Rivaroxaban e terapia del TEV
Davide Imberti
Direttore Unita’Operativa Complessa di Medicina Interna Centro Emostasi e Trombosi-Ospedale Civile di Piacenza
Gli anticoagulanti tradizionali,  come l’eparina a basso peso molecolare e gli antagonisti della vitamina K, sono stati il caposaldo del trattamento del tromboembolismo venoso (TEV)  in regime ospedaliero e domiciliare. Questi farmaci sono efficaci ma presentano dei limiti che possono condizionarne un corretto  impiego nella pratica clinica quotidiana. In base ai risultati del programma di sperimentazione clinica EINSTEIN, l’inibitore diretto del Fattore Xa rivaroxaban  è stato approvato per il trattamento della trombosi venosa profonda (TVP) acuta , dell’embolia polmonare (EP)  e per la prevenzione del tromboembolismo venoso (TEV)  ricorrente.
adminatbv

Aperte le iscrizioni al Congresso ATBV 2017

Sono aperte le iscrizioni al 12° congresso nazionale Atbv, che si terrà a Trieste il 17-18 novembre 2017. (altro…)

lassù a Reading

Fu un mio amico di Treviso che – parlo di trent’anni fa – mi prestò quel libro con quel titolo […]

a volte un piccolo editore

“A volte un piccolo editore”, mi verrebbe da ripetere, anche qui, subito dopo il titolo. Per provare a ribadire che […]

un piccolo torto letterario

Può darsi che alcuni di noi, ieri mattina, abbiano avuto un moto di stupore nel sentire il nome di Giorgio […]

la rete di un grande destino

Scrivo di Europa, se ne avete voglia. Poche righe, qualche appunto, solo per ricordare a me stesso (e a chi […]