Riduzione del danno periprocedurale a seguito di interventistica coronarica in pazienti con NSTEMI mediante somministrazione di statine ad alto dosaggio: lo studio armyda-acs1



Marco Zimarino
Istituto di Cardiologia-Università degli Studi “G. D’annunzio” C/O Ospedale Ss. Annunziata – Chieti

 

Presupposto. I benefici della terapia con statine a lungo termine sono noti da tempo nei pazienti con malattia coronarica e con ipercolesterolemia 2,3. E’ stata dimostrata una riduzione dell’incidenza di decesso, infarto e riospedalizzazione nei soggetti con sindrome coronarica acuta con infarto miocardico senza sopraslivellamento ST (SCA-NSTEMI) mediante la somministrazione di statine a dosaggio elevato 4. Il presupposto meccanicistico di tale beneficio è mutuabile da studi di ecografia intravascolare che hanno documentato come le statine ad alto dosaggio determinino un “congelamento” della placca aterosclerotica coronarica nei pazienti con SCA-NSTEMI 5.6.

Il gruppo ARMYDA (Atorvastatin for Reduction of Myocardial Damage During Angioplasty) – nato dall’impulso di Giuseppe Patti e Germano Di Sciascio del Campus Biomedico e con la collaborazione di Vincenzo Pasceri dell’Ospedale San Filippo Neri di Roma – aveva già documentato in passato come il pretrattamento con 7 giorni di atorvastatina potesse ridurre l’incidenza di danno periprocedurale a seguito di interventistica coronarica percutanea (PCI) elettiva 7.

Tuttavia, la frequente necessità di trattamento con PCI immediatamente dopo coronarografia nei pazienti con SCA-NSTEMI ha reso oggi un pretrattamento di tale durata difficilmente realizzabile.

Lo studio ARMYDA-ACS. Con lo studio ARMYDA-ACS gli stessi ricercatori hanno testato gli effetti di un trattamento con atorvastatina ad alto dosaggio nelle ore immediatamente precedenti la procedura.

Sono stati quindi arruolati 171 pazienti candidati a coronarografia ed eventuale PCI nelle 48 ore successive ad un episodio con SCA-NSTEMI e randomizzati ad atorvastatina (80 mg 12 ore prima della coronarografia, seguite da 40 mg 2 ore prima della PCI) o placebo, tutti pretrattati con 600 mg di clopidogrel. Sono stati quindi registrati gli eventi avversi a 30 gg: decesso, infarto miocardico (incremento del CK-MB>2 volte i valori normali) e rivascolarizzazione in urgenza.

I pazienti nel gruppo atorvastatina hanno presentato una incidenza del 5% di eventi avversi, significativamente inferiore ai pazienti del gruppo placebo (17%, P<0,01). Tale differenza è risultata quasi esclusivamente ascrivibile all’incidenza di infarto miocardico (5% vs 15%, P<0,04) (Fig. 1). Similmente è stata riscontrata nel gruppo trattato con atorvastatina una minore indicenza di incremento del CK-MB al di sopra dei valori normali (7 vs 27%, P<0,001) e di troponina I (41 vs 58%, P<0,039), mentre l’incidenza di incremento di mioglobina è risultata simile nei due gruppi (45 vs 42%).

All’analisi multivariata la somministrazione di atorvastatina è risultata la sola variabile indipendente in grado di ridurre il rischio di eventi avversi.

Commenti. I possibili meccanismi responsabili di tale protezione precoce dell’atorvastatina non sono stati ancora bene identificati, ma sicuramente non sono riconducibili all’effetto ipocolesterolemizzante, che richiederebbe un trattamento di lunga durata. Studi soprattutto sperimentali con statine hanno documentato l’effetto “pleiotropico” (indipendente dalla riduzione della colesterolemia) 8,9, quale miglioramento della funzione endoteliale, vasodilatazione microvascolare 10,11 ed effetto diretto antitrombotico12. Giuseppe Patti aveva già dimostrato nell’ARMYDA-CAMs che l’atorvastatina è in grado di ridurre l’incremento delle molecole di adesione dopo PCI elettiva 13.

Pertanto anche le statine ad alto dosaggio si inseriscono nell’elenco dei presidi da somministrare in modo precoce al paziente con SCA-NSTEMI candidato ad una gestione precocemente invasiva (coronarografia ed eventuale PCI).

Legenda alla figura 1:

Distribuzione dell’incidenza di eventi avversi a 30 gg nei due gruppi di pazienti.

