A cura di Seena Padayattil

Importance of angina in patients with coronary disease, heart failure, and left ventricular systolic dysfunction: insights from STICH. Marc Jolicœur, MD, MSc, MHS; Allison Dunning, MS; Serenella Castelvecchio, MD; et al. J Am Coll Cardiol. 2015;66(19):2092-2100.

L’ultima analisi dello STICH trial (uno studio prospettico, randomizzato che ha arruolato i pazienti con FE severamente depressa e coronaropatia a terapia di rivascolarizzazione chirurgica o terapia medica) ha voluto dare risposta a questa importante domanda: la rivascolarizzazione chirurgica migliora la sopravvivenza o la sintomatologia nel sottogruppo di pazienti con angina?

La mortalità è risultata simile tra il gruppo sottoposto a rivascolarizzazione chirurgica associata a terapia medica ottimale rispetto al gruppo con la sola terapia medica (37,4% vs 39,5%; HR 0,89; CI 0,71-1,13; p=0,34). Anche dopo la stratificazione secondo la classe di severità dell’angina i risultati non cambiano. In ugual modo, nel gruppo assegnato alla terapia medica, l’angina non è associata a un’aumentata mortalità. Tuttavia c’è un lieve miglioramento della sintomatologia di angina nel gruppo di pazienti sottoposto a rivascolarizzazione chirurgica (50% vs 41%) rispetto al gruppo trattato con la sola terapia medica, così come si è notato, nello stesso gruppo di pazienti, un minor peggioramento della classe dell’angina stessa (odds ratio: 0,70; 95% CI 0,55-0,90; p<0,01).

Padayattil Stich F1

[Scarica l’articolo in formato PDF]

 

Seena Padayattil
Ricercatrice presso il Dipartimento di Cardiologia dell'Università di Padova.

la chiave che non abbiamo buttato

“In carcere si aspetta sempre qualcosa, il medico, l’agente, l’educatore, il volontario, il pasto, la messa, una lettera. Nella mia […]

Commento allo studio COMPASS

A cura di Maurizio Del Pinto (altro…)

Studio CANTOS: nuove prospettive per il trattamento delle malattie cardiovascolari

A cura di Antonella Potenza (altro…)

Studio COMPASS: efficacia dell’associazione rivaroxaban ed aspirina nei pazienti con vasculopatia aterosclerotica stabile

A cura di Antonella Potenza (altro…)

Idarucizumab: Risultati finali dello studio RE-VERSE AD

A cura di Antonella Potenza (altro…)