scelte e battaglie

Se avete un po’ di tempo che per caso oggi vi avanza (tra un sì e un no e molte altre cose che ci sono da fare…), vi consiglio una lettura piuttosto impegnativa ma, a mio parere, molto interessante. Si tratta di un post scritto da Giovanni Zagni il quale, partendo anche dalla recentissima scelta di Oxford Dictionaries, per cui la parola dell’anno 2016 è post-truth («post-verità», avrei detto io, «post-vero», mi insegna invece Zagni), prova a spiegarci qualcosa a proposito della realtà effettuale delle cose e di fact-checking, di scelte politiche consapevoli e/o inconsapevoli, di verità e di racconto della verità, che sono cose assai diverse. È un post che parla forse anche delle piccole scelte come quella che ci spetta oggi, ma richiede un minimo di tempo, vi avverto; per cui mettetevi comodi e cominciate, magari sapendo che a un certo punto leggerete questo, e potremo rifletterci un po’ sopra:

 

L’idea che ci sia una “verità” in politica, e che questa debba orientare la scelta degli elettori, tradisce secondo me un clamoroso fraintendimento, che è figlio della nostra epoca. Il mondo in cui viviamo ci porta ad essere convinti, più o meno consciamente, che davanti ai problemi del nostro tempo ci sia una sola soluzione. La disoccupazione o la criminalità, per esempio, appaiono malfunzionamenti di un meccanismo che persone competenti e informate possono trovare il miglior modo di riparare. Magari grazie al ricorso agli ultimi ritrovati della tecnica: uso apposta un termine demodé, per descrivere l’atmosfera che porta a titoli ultracontemporanei come «I droni che salveranno gli orsi polari». Non è così che funziona la politica: questo modo di pensarla è frutto di ciò che Norberto Bobbio liquidava, in una nota a pié di pagina del suo Destra e sinistra, come «l’illusione tecnocratica». Le scelte politiche, al contrario, sono guidate da ideali e visioni del mondo, e sono tanto più chiare e coerenti quanto più quegli ideali e quelle visioni sono consapevoli e dichiarate. Altrimenti, di politica non si discuterebbe neppure. E le discussioni politiche quasi mai sono davvero intorno ai numeri, nonostante sia di moda – fortunatamente per il mio lavoro – pensare che sia in primo luogo così. Le discussioni politiche sono discussioni sulle idee, che lo si voglia o no.

 

Se invece, come io sospetto, tra un no e un sì, non avete oggi molto tempo per la lettura e per la riflessione, vi posso consigliare le poche righe scritte da Sir Squonk, a proposito proprio della «battaglia» referendaria (parlare di altro, oggi, è davvero assai difficile, ne converrete). Riassumono perfettamente la mia stanchezza e il mio stato d’animo di questi giorni e le trovate qui, se siete un po’ stanchi anche voi.

Davide P.
La mia pagina Facebook: https://it-it.facebook.com/davide.loscorfano

No comments yet.

Leave a Reply

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

la chiave che non abbiamo buttato

“In carcere si aspetta sempre qualcosa, il medico, l’agente, l’educatore, il volontario, il pasto, la messa, una lettera. Nella mia […]

Commento allo studio COMPASS

A cura di Maurizio Del Pinto (altro…)

Studio CANTOS: nuove prospettive per il trattamento delle malattie cardiovascolari

A cura di Antonella Potenza (altro…)

Studio COMPASS: efficacia dell’associazione rivaroxaban ed aspirina nei pazienti con vasculopatia aterosclerotica stabile

A cura di Antonella Potenza (altro…)

Idarucizumab: Risultati finali dello studio RE-VERSE AD

A cura di Antonella Potenza (altro…)