Bibliografia

1. Patti G, Pasceri V, Colonna G, Miglionico M, Fischetti D, Sardella G, Montinaro A, Di Sciascio G. Atorvastatin Pretreatment Improves Outcomes in Patients With Acute Coronary Syndromes Undergoing Early Percutaneous Coronary Intervention. Results of the ARMYDA-ACS Randomized Trial. J Am Coll Cardiol 2007;49:1272–8
2. Randomised trial of cholesterol lowering in 4444 patients with coronary heart disease: the Scandinavian Simvastatin Survival Study (4S). Lancet. 1994; 344: 1383-1389.
3. Shepherd J, Cobbe SM, Ford I, Isles CG, Lorimer AR, MacFarlane PW, McKillop JH, Packard CJ. Prevention of coronary heart disease with pravastatin in men with hypercholesterolemia. West of Scotland Coronary Prevention Study Group. N Engl J Med. 1995; 333: 1301-1307.
4. Schwartz GG, Olsson AG, Ezekowitz MD, Ganz P, Oliver MF, Waters D, Zeiher A, Chaitman BR, Leslie S, Stern T. Effects of atorvastatin on early recurrent ischemic events in acute coronary syndromes: the MIRACL study: a randomized controlled trial. Jama. 2001; 285: 1711-1718.
5. Nissen SE, Nicholls SJ, Sipahi I, Libby P, Raichlen JS, Ballantyne CM, Davignon J, Erbel R, Fruchart JC, Tardif JC, Schoenhagen P, Crowe T, Cain V, Wolski K, Goormastic M, Tuzcu EM. Effect of very high-intensity statin therapy on regression of coronary atherosclerosis: the ASTEROID trial. Jama. 2006; 295: 1556-1565.
6. Nissen SE, Tuzcu EM, Schoenhagen P, Crowe T, Sasiela WJ, Tsai J, Orazem J, Magorien RD, O’Shaughnessy C, Ganz P. Statin therapy, LDL cholesterol, C-reactive protein, and coronary artery disease. N Engl J Med. 2005; 352: 29-38.
7. Pasceri V, Patti G, Nusca A, Pristipino C, Richichi G, Di Sciascio G. Randomized trial of atorvastatin for reduction of myocardial damage during coronary intervention: results from the ARMYDA (Atorvastatin for Reduction of MYocardial Damage during Angioplasty) study. Circulation. 2004; 110: 674-678.
8. Di Napoli P, Taccardi AA, Oliver M, De Caterina R. Statins and stroke: evidence for cholesterol-independent effects. Eur Heart J. 2002; 23: 1908-1921.
9. Ray KK, Cannon CP. The potential relevance of the multiple lipid-independent (pleiotropic) effects of statins in the management of acute coronary syndromes. J Am Coll Cardiol. 2005; 46: 1425-1433.
10. Boodhwani M, Nakai Y, Voisine P, Feng J, Li J, Mieno S, Ramlawi B, Bianchi C, Laham R, Sellke FW. High-dose atorvastatin improves hypercholesterolemic coronary endothelial dysfunction without improving the angiogenic response. Circulation. 2006; 114: I402-408.
11. Fichtlscherer S, Schmidt-Lucke C, Bojunga S, Rossig L, Heeschen C, Dimmeler S, Zeiher AM. Differential effects of short-term lipid lowering with ezetimibe and statins on endothelial function in patients with CAD: clinical evidence for ‘pleiotropic’ functions of statin therapy. Eur Heart J. 2006; 27: 1182-1190.
12. Undas A, Brummel-Ziedins KE, Potaczek DP, Stobierska-Dzierzek B, Bryniarski L, Szczeklik A, Mann KG. Atorvastatin and quinapril inhibit blood coagulation in patients with coronary artery disease following 28 days of therapy. J Thromb Haemost. 2006; 4: 2397-2404.
13. Patti G, Chello M, Pasceri V, Colonna D, Nusca A, Miglionico M, D’Ambrosio A, Covino E, Di Sciascio G. Protection from procedural myocardial injury by atorvastatin is associated with lower levels of adhesion molecules after percutaneous coronary intervention: results from the ARMYDA-CAMs (Atorvastatin for Reduction of MYocardial Damage during Angioplasty-Cell Adhesion Molecules) substudy. J Am Coll Cardiol. 2006; 48: 1560-1566.

adminatbv

Aperte le iscrizioni al Congresso ATBV 2017

Sono aperte le iscrizioni al 12° congresso nazionale Atbv, che si terrà a Trieste il 17-18 novembre 2017. (altro…)

lassù a Reading

Fu un mio amico di Treviso che – parlo di trent’anni fa – mi prestò quel libro con quel titolo […]

a volte un piccolo editore

“A volte un piccolo editore”, mi verrebbe da ripetere, anche qui, subito dopo il titolo. Per provare a ribadire che […]

un piccolo torto letterario

Può darsi che alcuni di noi, ieri mattina, abbiano avuto un moto di stupore nel sentire il nome di Giorgio […]

la rete di un grande destino

Scrivo di Europa, se ne avete voglia. Poche righe, qualche appunto, solo per ricordare a me stesso (e a chi […]