A cura di Marta F. Brancati

Chang HY, Zhou M, Tang W, et al. Risk of gastrointestinal bleeding associated with oral anticoagulants: population based retrospective cohort study. BMJ 2015;350:1585.

I dati sul possibile rischio di emorragie gastrointestinali associato ai NAO sono controversi. L’indagine in questione, proveniente da un ampio database americano di oltre 46.000 pazienti trattati con dabigatran, rivaroxaban o warfarin tra il 2010 e il 2013, getta una nuova luce sul fenomeno. Lo studio, seppur retrospettivo, ha documentato l’assenza di differenze significative nell’incidenza di emorragie gastrointestinali fra l’uso di dabigatran e quello di warfarin o fra l’uso di rivaroxaban e quello di warfarin. È stato evidenziato, comunque, come tale rischio esista nel sottogruppo con più di 75 anni.

Brancati Nao e rischio fig 1

[Scarica l’articolo in formato PDF]

Tags:

Marta F. Brancati
Dirigente medico di I livello, UO di Emodinamica, Ospedale degli Infermi di Biella - ASL BI

Quale terapia anticoagulante durante la gravidanza in portatrici di protesi valvolari meccaniche?

A cura di Seena Padayattil (altro…)

due libri magari sorprendenti

Anzitutto una rapida (ma essenziale) nota, stamattina, per segnalarvi l’imperdibile post in cui si descrive un epistolario di natura religiosa […]

Alirocumab efficace nei pazienti diabetici: i risultati dei trial ODYSSEY DM-Insulin e DM-Dyslipidemia

A cura di Ivana Pariggiano (altro…)

spogliarsi delle vesti

C’è una risposta molto interessante, entro un’intervista altrettanto interessante, che ho letto ieri sul web: l’ha data Antonio Di Grado, […]

sonnambulismi letterari

… attraversiamo la vita reagendo alle situazioni che ci sono familiari attenendoci sempre allo stesso copione: diciamo “bene” quando ci […]