ormai superato il giro di boa dei quarant’anni come l’ho superato io, ogni tanto una strana voglia, inconfessabile: la voglia di tornare a studiare un po’ di letteratura, …

Read More 0 Comments

l’essenziale angoscia

Stamattina, proprio stamattina, mi dà lieve consolazione provare a proporre due strani spunti che parlano di bellezza. E mi viene immediatamente in mente una scena di un romanzo (a me vengono spessissimo in mente scene di romanzi e di film, …

Read More 0 Comments

mica stupido

Magari, almeno una volta, vi è venuta la tentazione di comprare e di leggere un libro di Piergiorgio Odifreddi, come venne a me alcuni anni fa (lo comprai il libro, ne lessi qualche pagina, devo averlo buttato via tra un …

Read More 5 Comments

i ritagli di giugno

Ogni giorno, perlustrando il web alla ricerca di qualcosa che possa essere interessante per l’Oblò, mi segno alcuni articoli, alcuni spunti, che forse mi saranno utili. Ma non tutti poi, in realtà, mi vengono davvero utili: alcuni restano sospesi, inutilizzati, …

Read More 0 Comments

a guantanamo c’è una biblioteca

Nel capitolo Il canto di Ulisse, Primo Levi racconta del suo tentativo d’insegnare un po’ d’italiano al suo compagno di prigionia Jean, soprannominato Pikolo. Hanno a disposizione solamente un’ora, e Levi decide di prendere a esempio il canto XXVI dell’Inferno

Read More 0 Comments

la prima parola

Ci sono poche cose di cui sono certo. Anche in campo letterario, sono pochissime. Una di queste, però, mi capita di ripeterla quasi tutti gli anni, o anche solo una volta ogni due anni, che è già molto. Mi capita …

Read More 0 Comments

il sale della terra

Una volta era solo bianco. Ora si trova nero, grigio, rosso, rosa, blu. Un arcobaleno di colori. E di prezzi. Quello bianco costava, e costa ancora, poche decine di centesimi al chilo. Quelli colorati? Beh, possono costare decine e decine

Read More 0 Comments

una paradossale utilità

Come l’autore del post che segnalo oggi, poco più sotto, anche io frequento la lingua e la letteratura degli scrittori latini da molti anni, con soddisfazione e con una certa passione; abbastanza insomma per essermici scavato un piccolo rifugio, forse …

di prima primavera

Immersi quasi all’improvviso nel primo fine settimana di primavera, mentre anche l’ora sta per cambiare e legalizzarsi, e le giornate diventare lunghe e gli aperitivi sui terrazzi finalmente lenti e interminabili come sempre dovrebbero essere, ecco, immersi in tutto questo, …

Carnap Rudolf (1891­-1970)

Il lavoro di Carnap si rifece alla grande tradizione matema­tica e logica tedesca.

Dopo l’avvento al potere di Hitler Carnap si trasferì negli Stati Uniti, come tanti altri intellettuali e scien­ziati europei. Insegnò presso l’Università di Chicago, l’Institute for Advanced …

lo stesso gioco

Oggi c’è un post che mi ha fatto venire voglia di rileggere tanti libri di uno stesso scrittore, che da molto tempo non rileggo, e quando questa cosa succede, in genere significa che due elementi diversi si sono combinati in …

una sfiducia

Vorrei dire chiaramente, oggi che ne è la (f)utilissima giornata mondiale, che la poesia fa male; crea disagio, mette in difficoltà, complica il vostro rapporto con il mondo, la poesia non aiuta e non spinge, la poesia piuttosto rallenta e …