A cura di Seena Padayattil

A Randomized Trial of Intensive versus Standard Blood-Pressure Control; the SPRINT research group. NEJM 2015; 373: 2103-2116

In uno studio recentemente pubblicato, circa 9000 pazienti ipertesi, non diabetici, con fattori di rischio cardiovascolare, sono stati randomizzati a un target di pressione arteriosa < 120 mmHg o <140 mmHg. Dopo un periodo di follow-up di 3,2 anni, lo studio è stato concluso anticipatamente, per evidenza di netta riduzione degli eventi cardiovascolari nel gruppo sottoposto a trattamento intensivo (1,65% vs 2,19%; HR 0,75; p<0,001). Anche la mortalità era più bassa nei pazienti sottoposti a trattamento intensivo rispetto a quelli sottoposti al trattamento standard (HR 0,73, CI 0,60 a 0,90; p=0,003).

La divergenza delle curve degli eventi cumulativi dei due gruppi è evidente già dopo un anno di trattamento. I “number need to treat” per prevenire un evento cardiovascolare, una morte dovuta a tutte le cause e una morte da cause cardiovascolari sono rispettivamente 61, 90 e 172. È interessante osservare che il beneficio è maggiore nella popolazione con età >75 anni.

I risultati di questo trial propongono quindi un target più basso rispetto a quello consigliato dalle linee guida attuali.

Nei pazienti che hanno ricevuto un trattamento intensivo si osserva un’aumentata incidenza di insufficienza renale (1,21% vs 0,35% HR 3,49; 95% CI 2,44 a 5,10; p<0,001) ed episodi di ipotensione/sincope. La breve durata dello studio non permette di valutare se il danno renale è permanente. Questo dato è importante per verificare il beneficio clinico netto; pertanto sono necessari studi clinici a lungo termine che tengano in considerazione anche questo aspetto.

Padayattil sprint trial F1

[Scarica l’articolo in formato PDF]

Seena Padayattil
Ricercatrice presso il Dipartimento di Cardiologia dell'Università di Padova.

Studio CANTOS: nuove prospettive per il trattamento delle malattie cardiovascolari

A cura di Antonella Potenza (altro…)

Studio COMPASS: efficacia dell’associazione rivaroxaban ed aspirina nei pazienti con vasculopatia aterosclerotica stabile

A cura di Antonella Potenza (altro…)

Idarucizumab: Risultati finali dello studio RE-VERSE AD

A cura di Antonella Potenza (altro…)

Lo studio RE-DUAL PCI nei pazienti con FA sottoposti a PCI: risultati e considerazioni per la pratica clinica

A cura di Andrea Rubboli (altro…)

Lo studio RE-DUAL PCI nei pazienti con FA sottoposti a PCI

Lo studio RE-DUAL PCI nei pazienti con FA sottoposti a PCI