A cura di Marta F. Brancati

Redfors B, Kirtane AJ, Pocock SJ, et al. Bleeding events before coronary angiography in patients with non-ST-segment elevation acute coronary syndrome. J Am Coll Cardiol 2016; 68:2608-2618.

Si tratta di un’importante analisi sull’incidenza e l’impatto dei sanguinamenti in pazienti con SCA senza sopraslivellamento del tratto ST, alla luce del regime antitrombotico. Lo studio utilizza i dati del trial ACUITY, e osserva che su 13.726 pazienti con SCA a moderato-alto rischio trombotico (quindi candidati a coronarografia di routine), in 257 (2%) si sono verificati sanguinamenti clinicamente rilevanti prima della coronarografia, dei quali 52 (0.4%) maggiori. I pazienti con eventi emorragici erano più anziani (età media 66.75 vs 62.59 anni) e più spesso affetti da insufficienza renale (34.1% vs 18.8%). Erano, inoltre, stati trattati più frequentemente con eparina a basso peso molecolare rispetto a quella non frazionata e con inibitori GPIIB/IIIA (GPI) rispetto alla bivalirudina. Come è prevedibile, il rischio di sanguinamento era più alto nei pazienti trattati con multipli farmaci antitrombotici (HR: 1.33; IC 95% 1.14-1.56). A un anno il sanguinamento si associava a una più elevata incidenza di morte (8.5% vs 4.1%, p < 0.001); peraltro, dopo le correzioni statistiche per le comorbilità, gli eventi emorragici erano associati a una maggiore incidenza di morte nel primo anno (HR: 1.89; IC 95% CI: 1.23-2.92, p = 0.004). L’intervallo medio di tempo fra il ricovero e la coronarografia è stato di 4.5 ore nei pazienti che non hanno avuto eventi emorragici e 27.9 ore in coloro che invece li hanno avuti. Non è del tutto chiaro se il ritardo nell’esecuzione della coronarografia sia stato causato dal sanguinamento o piuttosto lo abbia favorito; certo è che, nelle SCA, la strategia antitrombotica con minor rischio emorragico (pur garantendo la copertura anti-ischemica), unita a un rapido ricorso alla coronarografia, dovrebbero costituire i criteri fondamentali di approccio.

[Scarica l’articolo in PDF]

Marta F. Brancati
Dirigente medico di I livello, UO di Emodinamica, Ospedale degli Infermi di Biella - ASL BI

un piccolo torto letterario

Può darsi che alcuni di noi, ieri mattina, abbiano avuto un moto di stupore nel sentire il nome di Giorgio […]

la rete di un grande destino

Scrivo di Europa, se ne avete voglia. Poche righe, qualche appunto, solo per ricordare a me stesso (e a chi […]

sensi di colpa

Siamo arrivati al punto: dobbiamo pagare le tasse. Io e la mia compagna, in questi giorni di caldo mediterraneo (qualità […]

libri che cerchiamo

Se avete voglia, anche oggi, di parlare di libri, io credo che possiate partire da qui. Dalla secca ma puntuale […]

lo sguardo altrui

Forse la letteratura non serve a niente, non possiamo escluderlo. E non voglio affatto escluderlo. O forse la letteratura serve […]