Long-term efficacy of adding fenofibric Acid to moderate-dose statin therapy 
in patients with persistent elevated triglycerides.

Ballantyne CM, et al. Cardiovasc Drugs Ther. 2011

 

Il trattamento con statine rappresenta come noto la strategia terapeutica di prima scelta nel controllo delle dislipidemie e del rischio cardiovascolare. In taluni soggetti tuttavia anche in presenza di un controllo ottimale dei livelli di LDL-C permangono livelli eccessivi di trigliceridi, colesterolo non HDL e ridotti valori di colesterolo HDL. Questo suggerisce l’utilità di una terapia di associazione tra statine e farmaci attivi sui trigliceridi e le HDL. Questo studio ha valutato in quasi 100 soggetti in trattamento con statine e con valori di LDL-C < 100 mg/dl, ma TG > 200mg/dl l’effetto del trattamento con fenofibrato alla dose di 135 mg per un anno. Il trattamento con fenofibrato ha ridotto il colesterolo non HDL, l’apoB e i TG del 9%, 9,8% e del 37,6% rispettivamente mentre il HDL-C è aumentato del 14,9%. Questo effetto ha permesso di migliorare nei soggetti trattati il raggiungimento di valori ottimali non solo di LDL-C, ma anche del profilo lipidico complessivo.
Ad esempio valori ottimali di LDL-C + non-HDL-C + ApoB è stato raggiunto nel 53.3% vs 37.8% dei soggetti in monoterapia con statina e per valori LDL-C + non-HDL-C + ApoB + HDL-C + triglycerides il valore ottimale è stato raggiunto nel 25.6% verso nessuno nella monoterapia.

Ballantyne CM, Jones PH, Kelly MT, Setze CM, Lele A, Thakker KM, Stolzenbach
JC. Long-term efficacy of adding fenofibric Acid to moderate-dose statin therapy 
in patients with persistent elevated triglycerides. Cardiovasc Drugs Ther. 2011

adminatbv

la chiave che non abbiamo buttato

“In carcere si aspetta sempre qualcosa, il medico, l’agente, l’educatore, il volontario, il pasto, la messa, una lettera. Nella mia […]

Commento allo studio COMPASS

A cura di Maurizio Del Pinto (altro…)

Studio CANTOS: nuove prospettive per il trattamento delle malattie cardiovascolari

A cura di Antonella Potenza (altro…)

Studio COMPASS: efficacia dell’associazione rivaroxaban ed aspirina nei pazienti con vasculopatia aterosclerotica stabile

A cura di Antonella Potenza (altro…)

Idarucizumab: Risultati finali dello studio RE-VERSE AD

A cura di Antonella Potenza (altro…)