ogni ragione di dubbio

Se dovessi dire quale è stata la prima occasione in cui ho davvero riflettuto (sul serio, stavo quasi per dire…) a proposito del fatto che sono un essere vivente capace di ridere, e che tutti quelli che mi stanno intorno sono anche loro capaci di ridere, ecco, dovrei di necessità citare Jorge da Burgos e il suo dialogo armato con Guglielmo di Baskerville, che immagino molti di voi ricorderanno:

 

«Mi chiedo», disse Guglielmo, «perché siate tanto contrario a pensare che Gesù abbia mai riso. Io credo che il riso sia una buona medicina, come i bagni, per curare gli umori e le altre affezioni del corpo, in particolare la melanconia.»

«I bagni sono cosa buona», disse Jorge, «e lo stesso Aquinate li consiglia per rimuovere la tristezza I bagni restituiscono l equilibrio degli umori. Il riso squassa il corpo, deforma i lineamenti del viso, rende l’uomo simile alla scimmia.»

«Le scimmie non ridono, il riso è proprio dell’uomo, è segno della sua razionalità», disse Guglielmo.

«Il riso è segno di stoltezza. Chi ride non crede in ciò di cui si ride, ma neppure lo odia. E dunque ridere del male significa non disporsi a combatterlo e ridere del bene significa disconoscere la forza per cui il bene è diffusivo in sè … L’animo è sereno solo quando contempla la verità e si diletta del bene compiuto, e della verità e del bene non si ride. Ecco perché Cristo non rideva. Il riso è fomite di dubbio.»

«Ma talora è giusto dubitare.»

«Non ne vedo la ragione. Quando si dubita occorre rivolgersi a un autorità, alle parole di un padre o di un dottore, e cessa ogni ragione di dubbio.»

 

Ecco perché, anche lasciando da parte Umberto Eco e il romanzo da cui quelle righe ho tratto, non mi ha lasciato indifferente il post pubblicato oggi da Annamaria Testa a proposito delle virtù benefiche del ridere. Ridere è bello, ed è anche giusto insomma; anche quando non ci sia molto da ridere. E Annamaria Testa arriva a scrivere così:

 

La cosa più interessante è che le risate sono, nelle singole relazioni, un ottimo indicatore del livello di attrazione reciproca tra le persone. Insomma: più ridiamo insieme, più ci piacciamo (e molto probabilmente viceversa). Dunque, se avete un appuntamento a cui tenete, disponetevi a ridere o a far ridere. […]

E ancora: ridere migliora il flusso sanguigno. Riduce il livello degli ormoni dello stress come il cortisolo e l’adrenalina e aumenta il livello delle endorfine e degli anticorpi. Insomma: fa proprio bene.

Ma non solo: ridere ha un effetto anestetico e migliora la soglia di tolleranza al dolore fisico. Il primo ad accorgersene, già alla fine degli anni Settanta, è il giornalista e attivista per i diritti civili Norman Cousins, che afferma di essere riuscito a curarsi da una grave forma di artrite con alte dosi di vitamina C e di film dei fratelli Marx.

 

E quindi, forse, è quasi più facile pensare che non sarà la bellezza a salvare il mondo, ma piuttosto una risata. Magari non tutto il mondo, lo so; magari solo quel piccolo spazio che abitiamo. E già, a riuscirci davvero, penso io, non sarà stato poco.

Tags:

Davide P.
La mia pagina Facebook: https://it-it.facebook.com/davide.loscorfano

No comments yet.

Leave a Reply

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

un piccolo torto letterario

Può darsi che alcuni di noi, ieri mattina, abbiano avuto un moto di stupore nel sentire il nome di Giorgio […]

la rete di un grande destino

Scrivo di Europa, se ne avete voglia. Poche righe, qualche appunto, solo per ricordare a me stesso (e a chi […]

sensi di colpa

Siamo arrivati al punto: dobbiamo pagare le tasse. Io e la mia compagna, in questi giorni di caldo mediterraneo (qualità […]

libri che cerchiamo

Se avete voglia, anche oggi, di parlare di libri, io credo che possiate partire da qui. Dalla secca ma puntuale […]

lo sguardo altrui

Forse la letteratura non serve a niente, non possiamo escluderlo. E non voglio affatto escluderlo. O forse la letteratura serve […]